Jumping Jack Flash weblog

Primi passi nella stampa 3d lenticolare

Posted in varie by jumpjack on 27 luglio 2013

Una “foto lenticolare” è una foto stampata che si può vedere in 3d senza bisogno di occhiali speciali.

Si riconosce facilmente perchè la superficie della foto appare ruvida al tatto, perchè la foto stesa è ricoperta da un foglio di plastica dotato di migliaia di “scanalature” verticali, che in realta’ sono minuscole lenti.

Guardando la foto da diversi punti di vista si possono vedere immagini diverse, per cui si può anche fare in modo che da due punti di vista diversi si vedono le immagini diverse che vedrebbero i due occhi guardando uno stesso oggetto, creando così l’effetto 3d.

La densità delle lenti o linee verticali è espressa in Lines o Lenses per Inch (LPI), e varia al variare della distanza a cui la foto deve essere vista.

Per foto in formato A4 vanno bene LPI comprese tra 40 e 60; valori più grandi sono adatti a foto più piccole e viceversa.

Parallelamente all’LPI varia lo spessore: alto valore di LPI = basso spessore.

Importante è l’angolo di visione: a un basso LPI corrisponde un angolo di visione stretto, [per cui bata spostarsi di poco per veder cambiare l’immagine].

Importante anche la distanza di visione, anch’essa correlata con gli altri valori: alto LPI = distanza corta.

Quindi riassumendo:

  • LPI alto
  • Angolo grande –> animazioni
  • Distanza corta

oppure:

  • LPI basso
  • Angolo stretto –> 3d
  • Distanza grande

Tabella riassuntiva:

LPI 10 15 20 30 40 60 75 100
Angolo di visione
48 47 47 49 49 54 49 42
Distanza di osservazione
15 – 3 m 6-1,5 m 6-1,5 m 5-1m 5m-30cm 3m-30cm 1m-15cm 25-15 cm

Altra tabella secondo altro sito:

LPI 20 40 60 75 100
Spessore 3,3 – 3,8 mm 0,9 – 1,8 mm 0,8 mm 0,65 mm 0,4 mm
Distanza di osservazione 8 – 1,5 m 4 – 1 m 2 – 0,3 m 1,5 – 0,2 m 1 – 0,15 m

La carta lenticolare va scelta non solo in base a questi dati, ma anche in base alla stampante: per una stampante da 600 DPI andrà bene un valore di LPI qualunque tra 60, 50, 40, 30, 20, 15 e 10, perchè 600 è divisibile per tutti, ma se la stampante è da 720 DPI si potranno scegliere solo 60, 40, 30, 20, 15, e 10 , escludendo cioè il 50; questo per evitare disallineamenti nella stampa.

http://www.vicgi.com/DIY-lenticular-print.html

Se le lenti sono orizzontali si può realizzare un’animazione, se sono verticali un effetto 3d, secondo questo schema:



Quest’immagine descrive l’angolo di osservazione, che non può essere mai maggiore di 60° a causa dei limiti di riflettività del materiale:

I fogli lenticolari per immagini 3d hanno angoli compresi tra 24° e 30°, mentre quelli per animazioni tra 45° e 60°.
La sezione trasversale è diversa per i due tipo:

Guida e programma PhotoProjector:
http://www.3dmix.com/eng/help/help1_eng.htm

Programmi utili vari:
http://www.3dmix.com/eng/

Calcolo distanza stereo:
http://www.vicgi.com/viwing-distance-vs-depth.html
http://www.vicgi.com/lenticular-printing-quantitive-analysis.html

DOVE COMPRARE IN ITALIA, anche singoli fogli:

http://www.lenticolari.it/ita/lenticolari.html

Tagged with: , ,

Una Risposta

Subscribe to comments with RSS.

  1. jumpjack said, on 22 agosto 2013 at 18:00

    Ordinato oggi qualche foglio da 75 LPI su http://www.lenticolari.it/ita/lenticolari.html , vediamo un po’ cosa esce fuori…


Puoi inserire un commento qui sotto; diventerà visibile dopo la moderazione dell'amministratore

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: