Jumping Jack Flash weblog

Analisi 4d (3d + tempo) del terremoto del centro-Italia del 24/08/2016 03:36 (01:36 UTC)

Posted in terremoto by jumpjack on 28 agosto 2016

Il seguente filmato mostra l’evoluzione nel tempo e nello spazio dello sciame sismico iniziato la notte del 24 agosto 2016 01:36 UTC con una scossa di circa 6.1 gradi della scala Richter nel centro Italia, tra Lazio, Umbra, Marche e Abruzzo.

I seguenti grafici mostrano invece un’analisi statistica dei dati. Non fornisco deliberatamente alcun commento in quanto non sono un sismologo quindi qualunque cosa dicessi sarebbe inventata; ho solo messo insieme i dati per rappresentarli visivamente nel modo più comodo.

 

prof

 

mag

mag-prof

 

freq


terremoto-20168-sett

Ecco invece video significativi (purtroppo non ho modo di verificare se effettivamente si riferiscono a questo terremoto o se sono i soliti fake):

 

il rumore del terremoto:

 

Studio terremoto Firenze dicembre 2014

Posted in Scienza, terremoto by jumpjack on 22 dicembre 2014

Analisi indipendente dei dati pubblicati dall’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia.

screenshot-firenze

Tramite i dati scaricati dal sito dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV) e una macro Excel da me realizzata, ho creato un file KML che permette di visualizzare l’evoluzione temporale dello sciame sismico in corso a Firenze dal 18 dicembre 2014.
Il file macro-terremoti-ISIDE-INGV-ITACA-firenze2014.xls contiene la macro CreaKML che prende in ingresso il file KML ottenuto dal sito ISIDE e ne produce uno con timestamp, ossia con animazione incorporata.
NOTA: il file KML di origine deve essere prima convertito in formato DOS, perchè se lasciato in formato UNIX non viene letto correttamente dalla macro. Alla fine di ogni riga di dati ci devono essere cioè i caratteri esadecimali 0xd e 0xa.
Esportando invece i dati ISIDE in formato CSV ed importandoli in Excel è possibile ottenere i grafici i distribuzione di magnitudo e profondità.

I file sono disponibili qui:
http://jumpjack.altervista.org/firenze-2014-con-macro-INGV.xls
http://jumpjack.altervista.org/macro-terremoti-ISIDE-INGV-ITACA-firenze2014.xls

File KML per Google Earth: http://jumpjack.altervista.org/terremoto-firenze-2014.kmz

magnitudo

profondita

Video su youtube:

****** NOTA: le conoscenze scientifiche attuali non permettono di prevedere le prossime scosse di un terremoto. Questo video e la relativa macro permettono solo di studiare le scosse già avvenute. ****

Tendenza terremoti in Italia 2012-2013

Posted in terremoto by jumpjack on 25 agosto 2013

Be’, sono decisamente in aumento come numero e come energia:

2012:
**Verona
***Ferrara
*Siena
San Gimignano
Grosseto
*Montegiorgio
*Cingoli
Cupramontana
Latina
San Marco dei Cavoti
Benevento
Avellino x2
**Mormanno
Campo Tenese
Cirò Marina
Brancaleone Marina
Milazzo
Mistretta
*Siracusa

1*: 4
2*: 2
3*: 1
Tot: 19 sciami

2013
Savona: 1/2, 10/2
Belluno: 3/2, 8/2
Firenzuola: 24/2, 20/3
Modena: 15/3, 12/4
Monte Maggiorasca : 7/4, 29/4
Rimini: 13/4, 31/5
Faenza: 2/6, 25/6
Montefiorino: 15/6,12/7
**Massa-Carrara: 16/6,21/8 (in estinzione)
**Garfagnana: 26/1, 26/4
Assergi: 15/2, 9/4
S.Casciano Val Di Pesa: 17-18/4
**Alfero: 11/4, 30/4
*Città di castello: 11/4, 30/8
*Cupramontana: 30/6, 4/8
**Ancona: 18/7, 21/8
*Massa Martana: 16/3, 15/7
Cerretp di Spoleto: 30/5, 7/7
*Sora: 15/2, 2/3
Moliterno: 10/4, 7/5
**Mormanno: 2/1,21/8
Rosarno: 7/7, 20/7
Cesarò: 1/1, 4/2
*Patti: 28/3, 3/5
Gioiosa Marea: 16/8, 21/8

1*:5
2*:5
3*:0
Tot: 26 sciami

Gli asterischi indicano, grosso modo, l’energia, anche se senza grandi pretese di scientificità: non essendo riuscito a inventare un algoritmo che dtermini l’energia di uno sciame (per la verità neanche uno che INDIVIDUI uno sciame…), ho fatto a occhio:
1 asterisco: sciame abbastanza evidente nella mappa GoogleEarth
2 asterischi: molto evidente
3 asterischi: il disastro dell’Emilia del 2012

Sia lo sciame toscano che quello di ancona, quelli attualmente “più famosi”, sembrano in esaurimento.

 

Tagged with: , , ,

Terremoti in Italia in aumento: realtà o psicosi da telegiornale?

Posted in Scienza, terremoto by jumpjack on 22 agosto 2013

Ormai non passa giorno senza sentire in TV di una nuova scossa di terremoti in Italia. Viene automatico pensare che se ne parlano più spesso, vuol dire che ci sono più spesso.

Sarà vero?

Ecco una mia elaborazione dei dati pubblici dell’Istituto Nazionale di Geofisica (INGV).

Due immagini statiche del totale di scosse di terremoto in Italia dal 1 gennaio al 21 agosto 2012 e dal 1 gennaio al 21 agosto 2013:

2012 2013

Non si può dire che viviamo in un paese tranquillo…

Però da questo guazzabuglio non si capisce niente, bisogna ingrandire un po’:Frame02

Frame03

Frame04

Frame05

Frame06

Frame07

Frame08

Frame09

Frame10

Frame11

Frame12

Frame13

Frame14

Frame15

Una GIF animata permette di apprezzare meglio il confronto:

Filmato .AVI: LINK

Youtube:

Tagged with: , ,

Terremoto 7.3 Richter in Giappone: la gente aspetta pazientemente che smetta…

Posted in terremoto by jumpjack on 5 gennaio 2013

Inverosimile video del recente terremoto in Giappone:

http://video.corriere.it/giappone-terremoto-centro-commerciale/e9ea5d30-405b-11e2-abcd-38132480d58e

Nessuno che accenna a scappare, o anche solo a proteggersi la testa, o magari a sbirciare in altro per vedere se gli sta per cadere in testa un mattone… Macchè, stanno lì e aspettano che passi!!

Ma LOL!!

Per loro un 7,3 è “importante” quanto un acquazzone estivo!!!

Un 7,3 Richter è una QUARANTINA di volte più potente del 5,8 de l’Aquila del 2009!!!! (30 volte più forte per ogni grado Richter).

Tagged with: ,

Grafici accelerometrici di vari terremoti

Posted in terremoto by jumpjack on 6 maggio 2009

Questi grafici, tracciati su base dati ITACA, permettono di confrontare direttamente la potenza dei vari terremoti: i grafici possono essere confrontati solo sulle stesse ascisse (che indicano i Km di distanza del sismometro dall’epicentro).

Notare che il numero di barre presenti NON indica il numero di scosse, ma solo il numero di sismometri, quindi se ci sono piu’ barre non vuol dire che il terremoto è stato piu’ forte.

 

I dati sono espressi in termini di accelerazione, come cm/s2; l’accelerazione di gravità, cioè “la forza che ci tiene attaccati a terra” o “la forza che dà origine al nostro peso” (mi si perdoni la colloquialità delle espressioni…) è di 1 “g”, ossia 9.81 metri/s2, o 981 cm/s2.

E’ importante osservare che l’accelerazione del suolo aumenta esponenzialmente man mano che ci si avvicina all’epicentro, quindi solo i dati sismografi equidistanti dall’epicentro sono comparabili direttamente; per questo motivo i dati grezzi di accelerazione ottenuti da sismografi e accelerometri vengono convertiti in magnitudine, che è invece un valore assoluto, e permette quindi di confrontare direttamente due terremoti.

Dati da Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV), servizio “ITACA” – ITalian ACcelerometric Archive:

http://itaca.mi.ingv.it/

Animazioni GoogleEarth terremoti italiani

Posted in terremoto by jumpjack on 21 aprile 2009

Qui di seguito è possibile scaricare i file KML per GoogleEarth di tutti i terremoti italiani registrati dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia dal 2007 al 2009 (attualmente: fino al 21 aprile 2009):

E’ possibile scorrere temporalmente gli eventi mediante la “barra temporale” di GoogleEarth.

Sono disponibili vari file:

Tutte le magnitudo

Magnitudo >2

Magnitudo >3

Magnitudo >4

Se il file viene visualizzato nel browser invece che in GoogleEarth, salvatlo manualmente e poi trascinatelo in GoogleEarth.

I file sono ottenuti da questa pagina (ISIDE dell’Istituto di Geofisica – INGV):

http://iside.rm.ingv.it/iside/standard/result.jsp?page=EVENTS#result

La funziona esporta KML, al momento, esporta file STATICI; utilizzando questa macro Excel 2007, è possibile farli diventare DINAMICI:

Sub CreaKML()

NOTA: il file scaricato da ISIDE è in formato Unix, va prima convertito in formato DOS, cioè coi ritorni a capo = $0d + $0a

Filename = Worksheets(1).Cells(1, 2)
OutputFile = Worksheets(1).Cells(2, 2)
Open OutputFile For Output As #2
Open Filename For Input As #1
While Not EOF(1)
Line Input #1, riga
If InStr(riga, “<name>M”) = 0 Then
Print #2, riga
Else
inizio = InStr(riga, “-“) + 2
fine = InStr(riga, “</name>”) – 5
lunghezza = fine – inizio + 1
Mag = Mid$(riga, 9, InStr(riga, “-“) – 10)
temp = Replace$(Mid$(riga, inizio, lunghezza), ” “, “T”) + “Z”
NuovaRiga = “<TimeStamp><when>” + temp + “</when></TimeStamp>”
Print #2, riga
Print #2, NuovaRiga
‘Debug.Print NuovaRiga
DoEvents
End If
Wend
Close #1
Close #2
MsgBox “Finito”
End Sub

Nella casella 2 della riga 1 deve esserci il percorso del file di origine.

Nella casella 2 della riga 2 deve esserci il percorso del file di destinazione.

Il titolo (non il nome) dei file risultanti andrà cambiato maualmente.

NOTA: il file scaricato da ISIDE è in formato Unix, va prima convertito in formato DOS, cioè coi ritorni a capo = $0d + $0a