Jumping Jack Flash weblog

Diario elettrico Ecojumbo 5000 – 28 agosto 2016: 4000 km con centralina Kelly

Posted in Diario elettrico Ecojumbo 5000, scooter elettrici by jumpjack on 28 agosto 2016

Il contakm segna 14.655 km; significa altri 3000 km percorsi dall’8 maggio, quando il contakm segnava 11.789 e risultavano quindi già percorsi 1000 km dal 4 marzo 2016, quando lo scooter è tornato in circolazione grazie alla nuova centralina, una Kelly KEB72801X da 8 kW. Siamo quindi a 4000 km totali.

Considerando un costo della benzina di 1 euro per 10 km, significa 400 euro risparmiati. La centralina è costata 355 euro, quindi si è già ripagata. Ci sono però le “spese accessorie“, per cui la spesa complessiva è stata di 553,00 euro, che “richiedono” 5530 km per essere ripagati. Mancano quindi ancora 1530 km.

Quindi:

  • 4 marzo – 8 maggio (2 mesi): 1000 km, 500 km/mese
  • 8 maggio – 28 agosto (3 mesi, considerando lo “stop” estivo per ferie): 3000 km, 300 km/mese

La mia percorrenza teorica per andare a lavoro sarebbe 18×24=432 km/mese

Per percorrere i 1530 km mancanti serviranno quindi ancora circa 4 mesi (dicembre 2016).

Tagged with: , ,

Appunti ESP8266

Posted in hardware by jumpjack on 28 agosto 2016

Versione “NodeMCU” con elettronica di controllo.

Wemos Lolin V3 – comprati 2- confrontato con altri – 10 sterline

wemos lolin

Wemos D1 (piccolo, supporta shields, inclusi nell’inserzione): http://www.ebay.com/itm/Latest-ESP8266-WeMos-D1-Mini-V2-Shields-NodeMCU-compatible-with-Arduino-IDE-/272237540715

 

wemos-D1

Wemos MicroSD shield per Wemos D1 (3 sterline):

* The WeMos Micro SD Shield uses: D5, D6, D7, D8, 3V3 and G
* The shield uses SPI bus pins:
* D5 = CLK
* D6 = MISO
* D7 = MOSI
* D8 = CS

 

Data logger su SD card:

https://github.com/wemos/D1_mini_Examples/blob/master/examples/04.Shields/Micro_SD_Shield/Datalogger/Datalogger.ino

 

Web Server:

ESP8266 Web Server with Arduino IDE

 

Uploading
Press reset button while holding flash button pressed (sembra che sul Wemos che ho io non serva più) . In other words. Press flash button, keep the flash button pushed while you once click on reset. You may now release the flash button. The ESP8266 is now in flash mode. You are able to upload the sketch.
Press upload in the Arduino IDE, arduino will compile and upload. After the sketch is uploaded, the led will blink for one second on and off.

 

Webserver simile

Nodemcu-Arduino web server control LED

 

Analisi 4d (3d + tempo) del terremoto del centro-Italia del 24/08/2016 03:36 (01:36 UTC)

Posted in terremoto by jumpjack on 28 agosto 2016

Il seguente filmato mostra l’evoluzione nel tempo e nello spazio dello sciame sismico iniziato la notte del 24 agosto 2016 01:36 UTC con una scossa di circa 6.1 gradi della scala Richter nel centro Italia, tra Lazio, Umbra, Marche e Abruzzo.

I seguenti grafici mostrano invece un’analisi statistica dei dati. Non fornisco deliberatamente alcun commento in quanto non sono un sismologo quindi qualunque cosa dicessi sarebbe inventata; ho solo messo insieme i dati per rappresentarli visivamente nel modo più comodo.

 

prof

 

mag

mag-prof

 

freq


 

Ecco invece video significativi (purtroppo non ho modo di verificare se effettivamente si riferiscono a questo terremoto o se sono i soliti fake):

Effetti del terremoto su una piscina (impressionante!):

Scossa “rotazionale” (???)

Il rumore del terremoto:

 

Dati gratis per tutti

Posted in Uncategorized by jumpjack on 24 luglio 2016

Per gli appassionati di dati e statistiche, ecco una serie di link che mette a disposizione i dati più disparati, molti dei quali accessibili in formato standard JSON:

  1. OpenData comune di Roma
  2. Proposte di app basate su OpenData di Roma (molte previste ma mai effettivemente realizzate)
  3. Portale nazionale: http://dati.gov.it – Istruzioni API: http://www.dati.gov.it/content/sviluppatori
  4. Piemonte: http://dati.piemonte.it/
  5. Emilia Romagna: http://dati.emilia-romagna.it/
  6. Pisa: opendata.comune.pisa.it
  7. Lazio: https://dati.lazio.it/
  8. http://www.sciamlab.com/products/amaca/list-api.shtml.it
  9. Muoversi a Roma: http://www.agenziamobilita.roma.it/it/api-real-time.html – http://muovi.roma.it/
  10. Traffico provincia Roma: http://www.opendata.provincia.roma.it/dataset/monitoraggio-traffico-stradale

 

 

Il deflussaggio: come far andare più veloce un motore elettrico

Posted in auto elettriche, hardware, scooter elettrici by jumpjack on 16 luglio 2016

Questa pagina spiega in che modo un motore elettrico (non so se brushless o a spazzole) può essere “costretto” ad andare più veloce della sua “velocità di targa”, che dipende dalle caratteristiche costruttive, usando un “trucchetto magnetico” che consiste nel ridurre il flusso magnetico, e che potrebbe essere il famigerato “deflussaggio” (“Field weakening”? “Flux weakening”?) emerso su un forum di scooter elettrici anni fa:

http://www.ni.com/white-paper/14922/en/#toc1

Non è chiaro quale sia l’ “equzione 5.7”, ma probabilmente è questa:

  • n = velocità motore in rpm
  • Es = tensione applicata
  • Z= numero totale di “armature conductors” (? Avvolgimenti? Fasi? Nuclei? Boh..)
  • F = flusso magnetico

L’equazione dice cioè che la velocità è proporzionale alla tensione in base al rapporto 60/Z*Fi, che normalmente è costante, per cui si scrive anche:

n = k*V

Il “deflussaggio” si ha quando invece k non è più tenuto costante ma fatto aumentare forzatamente; essendo:

k = 60/Z*F

ci sono solo due modi per far aumentare la velocità: diminuire Z (cosa che richiederebbe un intervento meccanico sugli avvolgimenti, modificando il numero di spire) o diminuire F.

Ovviamente si fa la seconda cosa; per farlo, si aggiunge una resistenza variabile R, o reostato, in serie allo “shunt field”  del motore (che sfortunatamente non so come si traduca…):

Nella figura, E0 è la forza controelettromotrice, cioè la tensione prodotta dal motore a causa della rotazione dello stesso. Questa forza c.e.m. si genera sempre, qualunque sia la causa della rotazione: un’azione meccanica, o l’applicazione di una tensione. Per l’appunto applicando una tensione si raggiungerà una velocità massima che dipende proprio dalla f.c.e.m: quando la velocità è tale che la tensione applicata è pari a quella prodotta dal motore, la velocità non può più aumentare.

La pagina dice:

 

To understand this method of speed control, suppose that the motor in Fig 5 8a is initially running at constant speed. The counter-emf Eo is slightly less than the armature supply voltage Es due to the IR drop in the armature. If we suddenly increase the resistance of the rheostat, both the exciting current Ix and the flux F will diminish. This immediately reduces the cemf Eo, causing the armature current / to jump to a much higher value. The current changes dramatically because its value depends upon the very small difference between Es and Eo. Despite the weaker field, the motor develops a greater torque than before It will accelerate until Eo is again almost equal to Es.

Clearly, to develop the same Eo with a weaker flux, the motor must turn faster. We can therefore raise the motor speed above its nominal value by introducing a resistance in series with the field. For shunt-wound motors, this method of speed control enables high-speed/base-speed ratios as high as 3 to 1. Broader speed ranges tend to produce instability and poor commutation.

Provo a tradurre, evidenziando le frasi che al momento non capisco:

Per comprendere questo metodo di controllo della velocità, supponiamo che il motore in figura stia inizialmente girando a velocità costante. La f.c.e.m. E0 è leggermente più bassa della tensione di alimentazione dell’armatura Es a causa della caduta di tensione IR sulla resistenza interna dell’armatura stessa. Se aumentiamo all’improvviso la resistenza variabile, la corrente di eccitazione Ix diminuirà, e così pure il flusso F. Ciò fa immediatamente calare anche la f.c.e.m E0(*), causando un grosso aumento della corrente I di armatura. La corrente varia parecchio perchè il suo valore dipende dalla piccolissima differenza tra Es ed E0. Nonostante il campo più debole, il motore sviluppa una copia maggiore, e accelererà finchè E0 sarà di nuovo quasi uguale a Es.

Chiaramente, per avere stessa E0 con flusso minore deve aumentare la velocità del motore. Possiamo perciò aumentare la velocità oltre quella nominale introducendo una resistenza in serie al campo. Per motori “shunt-wound“, questo metodo di controllo della velocità permette di triplicare la velocità. Aumenti superiori tendono a produrre instabilità e scarsa commutazione.

 

(*) Eo = ZnF/60

Tagged with:

Raduno elettrico romano 2016

Posted in scooter elettrici by jumpjack on 16 luglio 2016

Come ogni anno, anche nel 2016, in occasione della Settimana Europea della Mobilità Elettrica, si svolgerà a Roma un raduno di appassionati e/o possessori di mezzi elettrici, domenica 18 settembre,

Biciclette, monopattini, skateboard, motorini, scooteroni, minicar, automobili, autobus…. qualunque cosa abbia un motore elettrico di trazione può partecipare ai nostri raduni!

Questa volta il raduno vedrà probabilmente la partecipazione anche del centinaio di veicoli messi insieme nel Flash Mob elettrico di Marzo 2016 dal gruppo Facebook “Mobilità Elettrica Roma e non solo“, che includevano anche i veicoli di un paio di concessionari Nissan e Mercedes, quindi sarà un grosso raduno!

Come sempre, sia l’esposizione del proprio mezzo che la partecipazioni al raduno sono totalmente gratuiti.

L’orario del raduno sarà 16:00-20:00.

Il luogo è attualmente in fase di definizione.

Questa pagina verrà via via aggiornata fino al giorno del raduno.

Per chi non è di Roma mi segnalano un’altra opportunità:
UMBRIA GREEN FESTIVAL 2016
23 -25 SETTEMBRE 2016, TERNI


Questo è l’elenco attuale dei “gruppi elettrici” noti: se il tuo non è tra questi, segnalacelo!🙂

  1. Uniamoci per Contare: Gruppo per la mobilità elettrica sostenibile (Facebook)
  2. La rivoluzione della mobilità elettrica (Facebook)
  3. CITTA’ PIU’ SILENZIOSE E MENO INQUINATE? CON LA MOBILITA’ ELETTRICA SI PUO’ (Facebook)
  4. Libro “Elettrico? Sì grazie”, già noto come “Guida all’auto elettrica”(Facebook)
  5. Flash Mob Mobilità Elettrica Roma e non solo (Facebook)
  6. Raduno Elettrico Romano (Facebook)
  7. Energeticambiente (Forum)
  8. Jobike (Forum bici elettriche)
  9. Calendario eventi elettrici
  10. Aboliamo il motore a scoppio (Facebook)
  11. Evbility (facebook)

Raffreddatore di sedile per auto

Posted in ambiente by jumpjack on 10 luglio 2016

Sembra che all’estero “vadano molto” questi dispositivi, mentre è piuttosto difficile trovarli in Italia

 

coprisedile-waeco coprisedile-zonetech2coprisedile-zonetechcopri-4

Sono coprisedili con ventilatore incorporato, che aspirano aria dall’abitacolo e la soffiano dietro la schiena.

 

copri-8 copri-7 copri-6

Non so se sono progettati per tenerli accesi durante la guida, cosa che mi pare poco salutare (leggasi mal di schiena assicurato!), ma mi sembrano un ottimo sistema per abbassare la temperatura del sedile di un’auto rimasta al sole per ore!

Non è previsto un collegamento diretto all’aria condizionata, ma secondo me potrebbe essere utile “accroccarne” uno “volante”, da collegare solo per qualche secondo, giusto prima di salire in macchina per partire, perchè anche se l’abitacolo fa presto a raffreddarsi con l’aria condizionata, il sedile tende a rimanere caldo… per sempre, perchè appoggiandoci la schiena gli si impedisce di dissipare il calore!

La conseguenza è un aumento dei consumi di carburante, perchè la sensazione di caldo ci obbligherà a tenere l’aria condizionata al massimo per tutta la durata del viaggio, solo perchè abbiamo caldo alla schiena…

Peccato che uno di questi affari costi dai 70 agli 80 euro se acquistato in Italia, e “solo” 40 più dogana (quindi mi sa comunque 70…) se comprato all’estero.

Però mi sa che faccio ‘sto sacrificio e me ne compro uno!

Penso che un dispositivo del genere sia quasi un obbligo, poi, su un’auto elettrica, in cui l’utilizzo smodato dell’aria condizionata può arrivare a DIMEZZARE l’autonomia! La mia non è elettrica… ma se in un’auto elettrica si dimezza l’autonomia… vuol dire che in una  a benzina si raddoppia il consumo di benzina!! (*)

Ecco alcuni rivenditori che ho trovato:

 

 

(*) In città, dove non si va a più di 50 all’ora, il motore dell’auto richiede una potenza di appena 3 kW, mentre l’aria condizionata assorbe da 1kW (su auto elettriche, dove è appositamente studiata per consumare poco) a 5 kW!

 

Alcune ricerche sui consumi dell’aria condizionata in auto:

 

 

 

 

 

Diario elettrico Ecojumbo 5000 – 20 maggio 2015: installata “colonnina”

Posted in Diario elettrico Ecojumbo 5000, scooter elettrici by jumpjack on 25 maggio 2016

In realtà non è una colonnina, è solo un armadietto in alluminio in cui ho “inscatolato” ciabatta e caricabatterie…

Operazione necessaria, perchè ho  rottamato la “colonnina provvisoria” usata negli ultimi 2 anni: la pancia del precedente scooter elettrico, lo Zem Star 45!

Ho installato per adesso anche una piccola ventolina che già avevo, ma è sicuramente da sostituire perchè è da 12V/0.140A, quindi estrae decisamente poca aria… Forse compro queste due da 50x15mm e 3000 giri/min, o forse ne compro una direttamente in fiera, vediamo un po’… In ogni caso non è necessario bucare la scatola perchè in basso c’è una grossa fessura (circa 20×4 cm) per i cavi.

Però questa scatola che ho preso è un po’ stretta: i caricabatterie c’entrano  comodamente… ma non altrettanto i cavi! Il cavo di alimentazione a 220V ha una spina che sporge di 7-8cm che non avevo calcolato, e c’entra proprio per un pelo!

 

20160602_191124.jpg

colonnina-aperta

colonnina-aperta-ann

20160602_191417.jpg

Caricabatterie in saldo su BMSBattery.com!

Posted in auto elettriche, scooter elettrici by jumpjack on 19 maggio 2016

https://bmsbattery.com/

Anche se spediscono dagli USA a prezzi sconsiderati (da 40$ in su!!!), stanno facendo prezzi talmente ribassati (o meglio, stracciati) che l’acquisto conviene lo stesso: ho comprato DUE caricabatterie da 240W/60V per un totale di 67 euro spedizione inclusa… quando UNO lo pagherei 90,00 euro da EcoItalMotor (dove ho preso le batterie) e 80,00 euro + spedizione in vari siti europei!

Speriamo di non aver preso una fregatura…

Ho preso due di questi:

https://bmsbattery.com/ebike-charger-ev-charger/25-alloy-shell-240w-lifepo4-li-ion-lead-acid-battery-ebike-charger-ecitypower-charger.html

15,00$ l’uno (13 euro!)

 

Diario elettrico ecojumbo 5000 – 8 maggio 2016: Primi 1000 km con centralina Kelly

Posted in Diario elettrico Ecojumbo 5000, scooter elettrici by jumpjack on 9 maggio 2016

Quando ho sostituito la vecchia centralina con una nuova Kelly KEB72801X il contachilometri segnava 11655 km; in questi giorni ho varcato gli 11755 (per l’esattezza 11789).🙂

Significa 100 euro recuperati dei 600 spesi per la centralina, i cablaggi, il contattore ecc.

Sono trascorsi circa due mesi dal 4 marzo, il che significa un “tempo di recupero” di 50 euro al mese, ergo un annetto necessario per recuperare le spese sostenute: a marzo 2017 dovrei rimettermi in pari.

Gli 11755 km non sono tutti miei, ho comprato lo scooter già usato; mi sa che non mi sono segnato quanto diceva il contakm quando l’ho acquistato, e comunque il cavo del contakm era guasto, e così è rimasto per molti mesi, fino al 12 luglio 2015.

Considerando che:

  • ho acquistato lo scooter il 25/7/2014 (ad oggi 654 giorni)
  • è stato fermo dal 23/8/2015 al 4/3/2016 (194 giorni)
  • lo uso per per andare a lavoro percorrendo 18 km al giorno
  • i giorni lavorativi annuali sono circa 250

significa che ho percorso almeno 8280 km dal giorno dell’acquisto; considerando anche gli altri viaggetti occasionali, direi in tutto 8500 km (quindi in teoria è come se aòll’acquisto il contakm avesse segnato 11789-8500=3289 km, che arrotonderò al numero mnemonico 3300 per comodità). In un anno “normale”, in cui cioè non tengo lo scooter fermo per 6 mesi…., dovrei percorrere 18×250 = 9000 km/anno, cioè risparmiare 900 euro/anno di benzina.

Saprò che avrò recuperato i soldi della centralina tra altri 5000 km, cioè a 16789 km, che come dicevo dovrebbe avvenire a marzo 2017.

 

 

 

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Segui assieme ad altri 91 follower