Jumping Jack Flash weblog

Diario elettrico GreenGo Icaro: primo guasto!!!

Posted in Diario elettrico GreenGo Icaro, minicar elettriche by jumpjack on 12 marzo 2018

Da non credere, ma dopo pochi giorni di vita, eccomi già al primo guasto! Ed un guasto ELETTRICO!

Per farla breve

Stamattina l’auto non si muoveva. Quadro regolarmente acceso, scritta READY, pulsante rosso alzato, pompa servofreno funzionante, tutti i servizi ok… ma l’auto non si muoveva di un millimetro!

I dettagli

Dovendo andare a lavoro, stamattina non ho potuto fare molto di più che controllare se i morsetti erano tutti serrati…. poi sono andato a lavoro a petrolio…

Tornato a casa, ho chiamato l’assistenza chiedendo lumi; il venditore ha detto che lui non ne sa niente, l’auto ha sempre funzionato. Il concessionario da cui l’ha presa lui mi ha dato qualche suggerimento: pare che sia un problema noto la difficoltà ad avviare le icaro col freddo, o a batteria di servizio non proprio carica, perchè non riesce ad alimentare “qualcosa”; il problema è che per ricaricarsi, deve essa stessa attivare il relè che le fa arrivare corrente dal DC/DC… in un assurdo circolo vizioso che impedisce l’avvio! Dice che conviene tenere in macchina uno “starter” per auto a benzina!!!

Pare però che qualcuno abbia fatto una certa modifica per risolvere questo problema… ma comunque non era il MIO problema: osservando la centralina, infatti, mi sono accorto che i LED rosso e verde erano spenti! No power! Il concessionario mi ha detto di provare a “resettare” staccando il fusibile da 40A che viene dalla batteria di alimentazione; l’ho fatto, ma non è servito.

Allora ho cominciato a smanettare un po’ cavi cavetti e morsetti e… ATTENZIONE! UN LAMPEGGIO! Toccando un cavo, si è acceso per un attimo il LED rosso sulla centralina! Ritoccandolo e tenendolo in posizione, il led rosso si è spento e si è acceso quello verde: centralina pronta! Ma appena ho tolto la mano dal cavo… PUF! Tutto spento!

Però ho ristretto l’area di ricerca del problema: il connettore a 9 pin che unisce motore e centralina.

Il connettore

Ecco come appariva il connettore, lato motore:

Sembra normale… ma manca una cosa fondamentale: il blocca-pin!

Senza questo pezzo, i pin inseriti da dietro sono liberi di tornare indietro quando si inserisce il maschio da davanti! …ed è proprio quello che è successo esattamente al pin 1, proprio quello di alimentazione della centralina! Arretrato talmente tanto da non essere più nemmeno visibile da davanti; l’ho spinto un po’ a mano e l’ho rimesso in pari, come si vede nella prima foto. Dopodichè ho montato il blocca-pin,  che di fatto impedisce alle linguette blocca-pin di alzarsi e sbloccare i pin; a sua volta il blocca-pin è bloccato da un’altra linguetta, insomma un complicato sistema di sicureza per un connettore dalla connessione ultrasicura… se ci metti tutti i pezzi!

Ora, un’assurda coincidenza astrale ha voluto che due anni fa io acquistassi una centralina Kelly per il mio scooter elettrico Ecojumbo, che viene fornita coi fili volanti, senza connettori; quindi comprai anche due connettori, uno a 6 e uno a 9 pin; ebbene… proprio QUESTI connettori, identici! Quindi ho potuto cannibalizzare la griglietta gialla dal mio Ecojumbo e montarla nel connettore della Icaro!

Ecco il connettore correttamente assemblato:

Sezione del connettore, per evidenziare il funzionamento del sistema di blocco dei pin:

Adesso tutto è tornato a funzionare perfettamente.

Fino al prossimo guasto. 🙂  …che potrei anche causare io, appena inizierò a riprogrammare la centralina…

Domanda: possibile si siano dimenticati di montare questo pezzo? Possibile sia caduto a me quando ho aperto il connettore ieri per esaminarlo e verificare come collegare la centralina per riprogrammarla? Per terra non ho trovato niente, e comunque non è che la griglietta si sfila e via: per toglierla dall’Ecojumbo ho dovuto fare leva con un cacciavite! Probabilmente mancava già, ma nell’aprire il connettore ho ovviamente tirato leggermente i fili dei pin; non sarebbe successo niente se ci  fosse stata la griglietta… ma non essendo presente, “mi è venuto dietro” il pin 1!

Mah.

Comunque, l’importante è che adesso tutto funzioni.

 

Diario elettrico Ecojumbo 5000 – batteria riparata

Posted in batterie by jumpjack on 13 novembre 2016
I pezzi sono arrivati, ho fatto tutti i collegamenti bms/celle, e la batteria funziona.
Tutto ok… però… in realtà non tutti i pezzi vanno bene:
– avrei dovuto prendere un connettore da 13 anzichè da 12: avevo dimenticato che sul mio i sono 21 pin, non 20! (alcuni ne hanno solo 20…) Ho rimediato facendo un collegamento volante alla massa… ma non mi piace per niente!
– i pin femmina che ho preso non vanno bene; nelle immagini su RS è quasi impossibile capirlo, ma ora che ho in mano spinotto e pin, mi sono reso conto che un certo tipo di pin va solo su certi tipi di spina, altrimenti non si incastra a scatto, quindi si sfila facilmente! Solo che per capirlo bisogna guardare i pin con la lente di ingrandimento, o avere a disposizione foto dello spinotto e del pin fatte dal lato dell’incastro, mentre su RS le foto sono del tutto a caso!
Adesso però ho capito anche  come scegliere l’accoppiata spina/pin su RS a prescindere dalle immagini; per esempio, scegliendo uno spinotto “JST serie ZH”, quando vado a scegliere il pin femmina dovrò specificare come filtro,  nel campo “per utilizzo con”, la serie giusta, cioè ZH.
Quindi, se per esempio scelgo lo spinotto 762-0866 (codice costruttore ZHR-13), dovrò associargli i pin 762-0761  (codice costruttore BZH-003T-P0.5), fatti così:
pin-femmina-jst-zh
lo spinotto corrispondente a 13 vie:
spina-jst-femmina
Quest’immagine mostra la difficoltà nello scegliere il pin giusto:
spina-pin
– la stripboard che ho usato è troppo piccola; pensavo di poterla accroccare un po’ mettendo insieme due ritagli; in effetti la cosa ha funzionato… ma il lavoro non mi sembra abbastanza solido e pulito per resistere alle vibrazioni stradali per anni; quindi ho deciso di comprare una nuova stripboard bella grande, da poter sagomare senza compromessi, secondo le mie specifiche esigenze.
Ho usato una stripboard perchè il circuito è il seguente:
20161109_175909.jpg
I cavi in basso vengono dal BMS, quelli in alto dalla batteria; in mezzo c’è un’altra fila di spinotti per un’altra batteria, e 3 pinstrip dove attaccare temporaneamente un CellLog8S per monitorare le celle; avendo il CellLog solo 9 pin per monitorare 8 celle, per poter monitorare l’ultima cella del primo gruppo ho dovuto mettere una strip a 10 pin invece che 9, e collegare l’ultimo pin al gruppo successivo, così basta “shiftare” il cellog di una posizione per monitorare le celle da 2 a 9, mentre il secondo gruppo monitora le celle successive.
L’idea sarebbe, un giorno, di collegare entrambe le batterie a un unico BMS, per poter così finalmente avere una batteria unica e poter quindi usare la frenata rigenerativa; dovrò però trovare il modo di installare comunque una batteria di emergenza, perchè se l’unica batteria si spegne/rompe, si spengono anche i fari! Il rischio non è ovviamente accettabile, quindi o metto una batteria di servizio da 12V, o una terza batteria da 60V…
La batteria finale ha BMS esterno, cosa che dovrebbe rendere più facile manutenzione, monitoraggio e upgrade.
20161109_175849.jpg

Costruzione spina Mennekes fatta in casa – puntata 5

Posted in 3d, auto elettriche, elettricita, scooter elettrici by jumpjack on 31 maggio 2014

Una volta trovate le misure, realizzare un modello 3d è solo questione di tempo e pazienza; come primo prototipo ho scelto una versione leggerissima di spina, avente lo scopo principale di studiare ingombri e resistenza strutturale.

Ecco il primo risultato, del costo di circa 10 euro:

IMG_20140531_125519

La spina è ridotta letteralmente all’osso; i sette grossi buchi in realtà probabilmente non servono, in quanto di fatto servono solo a permettere ai pin di… attraversare i 5 cm di plastica di protezione per le dita! Essendo infatti i pin molto massicci (5 pin da 6 mm più 2 da 3mm), dovrebbero essere sufficienti loro a mantenere la spina in posizione.

Adesso però viene la parte difficile: dove trovare questi pin? Li ho cercati online in lungo e in largo, ma alla fine li ho trovati in un negozio fisico:
(more…)