Jumping Jack Flash weblog

ABOUT

INDICE

Diario elettrico – appunti su utilizzo di scooter elettrico Zem Star 45 da 1500 W

Lo scooter fotovoltaico:

Misuratore consumi elettrici – Come tracciare grafici dei consumi elettrici di casa (e valutare se conviene installare i pannelli solari)

Lavandini otturati – il post più letto di tutto il blog! disavventure e rimedi a proposito di lavandini irrimediabilmente otturati!

Appunti di programmazione vari

Appunti sui telecomandi a raggi infrarossi  – come costruirne uno usando un qualunque cellulare

Il progetto di raddoppio di Via Tiburtina – planimetria

Per altri argomenti usa il tasto CERCA o clicca sulle categorie.

 

INDICE COMPLETO DEL BLOG AGGIORNATO AL 10 DICEMBRE 2012:

https://jumpjack.wordpress.com/2012/12/10/indice-del-blog-10-dicembre-2012/

32 Risposte

Subscribe to comments with RSS.

  1. luana said, on 5 agosto 2009 at 15:14

    stupendo, veramente interessante.
    hai delle novità?

    • jumpjack said, on 6 agosto 2009 at 10:02

      non saprei, hai inserito il tuo commento nel post “about”…che non parlla di niente, quindi non so a cosa ti riferisci!😉

  2. TTr said, on 30 settembre 2009 at 3:18

    Hey hows it going. i posted a comment on the IR remote controler site. You think you can offer any help? Thanks!

    • jumpjack said, on 30 settembre 2009 at 12:41

      you have to wait until I receive email notification of your comments and until I approve them before seing them on the blog…

  3. martin hala said, on 12 febbraio 2010 at 15:23

    hello, i just try your helping web page for remote controler by sound record, it working, but it takes about 2 day of trying and testing, finally it very nice and workable. Thanks !!!

  4. mario wevbmasterone said, on 16 marzo 2010 at 15:06

    Ciao, come te la cavi con la grafica ?
    sto cercando qualcuno che sappia realizzare un programma o apllet o qualcosa del genere che visualizzi il mappamondo e date delle coordinate tracci graficamente una linea da punto a punto
    se puoi, quando vuoi, mi becchi su msn (se non mi hai cancellato :)) io no ! )

    ciao
    Web

  5. jumpjack said, on 17 marzo 2010 at 9:01

    google offre delle API per creare grafici online. Credo ci siano funzioni specifiche per creare grafici sulle mappe, anche se non le ho mai usate.
    In altre parole, non so fare i grafici che mi chiedi… quindi ti ho dato un indizio su come farli!😉

    • Mario Webmasterone said, on 17 marzo 2010 at 9:14

      ah,ecco
      avevo visto grafici e non mi quadrava….
      (si che io e te ne stiamo facendo di grafici, ma non è quello che cercavo)
      io cercavo un altra cosa, e speravo tu potessi farla🙂

      ora guardo un po in giro
      grazie comunque
      (se un giorno ti becco online ti spiego cosa vorrei fare)🙂

  6. francesco said, on 8 giugno 2010 at 19:31

    ciao… è da un bel po’ che leggo il tuo progetto del telecomando sul cellulare senza infrarossi…
    molti punti della guida non ho capito e quindi vorrei chiarire meglio, mi potresti dare il tuo indirizzo di chat yahoo oppure msn?

  7. John Doe said, on 24 dicembre 2010 at 1:32

    Ciao, come va?

    Ti scrivo per dirti che devo assolutamente conoscerti: ti trovo decisamente brillante, creativo, innovativo e incredibilmente simile a me.

    In quasi tutti i post che hai scritto e che io ho letto c’è qualcosa che ho sempre pensato anch’io o che mi sono sempre chiesto.

    A presto,

    Matteo

  8. pierlo said, on 28 marzo 2011 at 9:36

    ….riprendo da dove avevo “interrotto”🙂 se me lo concedi approfittando del tuo stupore alle “martellate”.

    Esattamente dall’elasticità delle rocce. Mi manca qualcosa…. qualcosa che giustifichi la geometria dei legami ionici (e non solo). Mi sembra ovvio osservando un cristallo, che gli atomi o gli ioni formino dei legami SOLO in direzioni precise e non lo facciano mai in altre direzioni. A parte tutti i discorsi sugli orbitali, valenze ed elettronegatività….. esiste uno studio sulla geometria di questi legami?

    Ciao
    Pierlo

    PS posto qui perchè non ho capito bene dove dovrei….

  9. giulia said, on 10 maggio 2011 at 11:19

    è inutile cercare foto areee dal satellite con una rilevazione termica, sono disponibili per i comuni mortali? o l’elettromagnetismo?

    so degli studi di ousnounov de l radon visibile dal satellite, cioè la sua interferenza nell’ambiente tu che ne sai?

  10. Flavio Beltrame - Udine said, on 9 ottobre 2011 at 22:37

    Apprezzo molto il tuo diario di prove del tuo scooter elettrico.
    Ne possiedo uno anch’io (Ecospeed della Ecomission 3000 W) da circa 10 mesi con una percorrenza media mensile di circa 700 km. Sono abbastanza soddisfatto Ciao

  11. jumpjack said, on 10 ottobre 2011 at 7:45

    Interessante. Hai anche tu un tuo “diario elettrico”?

    • Flavio said, on 14 ottobre 2011 at 20:31

      Scusa se ho fatto passare qualche giorno prima di rispondere.
      No, non ho nessun diario se non qualche annotazione. Ma consultando il tuo, pare ………dovresti essere come minimo un ingegnere dell’elettrotecnica.
      Comunque posso farti conoscere la mia esperienza. Ho acquistato lo scooter lo scorso dicembre prima della scadenza degli eco-incentivi statali. Duemila e cinquecento ho pagato io più cinquecento lo stato. Attualmente il costo dello scooter (Ecospeed 3000 w) ,dovrebbe aggirarsi intorno ai tremila e duecento euro. E’ stato immatricolato come ciclomotore (50 cc), per questo pago un premio assicurativo annuale di 100,00 euro. Lo uso per recarmi giornalmente al lavoro, luogo (azienda di famiglia) dove ho la possibilità di ricaricarlo e di scaricare invece totalmente la spesa. La ricarica parziale giornaliera (circa due ore mezza, tre), mentre io lavoro, avviene dopo quattro viaggi (trentacinque chilometri totali). A distanza di dieci mesi il bilancio mi sembra certamente positivo sul piano economico. Certo uno come me che non aveva mai posseduto una “due ruote” deve accettare le avverse condizioni meteorologiche che si possono manifestare saltuariamente nel tragitto che però e percorribile in soli dieci minuti circa. Nel periodo estivo però si viene ripagati totalmente con l’uso dello scooter, sensazione piacevole che non avevo mai provato prima e che non avevo neanche preso in considerazione durante l’acquisto. Qualche problema di funzionamento al mezzo l’ho riscontrato anch’io ma si è risolto favorevolmente. Poco dopo l’acquisto ho dovuto sostituire una lampada bruciata ad uno dei due fari anteriori, lavoro che ho effettuato personalmente. Lo scorso mese di agosto invece ho dovuto sostituire il caricabatterie che ad un certo punto ha smesso di funzionare (probabilmente qualche componente surriscaldato), ma che mi è stato sostituito gratuitamente dalla ditta essendo ancora in garanzia. Più problematico il guasto che recentemente si era generato all’impianto elettrico dello scooter, ma anche in questo caso il problema è stato risolto con poco.
      Infatti un morsetto in plastica situato nel vano sotto sella, dove vengono collegati i grossi cavi elettrici, evidentemente troppo tenero, si era letteralmente fuso provocando un contatto dei cavi adiacenti e quindi un corto circuito all’impianto. Lo scooter si spegneva in corsa provocando uno sciack. di rumore che però indossando il casco non riuscivo a localizzare. Dovevo, sempre in corsa chiudere la chiave e riaprirla per ripartire, di fatto però non sono mai rimasto appiedato.
      L’assistenza telefonica della ditta venditrice (loro a Genova io a Udine) mi ha indirizzato poi nella riparazione del guasto che in seguito ho effettuato personalmente sostituendo il morsetto con uno per uso industriale molto più resistente, ho evitato così anche costi ulteriori di elettrauto.
      In questo periodo però la mia attenzione è rivolta alla sicurezza stradale. In questi mesi di uso dello scooter mi sono accorto che i mezzi a quattro ruote considerano le due ruote a bassa velocità un intralcio. Quando correvo sulla mia corsia mi posizionavo sempre sul margine per non dar fastidio, con il risultato che tutti mi sorpassavano (naturalmente tutti senza freccia) e con il rischio anche di tagliarmi la strada e spingermi nel fossato. Da un po’ di tempo ho deciso di correre al centro della mia corsia e se vogliono passarmi devono esporre la freccia e passare sull’altra corsia. Il risultato e raggiunto in parte, i ritardatari del mattino, pur di passarmi (ancora senza freccia) lo fanno anche in curva e con linea continua. Le imprecazioni da parte mia ma anche di qualche automobilista sono copiose. Da qualche tempo però gli automobilisti che mi conoscono prima di passarmi pensano due volte e la velocità dei veicoli sulla tratta che è in gran parte soggetta al limite di 50 ed a bassa intensità di traffico, in mia presenza, diminuisce. Cosa ne pensi, puoi farmi qualche critica o suggerimento.

      Da automobilista a “scooterista” a terrorista.

      • jumpjack said, on 14 ottobre 2011 at 22:11

        Stendiamo un velo pietoso sul rapporto scooteristi-automobilisti… Oggi sono quasi entrato dentro allo spportello del fuoristrada di una signora che mi ha visto benissimo arrivare e sentito suonare, ma non era interessata alla mia presenza… Tuttavia devo ammettere che anch’io, quand’ero automobilista, detestavo gli scooter lenti!🙂

        Inizialmente, vista la mia scarsa velocità su strade extraurbane (60 km/h max senno’ spacco tutto…), mi tenevo anch’io sempre sulla destra…. poi ho fatto conoscenza con le sospensioni del mio scooter e le strade della provincia di Roma, e ho deciso di cambiare tattica, e stare in mezzo alla strada: è l’unico modo per sopravvivere, altrimenti dovevo riavvitare tutti i bulloni una volta al mese!🙂

        Quanto ai miei problemi elettrici, credo che ne avrò tra qualche mese coi morsetti delle batterie, visto che le attacco e stacco tutti i giorni per portarle in casa a caricare, e i morsetti non sembrano per niente fatti per attacca-e-stacca, sono davvero duri: o si rompera’ il morsetto in plastica, o il cavo di rame a forza di piegarlo e ripiegarlo per attaccare il morsetto… Ma vabbe’, a cambiare il cavo ci vorrà poco. A cambiare il morsetto… sarà impossibile, già mi immagino che dovrò comprarlo su Alibaba pagando 30 euro di spedizione per un cosino di plastica! Speriamo bene.

        Interessante che tu possa ricaricare a lavoro, come fai?
        Io quando ho chiesto all’ “energy manager” della mia azienda come potevo fare a caricare lo scooter elettrico… mi ha chiesto se mi serviva un camion.

        Per caricarlo.

        Sul camion…

        • Anonimo said, on 28 marzo 2012 at 15:02

          sarai un grande cliente di alibaba….l’esperienza dovrebbe insegnare che bisogna acquistare un prodotto che abbia dietro la serietà di un’azienda che ci mette la faccia……..al prossimo tuo acquisto, ricordati MADE IN ITALY per il tuo interesse mi sei sembrato un pò avventurierp ad acquistare prodotto cinese…svegliaaaaa!!!!!!!!!!!!

          • jumpjack said, on 28 marzo 2012 at 15:25

            Con chi stai parlando, e a proposito di che cosa?!?
            Se parli di scooter elettrici, fino all’anno scorso nessun fabbricante “noto” di scooter ne produceva. Solo quest’anno si è affacciata sul mercato la Peugeot, ma il suo scooter ancora non è nemmeno in vendita…
            Comunque, in quest’anno di possesso, ho risparmiato 834 euro di benzina…😉

            • Anonimo said, on 28 marzo 2012 at 15:41

              sto parlando con quel pilota che ha testato oxygen………….è che proprio non ci capisci…….ma aspetto che farai le tue esperienze!!!!!!! i soldi sono tuoi…….

              • jumpjack said, on 28 marzo 2012 at 19:56

                Infatti, i soldi sono miei… e preferisco comprare un cinese da 4000 euro e risparmiare 800 euro di benzina all’anno andando a 70 km/h, che comprare un equivalente italiano che costa CINQUEMILAQUATTROCENTO euro (*) che va a 50 all’ora.
                Gli Oxygen sono completamente fuori mercato, sia come prezzo che prestazioni.
                Pero’ possono essere migliorati, credo che tutti i loro difetti siano eliminabili: eliminare il tunnel vuoto, eliminare corrimano e maniglie, togliere il limitatore di velocità, e attivare il Regen solo su richiesta e non quando si lascia l’acceleratore (basta riprogrammare la centralina).
                Ha persino un pulsante a molla predisposto, ma inutilizzato, e un pulsante a tre posizioni anch’esso non utilizzato: si potrebbero invece usare per attivare programmi alternativi della centralina.
                Di spazio per migliorare ce n’è.

                (*) Per non parlare di quello che costa 9550 euro iva inclusa. (quanto un’automobile!)

              • caterina said, on 1 maggio 2012 at 21:00

                c’è un solo galantuomo……il tempo…….

  12. Flavio said, on 15 ottobre 2011 at 21:25

    La battuta del camion è particolarmente sagace e raffinata. Se l’azienda non è tua forse è meglio effettuare la ricarica a casa o portare in azienda il tuo nuovo pannello fotovoltaico
    (complimenti per la tua realizzazione lo vorrei anch’io)onde evitare malumori ed incomprensioni con il titolare sul costo energetico per la ricarica. Per quanto mi riguarda la spesa che la mia azienda sostiene per 700 km mensili potrà aggirarsi sui 5 o 6 euro compresa IVA che poi l’aziende scarica. Basterebbe lavorare un’ora in più al mese ed è fatta.

    • jumpjack said, on 15 ottobre 2011 at 21:28

      >La battuta del camion è particolarmente sagace e raffinata.
      Battuta? Quale battuta? Non sapeva di aver fatto una battuta….

      Portare in azienda 2 metri quadri di pannello? Mmhh…. potrei sostituire la finestra….🙂
      Comunque è da un anno che rompo gli zebedei all’azienda per fargli mettere pannelli solari, colonnine, o entrambi, prima o poi cederanno!😉

  13. enzoc said, on 31 ottobre 2011 at 0:34

    mi piace.
    EnzoC

  14. simona said, on 6 febbraio 2012 at 15:46

    Ho un assoluto bisogno di sturare un tubo che mi blocca tutto (esce acqua da bidet, a monet ci sono lavandino cucina, bagno elettrico gatti, lavatrice) AIUTOOOOOOOOOOOOOOO!!! ho letto che sei di roma!!! preferisco pagare te che un idraulico..ho anche appena ordinato una idropulitrice + tubo sturatubi….mi aiuti?

  15. kredit vergleichen said, on 20 dicembre 2012 at 13:52

    When I originally left a comment I seem to have clicked on the -Notify me when new comments are added- checkbox and
    now each time a comment is added I receive four emails with
    the exact same comment. Is there a way you are able to remove me from that service?
    Kudos!

    • jumpjack said, on 20 dicembre 2012 at 21:11

      I need to know the email you used to subscribe and which post you subscribed.

  16. Giovanni said, on 20 febbraio 2015 at 14:11

    Ciao!
    Non ho trovato un form o un’email per contattarti, quindi ti scrivo qui. Vedo che sei di Roma e con una certa esperienza di scooter elettrici. Volevo quindi chiederti un paio di consigli per uno scooter elettrico da poter usare a Roma con queste esigenze:
    1. Viaggerò principalmente in due persone (io e la mia ragazza).
    2. Il tragitto per il lavoro, tra a/r sarà di circa 30km (ma davanti al mio ufficio c’è una colonnina Enel ed eventualmente non credo ci siano problemi a portarmi la batteria, se estraibile, in ufficio)

    Mi piaceva, come linea, l’etropolis retro lithium, comunque come tetto massimo credo che vorrei spendere 4-5000 euro.

    Grazie della tua disponibilità! (intanto continuo a spulciare il tuo blog)

    • jumpjack said, on 20 febbraio 2015 at 14:29

      Sei fortunato, i requisiti che chiedi li ha qualunque scooter elettrico moderno: 30 km di autonomia (in realtà arrivano a 60), 2 posti, batterie estraibili, 4000 euro di prezzo massimo.
      Se hai anche una colonnina davanti all’ufficio, la batteria estraibile neanche ti serve, però considera che non puoi ricaricare quando piove, perchè il caricabatterie è per interni.
      Con 5000 euro puoi comprare anche uno scooterone da 5 o 6 kW: il vantaggio è che è in corso di approvazione una legge che permetterà agli scooter elettrici con almeno 5 kW di circolare su Raccordo e A24 (al momento una legge specifica per gli elettrici non esiste). Una camera ha già approvato la legge, non so l’altra quanto ci metterà… Quando verrà varata la “riforma del codice della strada”, attesa per quest’anno, sapremo se la legge è passata.
      Attenzione, la maggior parte degli scooter elettrici vanno al massimo a 50 all’ora, non so se ti bastano, il Miami non ricordo a quanto va.
      Infine, dal 5 all’8 marzo 2015 ci saranno scooter elettrici esposti alla Fiera di Roma per il Motodays.


Puoi inserire un commento qui sotto; diventerà visibile dopo la moderazione dell'amministratore

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: