Jumping Jack Flash weblog

Diario elettrico Greengo Icaro – 30/9/2019: primi 10.000 km… o ultimi?

Posted in Diario elettrico GreenGo Icaro by jumpjack on 1 ottobre 2019
In questi giorni il contachilometri è arrivato a circa 22.000 km, rispetto ai circa 12.000 km all’acquisto; ho quindi percorso 10.000 km con la mia piccola Icaro. Purtroppo non è un gran bell’anniversario: in una settimana mi ha lasciato a piedi 3 volte:
  • la prima a 500 metri da casa, quando decisi di riprogrammare la centralina pensando che fosse colpa della frenata rigenerativa;
  • la seconda a DIECI metri da casa: ci ho messo un’ora a fare gli ultimi 10 metri di salita fino al parcheggio, perchè il motore non voleva saperne (di nuovo) di funzionare come si deve, procedendo a balzelloni o restando semplicemente immobile pur assorbendo 50A. Impossibile parcheggiarla a spinta: in pianura è leggerissima, la spingi con un dito; ma basta un minimo di pendenza per farla sembrare un SUV da tre tonnellate…. Alla fine però ha deciso spontaneamente di ripartire e sono riuscito a parcheggiarla.
  • La mattina dopo, fiducioso e speranzoso, vado ad accenderla, parte, si muove regolarmente… Ok vado a lavoro.Niente da fare: si è rifermata, stesso difetto. Solo che stavolta sono a 3 km da casa, e non vuole saperne di ripartire nemmeno dopo un’ora di tentativi, di pause, di attese e di imprecazioni.

Sintomi

Tutto quello che so è che in questo tipo di guasto si hanno questi sintomi:
  • letture caotiche dell’amperometro, che a velocità costante e acceleratore fermo iniziano ad oscillare di +/- 10A intorno a un valore centrale (che ovviamente dipende dal grado di pressione dell’acceleratore);
  • letture caotiche della velocità: la lancetta comincia a fare su e giù incontrollata, arrivando anche a segnare 80 km/h, velocità che quest’auto non ha mai raggiunto in vita sua (e il tachimetro segna questa velocità quando in realtà vad a 50 all’ora…)
  • una volta fermo, se cerco di ripartire, il motore inizia a vibrare, a saltellare, a fate strani strappi, poi si pianta del tutto; sia in avanti che in retro.
  • può succedere con qualiunque stato di carica della batteria e dopo un qualunque numero di km percorsi dappa partenza.

Tentativi fatti

  • controllati tutti i collegamenti centralina/motore
  • procedura di reset 1: pulsante rosso spento, fusibile 12V scollegato
  • procedure di reset 2: accensione/spegnimento del quadro due volte in rapida sequenza quandp il ventilatore è acceso e l’aria è su “caldo”: l’auto risponde col doppio lampeggio delle frecce
  • sostituito VMS con uno di scorta
  • disabilitato regen
E’ tutto completamente inutile.

Diagnosi

Vista la concomitanza di “motore impazzito” e “tachimetro impazzito”, viene spontaneo pensare che siano coinvolti i sensori di hall, che stanno nel motore e sono incaricati di comunicare alla centralina velocità e direzione di moto del motore. Però, come faccio a sapere se sono rovinati i sensori, i cablaggi o la centralina stessa? Impossibile, con mezzi casalinghi.

E adesso?

Auto elettriche economiche sul mercato

Visto che quando ho comprato questo macinino 🙂 , l’obiettivo era solo arrivare fino al 2020, quando presumibilmente sarebbero uscite sul mercato auto elettriche a meno di 20.000 euro, non posso ritenermi del tutto insoddisfatto (anche se nemmeno del tutto soddisfatto): le prime auto a meno di 20.000 sono effettivamente arrivate, con la Volkswagen e-Up! nuova versione, da 250km/38kWh e 40 kW di ricarica, a 23.300 euro pre-incentivi, 15.000 dopo incentivi statali e sconto concessionario, e la Skoda ha già a listino la “gemella” Citigo-e IV, che in Repubblica Ceca si può già comprare a un prezzo base di 16.600 euro pre-incentivi: significa che, se anche in Italia avesse questo prezzo, si potrebbe prendere a 10.600 euro con gli incentivi. Quando la annunciò a maggio, in effetti, la Skoda disse che l’avrebbe venduta a “molto meno di 20.000 euro” (testuali parole), quindi può darsi che anche in Italia arriverà a questo prezzo. Però, la e-Up!, che è già ordinabile, in realtà arriverà in concessionario solo a Gennaio 2020; per la Citigo forse si andrà anche più in là coi tempi, e forse anche con la Seat Mii, la “terza gemella” della serie eUp-Citigo-Mii, che ancora non è disponibile nemmeno in Spagna. Fatto sta che, a parte la icaro, io ho un vecchio imbarazzante scassone diesel del 2006 con 150.000 km di cui mi devo sbarazzare. Speriamo di poterlo fare presto. Nel frattempo la gente dovrà ricominciare a respirare i miei gas di scarico, con buona pace di Greta Thunberg.

Addio Icaro?

Intanto mi sa che mi devo sbarazzare della Icaro, sperando di non perderci troppi soldi rispetto ai 7.000 di acquisto usata (nuova costava 18.000 euro). Anche vendendola solo per pezzi di ricambio, c’è un sacco di “roba utile” dentro (prezzi stimati/indicati per il nuovo):
  • Kelly controller KHB72701C – 1.000 euro
  • Motore Xyndayang 6kW/3500rpm – 2.000 euro
  • Caricabatterie 2.3 kW: 1.500 euro
  • DC/DC converter 72V/12V/1kW: 1.000 euro
  • Batteria 72V/150Ah/11kWh con 24 celle LiFeYPO4 Winston: 3.500 euro
    • BMS SCE ZD-24: 1.500 euro
    • Batteria in ottime condizioni:
      • massimo delta tra celle: 30mV;
      • autonomia: 100 km (90+10 riserva)
      • km percorsi: 22.000 (vita stimata: 100.000)
  • Tablet/centralina: 750 euro
  • Vehicle Management System (VMS): 1.000 euro
Praticamente solo di elettronica in quest’auto ci sono 10.000 euro di roba… Certo, qualcuno di questi pezzi non sta funzionando…. ma io non ho nè soldi, ne strumenti nè tempo per scoprire quale. Di certo non è il BMS, appena sostituito per 1.000 euro (e secondo me pure inutilmente). Devo decidere se mi conviene venderla in blocco a uno “sfasciacarrozze elettrico”, o smontarla io pezzo per pezzo e rottamare quello che resta, per vendere poi i pezzi su ebay; certo, senza nè un’officina nè un garage, ma solo un posto auto all’aperto, e con la “stagione delle piogge” in arrivo, non la vedo una cosa facile.

Diario elettrico Greengo/Zhidou Icaro – 23/9/2019: problemi al motore

Posted in Diario elettrico GreenGo Icaro by jumpjack on 23 settembre 2019

Qualche mese fa si è presentato per la prima volta un nuovo tipo di problema, questa volta riguardante il motore: all’improvviso, durante la marcia a bassa velocità, l’auto ha iniziato ad accelerare a singhiozzo, nonostante il pedale dell’acceleratore fosse fermo (ma non a zero); mi sono fermato, ho spento e riacceso, e tutto ok, ma la cosa è un po’ preoccupante, perchè sembrerebbe quasi un problema di lettura dei sensori di hall, quei 3 sensori che permettono al motorcontroller di sapere in ogni istante a che velocità e in che direzione si sta muovendo il motore; il che vuol dire che se le letture sono a vanvera, la centralina potrebbe “ingranare la retromarcia” in qualunque momento… La mattina seguente ho dato una controllata a fili, cavi e cavetti, ma non mi sembra ci sia nessun falso contatto; però il problema si è ripresentato un paio di volte, e una volta anche quando ero in velocità. Mettendo un momento in folle su “N” e poi di nuovo in drive su “D” il problema sembrava risolversi, ma il differenziale non è molto contento di queste accelerazioni/decelerazioni improvvise, quindi questo sembrerebbe proprio essere un motivo in più per disattivare la famigerata rigenerazione in frenata, che secondo la Kelly, che fabbrica il motorcontroller, potrebbe essere la causa degli improvvisi, saltuari depotenziamenti. Oggi pomeriggio il problema si è fatto più pesante: si è presentato mentre percorrevo una discesa; il motore (o il differenziale?) ha fatto dei rumoracci, e ha “staccato” completamente; quando sono arrivato a valle e mi sono fermato, non sono più riuscito a ripartire: accelerando, il motore andava a saltelloni, assorbendo a ogni “botta” al massimo 50A; stessa cosa in retromarcia.

  • ho provato a muovere un po’ a mano l’auto, casomai il motore fosse finito in un “punto morto” (cosa che non dovrebbe però essere possibile nei motori brushless con sensori di hall), ma niente;
  • ho staccato, controllato e riattaccato i connettori della centralina; niente;
  • ho staccato batteria principale e secondaria; niente.
  • Ripetuto quanto sopra una ventina di volte; niente.

Alla fine ho deciso di chiamare il meccanico di Via Appia, che quando ha provato l’auto mi ha detto di essere preoccupato dal rumore che fa il differenziale quando si attiva il regen, perchè sembra come se il differenziale si stesse rompendo. Però, visto il preventivo, decisi di lasciar correre… e aspettare che il differenziale si rompesse: 1200 euro + IVA, + 130 euro di trasporto fino all’officina, totale 1500 euro circa. Così ho deciso di tentare ancora la “strada elettronica” invece di quella meccanica: per colmo di fortuna la macchina si è fermata a 500 metri da casa, quindi sono andato a prendere PC e cavo seriale per riprogrammare la centralina eliminando il regen. Dopo mezz’ora di camminata andata e ritorno (a piedi all’andata, in bici a ritorno… con al seguito impermeabile e ombrello perchè sembrava stesse per venire giù il finimondo…), sono arrivato alla macchina. Attacco l’inverter, a cui attacco l’antico portatile, unico che ho dotato di porta seriale, ma così vecchio da avere 5 minuti di autonomia; attacco il cavo seriale, accendo il PC, avvio il programma, e… Aspetta, però, fammi un attimo riprovare la macchina, hai visto mai, per sbaglio… Tac. Partita al primo colpo. Nessuna vibrazione, nessun sussulto, come se niente fosse successo. E tutto quello che ho fatto è… il nulla più assoluto, perchè neanche c’ero. Vabbè, piano piano, timorosamente, la porto fino a casa… poi  torno a piedi a prendere la bici… poi torno a casa con la bici… poi risalgo in macchina, e finalmente riprogrammo la centralina: disattivo il regen, e già che ci sono disattivo anche una “voce sospetta”: il sensore di temperatura del motore. Non so neanche se ce l’ha un sensore di temperatura… e se non ce l’ha ma la centralina cerca di leggerlo, sicuramente legge valori a vanvera; se invece c’è è lo scollego… boh? Si brucerà il motore? Comunque resta attivo il controllo di temperatura del controller. Questa è la configurazione attuale completa: Questi sono i parametri modificati:

Degni di nota anche i valori della schermata 2, Under Voltage e Over Voltage: l’overvoltage è settato al massimo, 90V, ma la protezione interviene al 95% di questo valore, che è a 85.5V, e qualche volta, a carica appena terminata, sono partito con la batteria a 86V, e dopo la discesa del parcheggio l’auto si è fermata… Quindi potrebbe essere proprio questo il colpevole. Ma purtroppo non posso ulteriormente alzare questo valore, lo slider è al massimo.

E poi, ieri cercavo una cosa sul manuale… e ho trovato questa assurdità:

  1. perchè la macchina si ferma a volte quando esco dal parcheggio di casa, con l’auto a piena carica;
  2. perchè di fabbrica il regen viene disattivato. Invece, un paio di “meccanici” della Icaro mi avevano detto che il regen non lo attivano “perchè rovina le batterie con troppe piccole scariche e ricariche”
  3. perchè i nuovi modelli (D1, D2,…) non montano più la pur sofisticata centralina Kelly, anche se tollera 25 kW continui e 50 kW di picco e i nuovi modelli non superano i 15 kW di picco: perchè un difetto del firmware Kelly impedisce di alzare la tensione di intervento della protezione anti-regen!! E questa centralina è fuori produzione: la Kelly mi ha detto che il firmware non verrà più aggiornato! E non è l’unico bug: se l’auto è ferma in cima a una discesa, e si lasciano i freni, il regen non si attiva nemmeno quando si arriva a velocità massima; la Kelly mi ha “spiegato” che è giusto così, non si deve accendere, se non si sta frenando… E “infatti” ho verificato che basta dare una leggerissima accelerata e poi rilasciare, e allora a quel punto il regen si attiva perchè pensa che l’auto stia rallentando in pianura….

Concludo con una nota sulla schermata 6, per riportare in formato testo i parametri, così google se li mangia e li comunica al mondo:

J1939 settings:

  • Preferred address: 5
  • Arbitrary address capable: 1
  • Industry group: 0
  • Vehicle System Instance: 0
  • Vehicle System: 0
  • Reserved fields: 0
  • Function fields: 0
  • Function instance: 0
  • ECU instance: 0
  • Manufacturer code: 0
  • Identity number: 110001

 

Concludo con una nota sulla schermata 6, per riportare in formato testo i parametri, così google se li mangia e li comunica al mondo:

J1939 settings:

  • Preferred address: 5
  • Arbitrary address capable: 1
  • Industry group: 0
  • Vehicle System Instance: 0
  • Vehicle System: 0
  • Reserved fields: 0
  • Function fields: 0
  • Function instance: 0
  • ECU instance: 0
  • Manufacturer code: 0
  • Identity number: 110001

Hacking Icaro – Centralina GSM: Man in the Middle Attack – puntata 3

Posted in Diario elettrico GreenGo Icaro, hacking, hardware by jumpjack on 2 settembre 2019

Pinout

Terminata l’individuazione dei pin TX/RX da intercettare tramite apposito cavo:

Pinout centralina GSM Zhidou/Greengo Icaro

Pinout centralina GSM Zhidou/Greengo Icaro

 

Sul connettore nero sono i pin 33 e 34, ergo l’11mo e il 12mo partendo dal pin 23 (in basso nella figura qui sopra).

Il pin marchiato RX sul modulo va, da datasheet, collegato a RX sulla centralina, cioè qui viaggiano i dati provenienti dal modulo GSM, ergo le risposte del server. Il pin da “manomettere” e intercettare è quindi il TX, che corrisponde dal pin 33 sul connettore nero, l’undicesimo partendo dall’estremità del connettore contrassegnata dal n.23.

Il cavo

Un possibile cavo utilizzabile per questo hacking è il SAMTEC FFSD-25-D-03.00-01-N-R (datasheet):

  • FFSD = famiglia
    • FF passo 1.27 mm
    • S = socket (femmina); può andar bene anche la famiglia FFMD, con due spine maschio invece che due femmine, ma servirà un adattatore femmina-femmina; col connettore femmina-femmina (lettera S) serve invece un adattatore maschio-maschio, o semplicemente di inserire a mano 50 pin in uno dei due connettori femmina, in modo che diventi maschio.
    • D = doppia fila di pin
    • DA EVITARE le famiglie TCSD e TCMD, che hanno il passo sbagliato (2mm invece che 1.27mm)
  • 25 = 25 pin per fila
  • D = Doppio connettore
  • 03.00 = 3 pollici di lunghezza (7.5 cm)
  • 01 = valore fisso
  • N = presente tacca di polarizzazione
  • R = verso invertito del secondo connettore:

    L’ultima lettera va bene anche -O oppure -M (si tratta di cavi con 3 connettori invece che 2, uno dei quali invertito).

Il progetto

Questo è ciò che va realizzato per modificare il server a cui vengono inviate le telemetrie:

hacking icaro GSM – connessioni

Questa è l’unica connessione realmente necessaria, sia per modificare il server di invio dati, sia per loggare i dati stessi, ma chiaramente può essere utile collegarsi anche al pin 34(RX) per leggere e loggare la risposta del server.

 

Tagged with: , , , , ,

Diario elettrico Greengo/Zhidou Icaro: 2 agoto 2019 – problemi al motore

Ieri mattina, nuovo tipo di problema, questa volta riguardante il motore: all’improvviso, durante la marcia a bassa velocità, l’auto ha iniziato ad accelerare a singhiozzo, nonostante il pedale dell’acceleratore fosse fermo, e l’ago del tachimetro ha iniziato ad andare su e giù a vanvera; mi sono fermato, ho spento e riacceso, e tutto ok, ma la cosa è un po’ preoccupante, perchè sembra decisamente un problema di lettura dei sensori di hall, quei 3 sensori che permettono al motorcontroller di sapere in ogni istante a che velocità e in che direzione si sta muovendo il motore; il che vuol dire che se le letture sono a vanvera, la centralina potrebbe “ingranare la retromarcia” in qualunque momento…

Stamattina ho dato una controllata a fili, cavi e cavetti, ma non mi sembra ci sia nessun falso contatto; però il problema si è ripresentato un paio di volte, e una volta anche quando ero in velocità. Mettendo un momento in folle su “N” e poi di nuovo in drive su “D” il problema sembra risolversi, ma il differenziale non è molto contento di queste accelerazioni/decelerazioni improvvise, quindi questo sembrerebbe proprio essere un motivo in più per disattivare la famigerata rigenerazione in frenata, che secondo la Kelly, che fabbrica il motorcontroller, potrebbe essere la causa degli improvvisi, salturari depotenziamenti.

L’alernativa sarebbe forse cambiare il cavo che contiene i fili del sensore di hall, che magari si è deteriorato; ma il cavo costa 30 euro e la spedizione dalla Cina 35 euro….

Vedremo.

——————

A proposito del problema del depotenziamento, sono arrivato per ora a  questa conclusione:

il depotenziamento ha due possibili cause: il BMS, e il motorcontroller;

  1.  pare che il BMS sia tarato per tagliare la potenza se legge una differenza di tensione superiore a un tot tra cella più alta e cella più bassa; in origine sono 300 V, ma pare che nelle versioni successive di auto e/o BMS abbiano modificato o tolto questo limite, come è stato fatto sulla mia Icaro. Sulla quale però ogni tanto, anche se più raramente, il problema si ripresenta. E quindi entra in gioco una seconda possibile causa.
  2. anche il motorcontroller è tarato per tagliare la potenza in base alla tensione, ma di tutta la batteria: succede sia in accelerazione, se la tensione scende troppo, che in frenata rigenerativa, se la tensione sale troppo.

Abbassamenti eccessivi non ne ho mai rilevati in accelerazione, nonostante i 250A tirati fuori al posto dei 150A di origine (a seguito di una mia rimappatura della centralina), ma in compenso a volte mi è capitato di trovare la batteria a 81V la mattina, appena caricata, e a volte addirittura a 85V se si era appena spento il caricabatterie; trattandosi di 24 celle, significa 3.375V  e 3,54V per cella; se in questa situazione esco dal parcheggio, che ha una rampa in discesa, la tensione probabilmente sale ulteriormente (non ho un logger, devo vedere tutto a occhio), e la centralina va in protezione. Nella schermata 2 del SW di configurazione si possono impostare le soglie di intervento del regen (voce 5, nota 4)

La spiegazione dice:

  • Under voltage [3]: Controller will cut back current at battery voltage lower than 1.1x he value, cut out at the vale, and resume operation at 1.05x value
  • Over voltage [4]: Controller will cut back regen current at 0.95x the value, cut out regen if voltage reachd the setting, and resume regen at 0.95x value.

Traduzioni:

  • Sottotensione [3]: il controller ridurrà la corrente quando la tensione di batteria scenderà sotto 1.1 volte il valore impostato, la taglierà completamente quando raggiungerà esattamente il valore impostato, e la ripristinerà solo quando la tensione risalirà ad almeno 1.05 volte il valore impostato.
  • Sovratensione [4]: Il controller ridurrà la rigenerazione quando la tensione raggiungerà il 95% del valore impostato, lo azzererà al raggiungimento del valore esatto, e ripristinerà al ragiungimento  del 95%.

In questo caso ci interessa il punto 2 (sovratensione), l’altro riguarda la corrente esratta dalla batteria in accelerazione.

La Icaro monta 24 celle LiFePO4; in genere le LiFePO4 (ma ce ne sono tante varianti) hanno tensione massima di 3.33V e tensione di ricarica finale di 3.65V; a livello di batteria quste tensioni equivalgono a 80V e 87,6V. La tensione di ricarica finale permane però solo finchè resta collegato il caricabatteria; quando si stacca, la tensione decade spontaneamente a 3.33V/80V.

Il 95% di questi due valori massimi è:

  • 80.0 * 0.95 = 76 V
  • 87.6 * 0.95 = 83.2 V

Non ho invece modo di sapere quali sono i valori di intervento del BMS, quindi devo supporre che il BMS non effettui nessun intervento, ed agire quindi solo sul motorcontroller, assicurandomi che riduca la tensione di regen quando la tensione supera i 76V, e lo tagli completamente se supera gli 80V.

Purtroppo non ricordo a quanto impostai questa soglia l’anno scorso, però so che sia in ufficio che a casa l’uscita dal parcheggio (occasione in cui spesso si verifica il depoteniamento automatico) c’è una rampa in discesa; se a casa sicuramente parto con la batteria a 80V (a volte anche 81V), in ufficio, dopo 10 km di viaggio, mi pare difficile partire con questa tensione, ma la verità è che non ho mai controllato, mi sono sempre limitato a controllare che la tensione di cella non SCENDESSE sotto livelli critici, non ho mai pensato a verificare che non salisse troppo.

Dovrò quindi risistemare un po’ i parametri della centralina: o disattivo completamente il regen – cosa che renderebbe solo fastidioso, anzichè pericoloso, il problema dei sensori di hall –  oppure cambio la soglia di intervento in modo che la tensione di batteria non superi mai gli 80V a causa del regen.

 

 

Hacking Icaro – Centralina GSM: Man in the Middle Attack

Posted in Diario elettrico GreenGo Icaro, GPS, hacking, hardware by jumpjack on 10 luglio 2019

Vedi nuovo articolo: Hacking Icaro – Centralina GSM: Man in the Middle Attack – puntata 3

Un attacco “Man in the middle” è quello che prevede che un hacker si inserisca nel canale di trasmissione tra due dispositivi per intercettare i dati, senza interromperli ma modificandoli, in modo che a entrambi gli interlocutori originali la trasmissione sembri ancora genuina, mentre in realtà qualcosa è cambiato.

E’ quello che ho deciso di fare come nuovo tentativo di “entrare nella testa” della mia Icaro. 🙂

Nella centralina GSM/GPS è infatti presente, come già detto in precedenza, un modulo GSM G600; questo modulo è saldato su un PCB che chiameremo “A”; il PCB è connesso tramite un connettore bianco a un secondo PCB che chiameremo “B”; il PCB “B” è infine connesso alla scheda madre tramite un connettore nero; ed è qui che cercherò di insinuarmi. Se infatti il connettore bianco ha pin talmente microscopici e vicini da non poter essere maneggiati con strumenti manuali, il connettore nero ha invece pin più grossi e distanziati (passo di 2mm); si tratta di un connettore a 44 pin, due dei quali sono sicuramente i TX e RX del modulo GSM, il quale ho già verificato  che comunica con l’MCU tramite semplici comandi AT testuali: è così infatti che sono riuscito a leggere quale IP la centralina cerca di contattare, che purtroppo corrisponde al sito abbandonato etheria.it; quindi, anche se la centralina funziona e tenta di inviare dati, non ricevendo risposta probabilmente non passa mai dalla modalità “handshaking” al vero e prorio invio dati. Però in compenso i server eteria.biz (senza H e con dominio .biz) pare funzionino ancora (così mi hanno detto…).

Il mio tentativo sarà quindi di interrompere fisicamente le due connessioni TX e RX, dirottarle a una mia scheda ESP32, e sostituire ogni chiamata del modem al server sbagliato con una chiamata al server giusto… e vedere cosa succede.

Per farlo, mi serviranno due connettori aggiuntivi: un maschio e una femmina che facciano da interruzione tra GSM e MCU, e al tempo stesso da “dirottatore” verso l’ESP32.

Sfortunatamente questi connettori non hanno il classico passo da 1/10 di pollice (2.54mm), ma da 2.00 mm  1.27mm, quindi non ho niente in “magazzino” che vada bene, dovrò comprare dei connettori specifici.

Dopo una settimana di ricerche sui siti più disparati (www.distrelec.it, www.farnell.it, www.mouser.it, www.tme.eu, https://it.rs-online.com), mi sono fatto una discreta cultura sui possibili modi di realizzare una connessione a 44 fili tra i due PCB; ho individuato varie possibilità:

  1. Cavo preassemblato
  2. Cavo autocostruito
  3. Connettori saldati su piastra millefori, connessi tramite fili singoli
  4. Ponticelli dupont

Ognuno ha i suoi pro e i suoi contro:

  1. il cavo preassemblato sarebbe ovviamente la scelta migliore, ma fra costi netti, tasse e spedizioni, un cavo a 40 poli finisce per costare fra i 40 e i 50 euro!
  2. il cavo autocostruito, comprando una piattina e due connettori IDC, finirebbe per costare solo 5-10 euro in meno di un cavo preassemblato.
  3. inizialmente avevo pensato di costruirmi un  “cavo” saldando due connettori maschio e femmina a due pezzi di piastra millefori, e poi collegarli tra loro tramite fili volanti, ma sarebbe un lavoro troppo approssimativo e disordinato

 

Ecco uno schema di massima di come dovrebbe avvenire il collegamento “clandestino” tra modulo GSM e motherboard: IMMAGINE ERRATA! Vedere nuovo articolo

cavo intercettazione centralina GSM/GPS icaro

Cavo intercettazione centralina GSM/GPS icaro

Il cavo ideale sarebbe il TCSD-22-T-03.00-01,o l’omologo  TCMD-22-T-03.00-01 FFSD-25-D-03.00-01-N-R, ma è possibile arrangiarsi con varie altre possibilità, come descritto in figura; l’importante è che il codice finisca con -R o con -O, che significa che il connettore finale  è capovolto (-R se sono 2 connettori, -O se sono 3 in daisy-chain, nel qual caso prima della “O” ci sarebbe anche una “Dxx”, con xx distanza tra connettore 2 e connettore 3); in caso contrario, quando si va a piegare a “U” il cavo, vanno a invertirsi le due file di pin! Il cavo deve invece restare disteso, quindi i due connettori alle due estremità devono avere versi opposti:

TCMD3

Il sito https://www.toby.co.uk forse non è “fintamente inglese” comei vari mouser, farnell ecc. che in realtà spediscono dalla Cina o dall’America, quindi è possibile che ordinando qui il materiale arrivi nel giro di una settimana invece che di 3-4 mesi.

Anche il sito https://www.enrgtech.co.uk/ sembra inglese autentico.

Ecco alcuni possibili codici di cavi validi:

  • TCSD-22-01
  • TCSD-22-01-F
  • TCSD-22-01-L-N
  • TCSD-22-01-N-P01

Nota:  essendo lo strip-pin sulla motherboard non protetto da un case, qualunque connettore femmina con più di 22 pin si può adattare, quindi per esempio anche TCSD-25-01 e successivi. Il limite ovviamente è la larghezza massima disponibile all’interno dello scatolotto della centralina. Foto del connettore maschio sulla motherboard:

connettore GSM nero con righello e pin

 

Sul sito Samtec c’è anche un configuratore 3d che permette di vedere in tempo reale come cambia il cavo al cambiare delle opzioni del suo part number, sia per la famiglia FFSD che FFMD:

Samtec TCSD IDC 3d configurator

Samtec TCSD IDC 3d configurator

 

Qui di seguito riporto invece gli esiti delle mie ricerche precedenti alla decisione finale di comprare ponticell dupont.

Cavi preassemblati

Ho trovato due soli produttori per cavi piatti con connettori con passo (“pitch”) da 2.0mm e a 44 pin: Samtec e 3M; questi sono due esempi di datasheet dei loro prodotti:

La Samtec usa questa nomenclatura

xxxD-22-T-LL.LL-01-N-R

  • xxx: famiglia del cavo (v. sotto) – FFMD = maschio, FFSD = femmina
  • D: doppia fila di pin
  • 22: numero di pin per fila
  • T:  connettore di sesso opposto  all’altra estremità del cavo (invece di fili liberi); S = fili liberi, D = connettore identico all’altro
  • LL.LL: lunghezza in pollici del cavo
  • 01: numero fisso
  • N: presente solo se è presente prima la “T”, e significa “notch polarization”)
  • R: verso invertito del connettore; O = verso invertito del connettore finale se i connettori sono 3 (daisy-chain)

 

Famiglia del cavo

  • TCSD 2.00 mm  – Tigereye Cable Socket Double – IDC Ribbon Cable Assembly, Socket
  • TCMD 2.00 mm – Tigereye Cable Male Double – IDC Ribbon Cable Assembly,
  • FFSD: passo 1.27 mm, femmina
  • FFMD: passo 1.27 mm, maschio
  • Terminal
  • EHT 2.00 mm Shrouded IDC Ejector Header
  • STMM 2.00 mm Shrouded Terminal Strip, Cable Mate
  • ZSTMM 2.00 mm Shrouded Variable Stack Height Terminal Strip, Cable Mate
  • ETMM 2.00 mm Shrouded Terminal Strip For Strain Relief for TCSD

(ho cancellato le famiglie non adatte al mio caso)

Qui la pagina Samtec per la ricerca visuale.

Alcune note:

  • il “passo” in inglese si chiama “pitch”
  • IDC significa “Insulation-Displacement Connector” (“connettore a spestamento di guaina”): significa che i fili non sono connessi ai pin tramite saldatura, ma grazie a delle affilate “microforcelle” presenti sul loro retro; l’apertura della forcella è poco più larga del diametro del conduttore di rame interno al filo, quindi quando si inserisce il filo nella forcella, questa taglia e sposta la guaina, andando a toccare il conduttore e garantendo un contatto elettrico stabile e addirittura a tenuta d’aria:

IDC connection, Torq-Tite patent

IDC connection, Torq-Tite patent

  • Nel datasheet c’è un’immagine un po’ fuorviante, che potrebbe far credere che in certi connettori i pin sono sfalsati; in realtà l’immagine di sinistra nella figura qui sotto mostra il connettore visto dal lato opposto dei pin, che invece sono disposti a griglia come mostrato a destra, in altra immagine tratta dallo stesso datahseet:

Connettore femmina da PCB

—-

Connettore maschio da PCB


 

Tutte le foto del modulo GSM:

connettore GSM nero con righello e pin

Connettore lato SIM con pinout marziale

connettore GSM nero con righello

Diario elettrico GreenGo Icaro – La manopola del volume

Posted in Diario elettrico GreenGo Icaro, hacking, hardware, minicar elettriche, Uncategorized by jumpjack on 26 gennaio 2019

Primo prototipo: gennaio 2019

Ho finalmente applicato una nuova modifica per migliorare la sicurezza dell’auto: lo spostamento dei comandi dell’autoradio.

In origine la manopola di accensione e del volume si trova tra i pulsanti del cambio; il che vuol dire che si rischia di mettere in folle mentre si guida, tentando di alzare il volume… Un’assurdità.

Così ho comprato un encoder per pochi euro, una manopola per ancora meno euro, ci ho attaccato 4 fili et voila. 🙂

In questa foto apparentemente non si vede niente… ma solo perchè la modifica è molto pulita: semplicemente, al posto della terza manopola, che nel mio modello A1 è finta perchè non è presente l’aria condizionata, ho messo una manopola vera, che dietro è collegata a un encoder con interruttore, avvitato a una tavoletta di compensato che a sua volta è avvitata al cruscotto:

Poi basta allungare i fili che normalmente vanno alla manopola originale, e farli arrivare invece a questa…

Spiegazione morsetti dell’encoder: http://henrysbench.capnfatz.com/henrys-bench/arduino-sensors-and-input/keyes-ky-040-arduino-rotary-encoder-user-manual/

Fin qui si tratta del primo prototipo, realizzato a gennaio; funzionava abbastanza  bene, ma con due difetti minori:

  1. La manopola era un po’ “ballerina”, perchè il perno del decoder era troppo corto per spuntare dalla plastica, quindi ho dovuto fargli una prolunga stampata in 3d, che non è molto precisa, quindi la manopola ha un po’ di gioco.
  2. Per qualche strano motivo, in certe situazioni imprecisate quando alzo il volume, si sente un “bip” e il tablet cambia schermata! Altre volte la radio inizia ad aumentare di volume in modo incontrollabile senza che io tocchi niente.

Il secondo problema mi ha costretto ad aspettare “tempi migliori” prima di pubblicare ufficialmente questo post, per aver tempo di individuare il problema. Poi l’auto è stata in officina per 3 mesi e mezzo… e tra una cosa e l’altra siamo arrivati a giugno.

Versione 2: giugno 2019

In base a quanto descritto nel punto due qui sopra, ho pensato che ci fosse un problema di falso contatto, che in termini elettronici si traduce in resistenza spuria. Ma in teoria un encoder non dovrebbe contenere nessuna resistenza, essendo composto semplicemente di 3 interruttori: due che servono a determinare il verso di rotazione, e un terzo è collegato alla pressione dell’alberino rotante. Comunque ho deciso di fare alcune prove collegando resistenze di valori diversi ai PIN a cui è collegato l’encoder, iniziando dal quello collegato all’interruttore a pressione, e in effetti ho avuto conferma dei miei sospetti. Ecco infatti la lista degli effetti che ho rilevato sul tablet collegando ai due PIN diversi valori di resistenza; tutti i valori sono espressi in kOhm:

  1. 0-0.3 (0-300 ohm): on/off
  2. 0.5-0.9 (500-900 ohm): Home page
  3. 1.9-2.0: Radio giù
  4. 2.0-3.9: Radio su
  5. 3.5-4.5: Cambio banda AM/FM
  6. 4.8-6.5: modalità (musica, film, aux)
  7. 6.8-8.4:  mute
  8. 8.4-17: funzioni non chiare
  9. 17-20: volume su
  10. 22-28: volume giù
  11. 40-70: Navigatore
  12. 100: Telefono

Ovviamente non si tratta di valori precisi ma di intervalli di valori, all’interno dei quali deve cadere la resistenza di valore standard che si utilizza. I valori sono i seguenti:

In base a questa tabella, i valori da usare per attivare le funzioni sopra descritte sono:

  1. On/off: nessuna resistenza
  2. Home page: 560/680/820 ohm
  3. Radio giù: 1.8 K
  4. Radio su: 2.2 K
  5. Cambio banda AM/FM: 3.9 K
  6. Modalità (musica, film, aux): 5.6 K
  7. Mute: 8.2 K
  8. 8.4-17: funzioni non chiare
  9. Volume su: 15 K
  10. Volume giù: 22/27 K
  11. Navigatore: 47/56/68 K
  12. Telefono: 100 K

Sono poi andato a esaminare più da vicino l’encoder e mi sono accorto di una grossa svista: non si tratta di un encoder semplice; è invece collegato ad alcune resistenze di polarizzazione da 1 kOhm:

Quindi erano queste che probabilmente facevano scattare in certe posizioni della manopola le funzioni del tablet; così ho rimosso del tutto l’encoder dal suo PCB e l’ho collegato direttamente al tablet. Per predisporre il lavoro a modifiche successive ho collegato, piuttosto che dei fili volanti, una serie di morsetti; al tablet ho collegato un morsetto femmina a 4 pin, in modo che sia più facile fare le prove successive con resistenze provvisorie volanti; ho poi collegato un morsetto maschio all’encoder, dopodichè ho praticato dei fori negli spazi vuoti della pulsantiera degli specchietti, per implementare le nuove funzioni:

 

 

Come connettori ho usato quelli che ho imparato a conoscere sull’Ecojumbo: impermeabili e a prova di  disconnessione, grazie  a un  sistema  di  aggancio  a molla:

Ho collocato i due nuovi pulsanti in una zona libera della pulsantiera degli specchietti:


I due pulsanti rossi servono ad alzare ed abbassare la frequenza di sintonia; il pulsante quadrato nero al momento, giusto per prova, attiva il navigatore, che però non è molto utile se lo schermo non funziona perchè non posso impostare la destinazione; vorrei invece fare in modo che attivasse direttamente la telecamera di retromarcia che ho installato e che normalmente richiede diversi clicchi sul touch screen per essere attivata. Se invece potessi attivarla al volo con un pulsante sarebbe molto più comodo.

La manopola questa volta l’ho fissata in modo diverso e più stabile: usando un piastrino di plexglass abbastanza sottile da entrare nell’incavo della plastica, rendendo così non necessaria la prolunga stampata in 3d; per tenerlo in posizione ho aggiunto due viti. Il lavoro resta comunque abbastanza pulito:


“Pulito” finchè non metto i fili; una volta saldati al decoder, la faccenda si fa più complessa…

 

Sul tablet c’è anche una schermata che permetterebbe di assegnare delle funzioni ai pulsanti al volante… anche se di pulsanti al volante nella Icaro non ce ne sono. Comunque la schermata del tablet è questa:

Come si vede, molte delle funzioni che ho scoperto sono proprio elencate in questa schermata; purtroppo aggiungere dei pulsanti al volante non è possibile perché l’unico filo che arriva dentro al volante è quello del clacson, e per portare altri fili l’unico modo sarebbe usare un particolare interruttore a strisciamento che permette al volante di girare senza interrompere i contatti; c’è già un meccanismo di questo tipo sulla Icaro, ma soltanto uno dei 5 pin è popolato, e aggiungere nuovi fili sarebbe un lavorone perché dovrei smontare lo sterzo e quindi non se ne parla. Però Se riesco effettivamente a trovare altre funzioni attivabili senza touchscreen potrei comunque realizzare un tastierino esterno per attivarle.

 

Di seguito  le altre foto che ho fatto lavorando al progetto:

 

Diario elettrico Greengo Icaro – 23/12/2018: il blocco di sicurezza per la presa Mennekes

Posted in 3d, Diario elettrico GreenGo Icaro, hardware, minicar elettriche by jumpjack on 23 dicembre 2018

Download file 3d stampabile: https://skfb.ly/6Gtzn

Un post su un forum mi ha fatto tornare in mente un vecchio problema su cui avevo pensato di lavorare, ma che mi era poi passato di mente perchè piuttosto complicato e rimandato a “prima o poi”.

Ok, è arrivato il poi.

La presa mennekes sulla Icaro non prevede il blocco automatico della spina durante la ricarica, cosa che normalmente avviene, sia lato-auto che lato-colonnina, per mezzo di un perno metallico che si introduce in apposito foro nella spina, per evitare che per errore o per vandalismo il cavo venga sconnesso durante la ricarica senza prima aver spento la colonnina; la cosa non dovrebbe danneggiare niente, perchè uno dei 5 pin è stato progettato appositamente più corto degli altri in modo da scollegarsi per primo e comandare lo spegnimento elettronico della colonnina in caso di disconnessione prematura del cavo; però è anche vero che questo blocco torna utile per evitare che qualche “dispettoso” ci sfili il cavo durante la ricarica sperando così che la colonnina lo sblocchi anche sul suo lato, per poter ricaricare la sua macchina o semplicemente per fregarci 200 euro di cavo.

Meglio quindi disporre di questo dispositivo di sicurezza.

Nel catalogo SCAME il meccanismo che attiva il perno metallico (tecnicamente detto “di interblocco”) viene chiamato “BLOCCO SPINA SUPERIORE PRESA T2S-T2C” e ha codice 200.23260BS, per un costo di 65 euro; presso altri fornitori si trova a prezzi più bassi, ma a non meno di 30 euro.

In realtà, però, si tratta di un semplice perno azionato da un relè, quindi, se la propria auto ne è sprovvista, piuttosto che buttare 65 euro se ne possono spendere 10 per comprare online questo pezzo inventato da me (oppure stamparselo da soli al costo di pochi centesimi se si ha una stampante 3d), e altri 5 euro per comprare una qualunque spina industriale, da cui andremo a estrarre uno dei pin piccoli, da 5mm, da usare come “perno manuale”.

Normalmente ecco come si presenta la presa con montato il meccanismo standard di interblocco:

 

Dettaglio del meccanismo di interblocco:

La presa di ricarica della Icaro è protetta dal rivestimento plastico nero dell’interno dell’abitacolo; se non si vuole smontare l’intera parte di rivestimento del bagagliaio, si può ritagliare un foro intorno alla sporgenza in corrispondenza con la presa, in modo da accedere al retro della presa stessa, stando attenti, quando si arriva a tagliare la parte bassa, a non andare troppo a fondo nel taglio per non toccare i cavi.

Io per effettuare il taglio ho usato un dremel, perchè la plastica è spessa e il taglierino è impreciso. L’operazione ha richiesto meno di 10 minuti.

Nel mio caso il buco nel tessuto isolante era un po’ piccolo e rendeva scomodo lavorare, quindi l’ho allargato un po’ con un  taglierino, in modo da accedere comodamente alla presa.

Dopo aver rimosso il rivestimento nero e scoperto il connettore, è necessario rimuovere temporaneamente la fascetta metallica che tiene la guarnizione fissata alla presa, sia per poter estrarre la presa dall’esterno ed esaminarla, sia per poter estrarre la piccola guarnizione rettangolare che nasconde il foro di interlock della presa; nella foto che segue il foro centrale superiore è già stato privato della guarnizione, che è invece ancora in posizione nel foro 1, rendendolo di fatto totalmente invisibile a prima vista:

Qui è possibile vedere le tre guarnizioni, che hanno una sporgenza che si inserisce nel buco di interlock.

La prossima foto mostra il buco centrale superiore con e senza spina inserita:

 

Tornando alla foto iniziale che mostra la presa inserita nella carrozzeria, si può dedurre, ora che è nota la posizione del buco, che esso è in posizione difficilmente accessibile perchè aderente alla carrozzeria e intralciato da tessuto isolante e rivestimento plastica; tuttavia, il perno di blocco funziona anche se inserito diagonalmente, e non deve essere preciso al decimo di mm rispetto al buco.

Ho quindi progettato questo pezzo da stampare in 3d, che realizza un supporto inclinato da inserire al posto della guarnizione, nella sua stessa slitta:

Il forellino laterale serve a far passare un filo da legare al perno, che essendo manuale va sfilato quando non serve; legandolo a questo buco si evita di perderlo in giro per la macchina.

Ecco come appare il perno inserito a mano nel pezzo, accanto alla guarnizione che va a  sostituire:

Anche se il pezzo funziona egregiamente già così, ho deciso di fare qualche miglioramento, in questo secondo progetto:

Le novità sono il foro “di appoggio”, così non si deve lasciare il perno a ciondolare nel bagagliaio quando non è in uso, e il foro passa-filo di forma adesso triangolare, così le stampanti a filo possono stamparlo senza supporto, fastidioso da rimuovere e causa sempre sbavature. C’è inoltre un ispessimento graduale dei lati del pezzo, in modo che, inserito a fondo nella slitta, rimanga incastrato. In ogni caso, però, la grossa guarnizione della presa,  tenuta ferma dalla fascetta, impedisce che il pezzo (così come la guarnizione che c’era prima) si sfili.

Ecco come appare il nuovo pezzo stampato:

Con questa seconda stampa ho avuto modo di verificare se il buco di appoggio è sufficientemente largo: da progetto ha un diametro di 5mm, ma anche se al calibro il perno misura 4.90-4.95, c’entra un po’ a forza; se da una parte non è un problema per il  foro di parcheggio, renderebbe però scomodo l’uso del foro “di lavoro”, perchè non si capirebbe bene quando il perno arriva fino in fondo, motivo per cui ho fatto il foro di lavoro grande quanto il foro della presa e rettangolare, in modo che il perno ci entri con ampio gioco.

Anche se già così funziona bene e il perno blocca perfettamente la spina inserita, probabilmente farò un terzo progetto, con foro di lavoro tondo ma magari largo 5.5 o 6 mm; la seccatura è che per ogni nuovo progetto bisogna aspettare tre quarti d’ora per la stampa…

Per il momento il lavoro completato appare così:

Dovrò comunque allargare un po’ il buco sulla parte superiore, perchè il perno è molto lungo e, nonostante l’inclinazione, risulta comunque un po’ troppo scomodo inserirlo.

 

Ingrandimento:


Aggiornamento:

Ho realizzato un’ultima versione del supporto per il perno, col buco di appoggio 2mm più largo, e quello di lavoro più stretto e inclinato, per facilitare l’inserimento del perno. Qui c’è il file STL stampabile:

Download file 3d stampabile: https://skfb.ly/6Gtzn

Chi non ha una stampante 3d può farselo stampare online e inviare a casa cliccando qui, al costo di 5,00 euro + spedizione.

Nota: E’ comunque necessario anche allargare un po’ il buco nel rivestimento plastico della Icaro, per fare un po’ di spazio sopra al perno, rispetto alla figura sopra.

 

 

 

 

Diario elettrico GreenGo icaro – 3 agosto 2018 – Modifiche elettriche

Posted in Diario elettrico GreenGo Icaro by jumpjack on 4 agosto 2018

Oggi ho avuto modo di esaminare l’elettronica del cruscotto, per l’esattezza i vari collegamenti dietro alla pulsantiera del cambio.

Controllo volume

L’obiettivo era verificare la fattibilità di separare il controllo del volume dal controllo delle marce, visto che è inverosimile rischiare di mettere in folle per sbaglio mentre si alza il volume della radio.

Risposta breve: sì, è fattibile.

Inizialmente sembrava una cosa complicatissima, perchè questo è quello che c’è dietro a quei 3 pulsanti:

encoder (1)

Non capisco il perchè di tutta questa circuiteria, comunque quello che conta è il gruppetto di 6 pin a destra: è completamente indipendente dal resto del circuito, e fa capo all’encoder con interruttore, cioè la manopola che si usa per accendere la radio e cambiare il volume; quindi bastano 6 fili per spostare il “pericoloso” volume in un posto più sicuro: per esempio, al posto della terza manopola, accanto alle due di areazione e riscaldamento, che di serie nella Icaro A1 è inutilizzata.

Ora devo cercare di capire se quell’ “affare” è effettivamente un “encoder”, e come si usa.

Possibile che sia questo?

71to2bx8xkzl-_sl1200_

Se è lui, come identifico i pin CLK, DT e SW su quello della Icaro? Avranno posizionamento standard?

 

 

L’antenna

Continuando l’esame dei fili, ho  fatto un’altra scoperta:

Queste erano le drammatiche condizioni del connettore dell’antenna della radio! Ecco spiegato perchè prendeva tre stazioni e pure male! Il collegamento tra calza del cavo e involucro del connettore è completamente tranciato! Guida d’onda aperta, onde radio che se ne vanno a spasso invece di entrare nella radio!

Ma quello che è più strano è che, a vederlo, questo connettore era fatto male pure quando era sano, con solo una misera linguetta a unire la calza al connettore: rotta  o non rotta, interrompe la guida d’onda, e l’antenna diventa completamente inutile!

Il venditore mi ha regalato un’antenna esterna come questa. Notare la profonda differenza del connettore, che è un tutt’uno col cavo!

Adesso la radio prende stazioni che nemmeno sapevo esistessero! 🙂 ne prende una ogni 0.10 MHz

E sono anche riuscito a trovare un punto dove fissare l’antenna… talmente perfetto che probabilmente è fatto apposta: sui montanti anteriori, alla congiunzione col cofano, ci sono due coperchietti di plastica, fermati da una vite nascosta sotto al cofano; bè, la vite stessa può essere usate per fissare l’antenna, togliendo la vite con cui essa viene fornita; il filo si fa passare sotto al coperchietto di plastica (da cui bisogna però segare via una piccola tacca per non incidere il cavo, ed è fatta:

 

Connettore misterioso

Ma l’esame dell’impianto elettrico continua: rimontando i connettori, che sono tutti diversi e quindi non c’è rischio vengono scambiati… mi sono accorto che invece due sono identici! Doh! Però per  fortuna sopra c’è una targetta: “Gear” è il cambio; e “Mode switch” a che diavolo serve?? Un connettore “segreto” di servizio per accedere alla configurazione della macchina.

Può darsi… ma collegarlo non è stato sufficiente, e premere a vanvera i tasti del cambio nemmeno: ci sarà sicuramente anche una combinazione segreta dei tasti…. Infami!

 

SD card con mappe

Ultima scoperta: la SD Card nel navigatore.

Sostituire il navigatore semi-funzionante con uno funzionante era l’obiettivo principale di tutto lo smontaggio… ma non ho potuto portarlo a termine perchè ANCHE questo navigatore ha connessioni diverse! ALCUNE sono uguali, ma non tutte… quindi nisba, non ho potuto collegarlo.

PERO’ per puro caso sono riuscito a scovare la microSD card di cui a volte il navigatore lamenta la mancanza o malfunzionamento, nascosta DIETRO al navigatore, sul bordo, quasi invisibile; mentre invece in quello nuovo che mi hanno dato non c’è. Mah? Comunque ho approfittato per fare un backup delle mappe, non si sa mai.

 

 

Bocchette di areazione

Un’ultima osservazione non riguarda l’impianto elettrico ma le bocchette di areazione… che diventeranno parte dell’impianto elettrico quando ci metterò dentro delle ventole aggiuntive; beh’, ho scoperto che la griglia di cui sono dotate posteriormente non solo è flessibile abbastanza da poter alloggiare anche potenti ventole spesse 20mm (che arrivano a 50 m3/h invece dei 9 di quelle da 10mm che ho comprato…), ma secondo me la griglia può tranquillamente essere rimossa senza danneggiare esteriormente le bocchette; anzi, non capisco proprio cosa ci stia a fare… come non capisco cosa ci stavano a fare i riduttori di flusso dietro alle bocchette. Boh, misterio dell’areazione-logia, io tolgo tutto e ci piazzo 4 ventole. 🙂

 

Diario Elettrico GreenGo ICaro – 27/5/2018, ricarica Fast

Posted in Diario elettrico GreenGo Icaro, minicar elettriche by jumpjack on 28 Mag 2018

L’altro giorno ho provato per la prima volta a ricaricare da una delle nuove colonnine “Fastcharge” di EnelX, usando la nuova tessera EnelX. Tutto ok.

Anche se il CB della Icaro è solo da 2.3 kW, “ovviamente” non c’è nessun problema a caricare da una colonnina Fastcharge (che può erogare da 20kW a 300 kW! Questa in particolare, fino a 43 kW), solo che in realtà non è poi così “ovvio” per chi non sa niente di corrente, tensione e ampere; e siccome non è che si possa fare un esame di elettrotecnica per poter prendere la patente, sarà meglio che sulle colonnine scrivano chiaramente questa cosa!

Vi immaginate il contadino che va a caricare il suo trattore elettrico alla colonnina Fast, sa che il suo trattore si ricarica a 2.3 kW e vede sulla colonnina scritto 43 kW? Pensate che caricherebbe, o che penserebbe che il trattore scoppierebbe? 🙂

Da segnalare a ENELX.

Da segnalare anche di fare un po’ più lunghi i cavi, perché le colonnine hanno sempre 2-3 postazioni di ricarica, quindi si tende a parcheggiare di muso, non di fianco come dal benzinaio, e mettersi a fare manovre strane per avvicinarsi a retromarcia non è “da tutti”… Quindi, sempre nell’ottica della “ricarica per tutti”, meglio fare i cavi ben più lunghi, o le postazioni di ricarica adatte a parcheggiare di fianco invece che a spina o a pettine.

 

Qualche foto:

 

Connettore Combo CCS per ricarica in continua:

 

Le “icone” sui tre connettori: CHAdeMO e CCS nella prima foto (ricarica in corrente continua – DC), Mennekes/Type2 nella seconda (ricarica in corrente alternata – AC)

Questa la dedico al simpaticone che ha parcheggiato proprio lì anche se accanto c’erano 85 posti liberi, così la prossima volta impara:

 

E questa è la strana “situazione” in cui ho fatto la ricarica: l’aria era così densa di umidità (un’afa pazzesca) che si è addirittura formato l’arcobaleno! Un raro arcobaleno completo, circolare!

Non è un effetto di riflesso sull’obiettivo della telecamera, si vedeva a occhio nudo (e molto meglio che in  foto).

Diario elettrico greengo icaro: manutenzione autoradio

Posted in Diario elettrico GreenGo Icaro, Uncategorized by jumpjack on 15 aprile 2018

In realtà parlare di autoradio è limitante perché si tratta in realtà di un computer di bordo con navigatore,lettore mp3,lettore video e quant’altro; comunque queste istruzioni illustrate mostrano come si fa a smontarlo;bisogna innanzitutto togliere le bocchette dell’aria semplicemente sfilandole; stessa cosa va fatta con le due manopole del riscaldamento mentre la terza è finita. Fatto questo bisogna togliere la mascherina grigia che è a incastro. Quindi con un cacciavite di plastica (per non rigare la mascherina) bisogna fare leva e sbloccare le linguette. In questo modo diventano visibili tre viti che servono a bloccare la mascherina nera. una volta tolte quelle si sfila la mascherina nera e si libera la visuale del navigatore, che a sua volta è bloccato da altre viti. togliendo quelle viti si accede al retro del navigatore,dove sono visibili le due prese per l’antenna della radio e l’antenna del GPS.