Jumping Jack Flash weblog

Diario elettrico Renault Captur plugin: la delusione

Posted in auto elettriche, diario elettrico plugin by jumpjack on 14 gennaio 2021

Ho aspettato due mesi dall’acquisto prima di scrivere questo articolo, per vedere se la prima impressione era sbagliata; così, ho passato i miei primi 2500km ibridi ad annotare e sopportare difetti vari…. il 90% dei quali scoperti nella prima settima di guida; putroppo col tempo le cose non sono migliorate:pensavo che avrei scoperto che non erano difetti ma miei problemi di comprensione del nuovo veicolo… invece no, sono proprio difetti; e alcuni così grossolani da essere imbarazzanti. Sono talmente tanti che li ho dovuti dividere in gruppi.

Difetti meccanici/costruttivi

Ballonzolio/vibrazione di tutta la macchina a 25km/h e 25 kW

E’ il difetto più grave, e più assurdo, di questa macchina: a velocità tra i 20 e i 25 km/h, e con accelerazione/potenza tra 20 e 25 kW, tutta la macchina inizia a ballonzolare e vibrare a destra e a sinistra, come se avesse una ruota storta o sgonfia; la vibrazione scompare a velocità inferiori a 20 e superiori a 25 km/h. E’ un difetto riscontrato da molti utenti, e l’unico coraggioso che ha provato a farlo presente in concessionario (è difficile riprodurre il difetto “a comando”, serve una strada perfettamente dritta e liscia) si è sentito rispondere “sì, è una caratteristica della macchina”…

Al momento è ancora ignoto il motivo del ballonzolio, che in inglese si potrebbe tradurre come “wobbling” o “shaking”…. e cercando su google “renault wobbling” si ottiene una quantità inquietante di post su vari forum, già dal 2010…

Autofreno + cintura

Questa è un’altra “caratteristica” inquietante della Captur Plugin, scoperta il primo giorno, quando sono arrivato a casa, fresco di concessionario: mi fermo davanti al cancello automatico di casa, tolgo la cintura aspettando che il cancello si apra, e automaticamente l’auto innesta il freno a mano e toglie la marcia; va bene, ci può anche stare, tanto il freno a mano la macchina lo toglie anche automaticamente appena premi l’acceleratore… ma c’è un piccolo problema nel SW: è vero che, appena acceleri, la macchina toglie il freno a mano… ma mentre stai ancora accelerando, se non hai la cintura la macchina toglie la marcia e rimette il freno a mano, in totale autonomia!

Un comportamento davvero folle e pericoloso, che sono riuscito ad aggirare solo dopo decine di prove ed esperimenti: se dopo aver tolto la cintura metto in marcia P – parking (invece di N, che entra in automatico appena tolgo la cintura) e poi rimetto in B o D, allora posso partire anche senza cintura ed entrare nel mio parcheggio, senza che la macchina inchiodi.

Avviso di emergenza: “FRENARE!”

In certe situazioni, sul display dietro al volante appare un minaccioso, grosso avviso rosso (accompagnato da segnale acustico insistente e allarmante), che dice “FRENARE!”. Mi è successo 3 o 4 volte… solo che stavo andando a trenta all’ora e davanti a me non c’era niente; sui marciapiedi intorno c’erano pedoni che passeggiavano per i fatti loro, nessuno stava neanche lontanamente pensando di attraversare; altre volte, qualcuno di questi pedoni sul marciapiedi ha invece deciso di tuffarsi davanti alla macchina, attraversando a un metro dal cofano…. e non è arrivato nessun messaggio di allarme, acustico o visuale.

A questo si è poi aggiunta l’attivazione casuale degli allarmi di prossimità dei sensori di parcheggio, quando sto incolonnato in fila…. ma quando la macchina che precede è lontana più di un metro, e il guard rail altrettanto; altre volte il guard rail non c’era proprio, ma comunque i sensori di destra avvisavano della prossimità di… qualcosa, boh, forse ectoplasmi di passaggio.

Ho quindi deciso di disattivare le funzionalità di “frenata di emergenza” e “avviso distanza sicurezza dal veicolo che precede”, nel timore che quest’auto possa decidere per conto suo di inchiodare in mezzo all’autostrada in un momento di estro softwaristico.

Il telecomando della radio è completamente invisibile

Come molte auto moderne, la Renault Captur è dotata di autoradio con “comandi al volante”, una comoda levetta accanto a quella del tergicristallo, che permette di cambiare canale e alzare il volume senza staccare le mani dal volante; l’unico problema è che la levetta è corta e tozza, completamente invisibile perchè coperta dalla razza del volante. Forse è così anche in altre auto, forse no, ma nella Ford Fiesta che avevo prima non mi pareva fosse così; o forse lo era e sulla Captur ci ho fatto più caso perchè lo stesso problema ce l’ha anche la leva del tergicristallo, completamente invisibile.

Il portamonetine sotto al cambio è scomodissimo

Pubblicizzata con l’altisonante nome di “flying consolle”, la leva del cambio è per l’appunto “sospesa” a 10-15 cm da un vano portaoggetti sottostante…. ( (5) nella figura) che però risulta praticamente invisibile e inaccessibile, facendo risultare inutile sia la “flying consolle” che il portaoggetti stesso; scelta progettuale incomprensibile.

Nell’una o nell’altra posizione(4) o (5), secondo il modello dell’auto, può essere presente il sistema di ricarica a induzione per cellulari. …e questo porta a parlare di un ulteriore difetto di progettazione:

Niente spazio per cellulare in carica

La captur dispone di due vani dove potrebbe comodamente trovare posto un cellulare ( (4) e (5) nella foto sopra) ma sfortunatamente nessuno dei due è abbastanza largo, o adeguatamente sagomato, da permettere di ospitare il cellulare se è collegato al cavetto di ricarica; quindi serve il solito portacellulare a ventosa appiccicato da qualche parte. Ed è indispensabile avere il cellulare, se si vuole un navigatore, perchè il navigatore di bordo è così ottuso e antiquato che quando gli si chiede a voce una destinazione, sembra di parlare con un ritardato, mentre se si imposta la navigazione con la tastiera… sembra comunque di avere a che fare con un ritardato.

Pulsante sos accanto alle luci e non protetto

Anche la captur, come molte auto moderne, dispone di un pulsante per le chiamate di emergenza, che invia anche la posizione GPS ai soccorritori. Molto utile…. peccato che l’abbiano messo accanto ai due pulsanti di accensione delle luci dell’abitacolo…. che uno normalmente accende quando NON VEDE perchè è buio: se ho deciso di premere il pulsante è perchè è buio… come faccio a distinguere se sto premendo l’SOS o l’interruttore della luce?!?

Specchietto interno blocca visibilità in curva

Osservando la pulsantiera di luci/SOS nella figura sopra, si nota un’altro difetto, che in realtà nel disegno non è così evidente, come non è evidente sedendosi in auto dal concessionario per “dargli un’occhiata”, ma diventa evidentissimo appena si inizia a guidare la macchina la prima volta: lo specchietto retrovisore interno è grosso, basso e vicino agli occhi del guidatore; il risultato è che copre la visuale di un quarto di parabrezza! ogni volta ch si fa una curva a destra bisogna abbassare la testa per vedere dove si sta andando.
Ho riscontrato lo stesso problema/difetto anche nella Renault Megan.

Mettere le cinture di sicurezza alla spesa…

La Captur ha dei “sensori di presenza” sui sedili: se rileva un passeggero, ma non rileva la cintura di sicurezza inserita, attiva un fastidiosissimo, persistente, infinito e non escludibile allarme acustico; sfortunatamente, lo attiva anche se rileva uno zaino pesante, e addirittura a volte lo fa con le buste della spesa… L’unico modo per far tacere l’allarme è mettere la cintura allo zaino o alle buste della spesa…

Manca la modalità ibrida seriale/REX

Una caratteristica peculiare delle auto ibride plugin è la modalità “ibrido seriale”, o “range extender (REX)”, o “charge sustain”: ogni produttore la chiama come vuole… ma sfortunatamente la Renault sembra non sapere nemmeno cosa sia.
In modalità REX, il motore a benzina gira a velocità costante, trascinando un motore elettrico secondario che funge da generatore di corrente per mantenere carica la batteria, mentre il motore elettrico principale è l’unico materialmente collegato alle ruote. Il motore a benzina è quindi in serie col generatore, la batteria e il motore principale:

Anche se può sembrare uno spreco energetico, in realtà in questo modo si risparmia energia/carburante, perchè il motore termico non utilizza le marce ma gira sempre alla stessa velocità ottimale, raggiungendo efficienze del 30-35%, contro il 20-25% che raggiunge quando usa le marce:

Per poter godere dei vantaggi offerti dall’ibrido seriale, è necessario che la batteria sia “grande” (10-20kWh), in quanto è questa la fonte princpale di energia dell’auto: il motore a benzina fa solo da supporto, è quasi una “soluzione di emergenza”, per garantire che la batteria principale non resti mai senza energia; di fatto il veicolo è una “auto elettrica ad autonomia estesa” (vedi BMW i3 REX).
Differente è invece l’approccio nelle auto cosiddette “full hybrid”: equipaggiate con una piccola batteria da 1 o 2 kWh, la utilizzano per alimentare il motore elettrico solo durante le partenze da fermo o le forti (e brevi) accelerazioni, permettendo così di ridurre il consumo di benzina, che di fatto si accende solo durante la marcia, restando completamente fermo sia ai semafori e negli incolonnamenti, che negli spostamenti a bassissima velocità.

Di per sè il motore Etech montato sulle Captur plugin dispone anche di questa modalità, oltre ad altre quattordici combinazioni possibili; ma non esiste un pulsante, una leva o un comando per impostare questa modalità: c’è un pulsante “Pure EV”, che DOVREBBE corrispondere a questa modalità…. ma la Captur decide in totale autonomia se bypassare questa scelta dell’utente e accendere comunque il motore termico (passando in modalità “mysense”) e collegarlo o al generatore, o alle ruote, secondo un algoritmo che al momento è imperscrutabile, ma che somiglia tanto all’algoritmo di una normale full-hybrid; e il fatto che il motore e-tech sia per l’appunto montato anche su una Renault full-hybrid, la Clio, fa pensare che alla Renault non abbiano le idee chiarissime sull’argomento.

D’altronde, la Captur è la prima ibrida mai prodotta da questa azienda, che finora aveva prodotto solo auto o soltanto a benzina, o soltanto a batteria. E’ vero che il motore e-tech ha alle spalle 10 anni di progettazione e ottimizzazione (dal LocoDiscoBox all’Eolab), e infatti può funzionare, come accennato, in 15 modi diversi; ma a quanto pare il SW di gestione non è all’altezza della meccanica.

Controlli autoradio

Un ultimo difetto di progettazione è piuttosto bizzarro: per alzare/abbassare il volume dell’autoradio bisogna premere dei pulsanti… e fin qui ok; la cosa buffa è che, invece, per cambiare stazione, bisogna girare una rotella. E’ come se qualcuno avesse montato i comandi al contrario…
Lo stesso difetto (che volendo possiamo anche chiamare “bizzarra scelta progettuale”) è presente anche sulla Megane.

Difetti software

La quantità di errori presenti nel SW è inverosimile, soprattutto pensando che alcuni sembrano ereditati direttamente dalla Renault Zoe… che riceve aggiornamenti da ben 10 anni! Quindi probabilmente anche sulla Captur non verranno mai risolti. Li elenco qui, per poi trattarli in dettaglio in un futuro articolo, insieme ai possibili miglioramenti:

  • azzerando km parziali aumenta autonomia
  • parziale non si azzera con 0 ma con ok
  • schermone perde luminosità
  • etichetta autonomia su velocità media e chilometri parziali
  • indicatore temperatura acqua… senza indicazioni di temperatura
  • schermata vuota in cruscotto
  • consumi medi indicati come velocità media
  • la macchina si chiude automaticamente quando scendi ma lascia i finestrini aperti
  • precondizionamento non memorizza temperatura
  • dati precondizionamento diversi tra app e auto

Migliorie possibili/indispensabili

  • il riscaldamento non si accende se l’auto è in carica
  • display spento non si distingue da acceso, power si sovrappone a ready
  • quando l’auto è in carica i kW indicati restano a zero.
  • sportellino ricarica non illuminato
  • indicatori flussi energia invertiti tra volante e monitor
  • manca avvisatore luce accesa posteriore o laterale in abitacolo
  • autonomie elettrica/benzina mischiate
  • chilometri parziali in schermata a parte invece che insieme
  • Linee di serbatoio/batteria inutilmente sottilissime
  • non conosce tutte le colonnine ricarica enel
  • il server dell’app sembra non rispondere mai
  • percentuale ricarica batteria discordante tra app e macchina
  • app telefono senza manuale

Conclusioni

Magari le mie conclusioni cambieranno tra qualche altro mese di utilizzo, o dopo qualche aggiornamento da parte di Renault,… ma per il momento la mia conclusione è: se l’avessi comprata su Amazon, avrei già fatto il reso.

Il mio consiglio: non comprate questa macchina, se non prima di qualche altro mese, per vedere come va coneventuali aggiornamenti e risoluzioni dei problemi da parte di Renault.

Tagged with: , , , , ,

8 Risposte

Subscribe to comments with RSS.

  1. […] Una prima, spietata recensione sulla nuovissima Renault Captur Plugin Etech 160, il “primo esperimento ibrido” della Renault. […]

  2. Vincenzo said, on 14 gennaio 2021 at 14:10

    Sarò nel pomeriggio in concessionaria Renault per sottoporre le tue considerazioni e chiedere delucidazioni. Di certo l’entusiasmo che avevo grazie alla tua esperienza è scemato.

  3. Vincenzo said, on 15 gennaio 2021 at 2:34

    Sono stato in concessionaria ed ho chiesto di verificare le problematiche che hai evidenziato. Ho percorso una ventina di km alla velocità tra 20 e 30 km/h e non ho riscontrato questo ballonzolio ( le strade campane sono poco lisce).
    A motore elettrico acceso, piede sul freno e tolgo la cintura l’auto innesta il freno di stazionamento e si spegne. Questo mi sembra giusto, ho poi tolto il freno ed accelerato l’auto è andata avanti ed ho continuato a guidare senza cintura ( allarme dopo poco ha smesso di suonare).
    Per le frenate di emergenza non ho potuto verificare, avrei dovuto avere più tempo e circolare in città. Sono d’accordo sulla lettura della temperatura dell’acqua non si capisce. Nel vano ricarica c’è un led bianco che passa a blu in fase di carica. Quando ci si allontana dall’auto gli sportelli si chiudono e le finestre restano aperte, basta schiacciare 2 volte sul telecomando ed finestrini si chiudono. Per tutte le altre problematiche mi ripropongo di ritornare in concessionaria e controllare.

    • jumpjack said, on 15 gennaio 2021 at 7:56

      Proverò a fare il test della cintura in un parcheggio pianeggiante, perché l’ingresso al mio posto macchina è in salita.

    • jumpjack said, on 15 gennaio 2021 at 8:23

      Per il fatto del ballonzolio, purtroppo te ne accorgi soltanto in strade perfettamente lisce, perché produce delle vibrazioni molto simili proprio a quelle causate da una strada anche solo leggermente sconnessa, quindi quando le senti ti viene spontaneo pensare sia colpa della strada. Sfortunatamente le sole strade così lisce e perfette sono quelle a scorrimento veloce, dove non ti puoi fermare a fare i test.
      io ho passato un quarto d’ora a partire, fermarmi, ripartire, e ri fermarmi a varie velocità in una zona industriale di soli capannoni con strade appena fatte e deserte.

  4. selidori said, on 17 gennaio 2021 at 10:16

    Ottime osservazioni.
    Alcune (come dici anche tu) sono presenti in Zoe e probabilmente in tutte le Renault, quindi probabilmente per loro sono scelte “giuste” (come la leva che sparisce dietro le razze del volante o la rotella per cambiare il volume).
    Altre addiritura in tutte le macchine (cintura di sicurezza per la spesa… che poi basterebbe esludere i pesi <20kg…. dubito fai spesa per 20kg, come dubito una persona pesi meno).
    Per la frenata automatica… anche qua ogni tanto scazzano per tutte le auto che ho provato. Sulla mia LEAF attuale mi sembra di aver capito che capita quando 'aggancia' il mezzo davanti, ma poi questo si svincola ed esce magari sulla destra o cambia corsia e lì frena, ma a quel punto non è più davanti a te, ma chissà perchè lei pensa di si ed inchioda.
    esempi di frenata 'a cazzo' senza motivo (video miei):
    https://youtu.be/yXKvToZsoxY

  5. […] l’interminabile articolo sui difetti hardware di questa strana macchina (strana perchè prodotta in Europa ma con qualità cinese per mercato del […]

  6. Anonimo said, on 26 febbraio 2021 at 21:27

    Confermo vibrazione molto fastidiosa a 25 km in elettrico


Puoi inserire un commento qui sotto; diventerà visibile dopo la moderazione dell'amministratore

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: