Jumping Jack Flash weblog

Auto elettriche e riscaldamento globale

Posted in auto elettriche, fotovoltaico by jumpjack on 7 settembre 2018

Il 100% dell’energia estratta dalle batterie di un’auto elettrica finisce per diventare, sempre e comunque riscaldamento globale dell’atmosfera:

  • il calore disperso dai freni riscalda l’aria;
  • il calore prodotto dalle ruote che toccano la strada scalda l’asfalto che a sua volta scalda l’aria;
  • il movimento stesso dell’auto nell’atmosfera scalda l’aria aumentandone l’agitazione delle molecole.

Quindi è bene che l’energia delle batterie venga dal sole, perchè se viene dai combustibili fossili è come se viaggiasse nel tempo da 1 miliardo di anni fa ad oggi: sempre di energia solare si tratta, ma accumulata 1 miliardo di anni fa da piante e animali che poi sono diventati petrolio.

Penso che sia come se oggi risplendessero migliaia soli invece che uno solo; cioè, se per formare 1 litro di benzina ci sono volute, che so, 10 tonnellate di piante marcite, putrefatte e diventate petrolio, che erano cresciute in 6 mesi, e poi bruciamo questo litro in 1 giorno , vuol dire che è come se in quel giorno risplendesse l’equivalente di 6 mesi di sole, o che risplendesse un sole 180 volte più intenso.

 

Ma proviamo ora a fare un calcolo un po’ spericolato:

1)il mix energetico italiano ha raggiunto il 40% di rinnovabili e 60% di fossili;
2) una centrale a combustibili fossili ha efficienza del 50% invece che 25% come un’auto;
3) con un litro di benzina (10 kWh) un’auto a benzina fa 15km, un’elettrica fa 70km.

Dovrebbe significare:
1) 0.6 * 6 = 3.6 mesi di sole invece che 6
2) 0.5 * 3.6 = 1.8 mesi di sole invece che 3.6
3) 15/70 * 1.8 = 0.38 mesi di sole invece che 6, cioè 1/16

Cioè, se ho fatto bene i conti, vorrebbe dire che un’auto elettrica riscalda il pianeta 16 volte meno di un’auto a benzina.
Sarà vero? Sono calcoli decisamente strampalati… 🙂

4 Risposte

Subscribe to comments with RSS.

  1. Mauro Tassinari said, on 7 settembre 2018 at 23:49

    I conti non tornano!
    Dichiari che un automobile endotermica ha rendimento del 25% e che con la stessa energia un elettrica compie un lavoro 4,6volte maggiore (70km contro i 15km)
    Quindi l’elettrica dovrebbe avere rendimento = 25*4.6= 115%

    Facendo il calcolo inverso: un buon EV perde 10% nel motore e 10% nella carica della batteria.
    Quindi rendimento di circa 80%
    con 10kWh percorre circa 80km (c’é chi arriva a 10km/kWh, io con EV di 20 anni fa faccio 7km/kWh)
    => L’auto endotermica ha un rendimento pari a i km che fa con un litro, ovvero 15%

    • jumpjack said, on 8 settembre 2018 at 18:46

      Non puoi mettere nel conto il caricabatterie, che c’entra, è un conto “dal serbatoio alla ruota”.
      Quel 25% del motore termico è il valore che ho sempre letto in varie ricerche e spiegazioni sul motore a scoppio, non so come si ricava.
      E poi l’auto elettrica non compie un “lavoro maggiore”: elettrica e termica compiono esattamente lo stesso lavoro
      (a parità di peso, Cx e percorso); cambia invece l’energia usata per svolgerlo. E il rapporto tra il lavoro effettivamente svolto e l’energia usata per svolgerlo, essendo il lavoro un altro modo di esprimere l’energia, è proprio l’efficienza.

      >L’auto endotermica ha un rendimento pari a i km che fa con un litro, ovvero 15%
      Dài, non diciamo eresie fisiche! L’efficienza è il rapporto tra due energie!
      Quello che sappiamo è che un’elettrica fa 70 km con l’energia contenuta in un litro di benzina, mentre una termica ne fa 15 (considerando 0.150 kWh/km, 15 km/litro, e 10 kWh/litro come potere calorifico della benzina).
      Detto in altro modo, un’elettrica consuma 0.150 kWh/km, una termica 0.670 kWh/km.
      Ma da questi numeri non puoi ricavare l’efficienza assoluta dei due mezzi, ma solo che un’auto elettrica è 4,6 volte più efficiente di una a benzina (ma dal serbatoio alla ruota, quindi senza CB in mezzo).
      Un’elettrica ha un’efficienza del 90-95%, che diviso 4.6 fa 20, ma non so se si possa dire che “allora l’efficienza della termica è 20%”. Posso dividere un’efficienza per un rapporto tra efficienze?!?

  2. markogts said, on 8 settembre 2018 at 10:56

    Ci sono due errori grossi come case. Le auto elettriche sono meno impattanti di quelle a combustibili fossili, ma non per il motivo che scrivi.

    1° errore: il calore generato sul pianeta Terra dall’uomo, con qualsiasi mezzo, è pressoché irrilevante per la temperatura media globale. La temperatura media globale viene alterata perché la maggior concentrazione di CO2 in atmosfera altera il bilancio radiativo del pianeta. In condizioni di equilibrio, tutto il calore che la Terra riceve dal Sole viene riemesso verso lo spazio. Si tratta di due flussi enormi, rispetto ai quali la generazione di energia da tutte le centrali elettriche, auto, riscaldamenti e tutto quello che vuoi è infinitesima. Il problema è che la CO2 che emettiamo sta rallentando il flusso di energia termica dalla Terra verso lo spazio.
    2° errore: il calcolo che fai non è spericolato, è privo di senso. Non dimostri le tue assunzioni sulla quantità di energia necessaria per fare la quantità di biomassa richiesta per un litro di benzina, non spieghi dove hsi trovato i rapporti di conversione tra biomassa e petrolio e last but not least confondi i kWh termici con i kWh elettrici.

    Esiste un modo molto più semplice per confrontare l’impatto ambientale di un’auto elettrica rispetto a una fossile. Ricordati dal punto 1° che il problema non è l’energia ma la CO2. Un litro di benzina bruciato emette 2340 grammi di CO2. Un kWh elettrico in Italia genera circa 350-400 grammi di C02. Per fare 100 km, un’auto elettrica consuma circa 15kWh, quindi 5-6 kg di CO2, mentre un’auto a benzina che faccia 5 litri per cento km, ne emetterà 12 circa.

    A questo però devi aggiungere le emissioni maggiori legate alla produzione delle batterie, stima non facile, ma che non cambia il senso delle cose: l’auto elettrica inquina, ma inquina meno di un’auto fossile. Se vuoi ridurre a un sedicesimo (anzi, un trentaduesimo) le emissioni rispetto alle auto, usa la bici, anche se a pedalata assistita.

    • jumpjack said, on 8 settembre 2018 at 18:02

      Ma io non stavo mica facendo i conti dell’inquinamento classico: volevo proprio fare i conti dell’inquinamento termico, e confrontare quello di un’auto elettrica e quello di una a benzina. Non so quanto sia “irrisorio”, ma ho calcolato che l’inquinamento termico prodotto dai combustibili fossili da quando sono stati inventati corrisponde al calore prodotto dall’esplosione di oltre 600 milioni di bombe atomiche di Hiroshima ( https://jumpjack.wordpress.com/2012/02/13/la-mia-verita-sul-global-warming/ ).
      Lo so, nessuno al mondo parlat di “inquinamento termico”, è un termine che ho inventato io.

      E comunque i kWh sono kWh, in qualunque cosa li trasformi; anche l’energia potenziale m*g*h puoi esprimerla in kWh (visto che poi la converti in elettricità con la frenata rigenerativa), come anche l’energia cinetica 0.5 * m * v^2.

      Questa frase è errata:
      “In condizioni di equilibrio, tutto il calore che la Terra riceve dal Sole viene riemesso verso lo spazio.”
      Non è vera nemmeno sulla Luna, dove non c’è atmosfera: parte viene assorbita dal suolo (e, sulla terra, dall’atmosfera).

      E per di più la Terra non riceve dal sole solo calore, ma anche luce visibile, che la Terra stessa trasforma in calore (cambiandone la lunghezza d’onda, facendola diventare radiazione infrarossa, che invece di tornarsene sul sole viene assorbita dall’atmosfera; è lo stesso principio per cui la luce del sole illumina una serra, ma poi non riesce più a uscire dai vetri da dove è entrata, perchè diventa luce infrarossa e i vetri e le piante la trattengono).

      Il problema è che questo processo di accumulo dell’energia solare va avanti da 5 miliardi di anni… ma per forse 2 miliardi di anni l’energia del sole si è accumulata nel petrolio, nel carbone e nel gas invece di rimbalzare via; e adesso stiamo immettendo nel giro di 200 anni nell’atmosfera l’energia solare accumulata in 2 miliardi di anni.

      Ovvio che sono numeri un po’ a caso, come anche “6 mesi per kWh”, come faccio a sapere i valori reali? Ma è irrilevante, sto cercando di confrontare quanti di questi “6-mesi-sole” un’auto usa per spostarsi e quanti invece ne usa per riscaldare l’asfalto e i freni, quindi è un dato relativo.

      Ciononostante…. ribadisco che sono calcoli acrobatici e strampalati di cui non sono sicuro. 🙂


Puoi inserire un commento qui sotto; diventerà visibile dopo la moderazione dell'amministratore

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: