Jumping Jack Flash weblog

Diario elettrico n.3: GreenGo Icaro. Puntata 1: l’acquisto

Posted in Diario elettrico GreenGo Icaro, minicar elettriche by jumpjack on 22 febbraio 2018

Il 22 febbraio 2018 il mio “romanzo elettrico” ha iniziato un nuovo capitolo, il terzo:

dopo lo scooter elettrico Zem Star 45 da 1500W

dopo lo scooter elettrico Ecomission Ecokumbo 5000W da 5000W

sono passato alle quattro ruote… anche se in piccolo: una GreenGo Icaro, la minicar più venduta al mondo, persino più della Renault Zoe!

E’ la versione da 6kW continui e 8 kW di picco. Qui c’è una disamina delle varie versioni esistenti, almeno una decina, e con dati e specifiche che nemmeno i rivenditori conoscono!

Per adesso quello che so della mia è:

  • Potenza continua/picco 6kW/8kW
  • Velocità max 65 km/h
  • Batteria da 10 kWh
  • Consumi teorici: 0,1 kWh/km
  • Servofreno
  • 4 freni a disco
  • Alzacristalli elettrici
  • Specchietti regolabili elettricamente
  • Autoradio
  • Navigatore GPS
  • Vivavoce bluetooth
  • Presa aux per autoradio
  • Presa di ricarica USB

Altri dati devo verficarli.

Sembra che l’assicurazione abbia costi spropositati (almeno, per i siti che sanno cosa sia una minicar elettrica, e sono pochi…): ho ricevuto preventivi da 500 a 1000 euro!

Un paio di siti utili dove trovare caratteristiche tecniche dei vari modelli:

http://www.globalsources.com/si/AS/Shandong-Xindayang/6008845356768/Homepage.htm

http://en.evcar.com/index.php?acl=car&method=detail&id=196#param

Tagged with: , , ,

Come usare Google Maps e OpenChargeMap insieme per pianificare un viaggio elettrico

Posted in auto elettriche by jumpjack on 15 febbraio 2018

Per ora sono solo appunti sparsi, poi magari diventerà un’app…

Per ottenere una Google API key, necessaria per utilizzare le varie API (da attivare separatamentequella per il geocoding e quella per i percorsi):

https://console.developers.google.com/

 

Geocoding: identificazione di una località:

https://maps.googleapis.com/maps/api/geocode/json?address=Roma&key=GOOGLEAPIKEY

Nei risultati, il campo “formatted_address” contiene l’indirizzo univoco, da utilizzare poi per l’API dei percorsi:

 

Percorso tra due luoghi (Roma-Milano) con tappa intermiedia (Firenze):

https://maps.googleapis.com/maps/api/directions/json?origin=Roma RM, Italia&destination=Milano MI, Italia&waypoints=Firenze FI, Italia&key=GOOGLEAPIKEY

 

Chiamata a OpenChargeMap in base coordinate geografiche; max 100 risultati, distanza massima 50, unità di misura km, solo EnelDrive (OperatorId=80):

https://api.openchargemap.io/v2/poi/?output=json&countrycode=IT&latitude=42.71&longitude=12.11&maxresults=100&distance=50&distanceunit=km&verbose=false&operatorid=80

 

 

Diario elettrico Ecojumbo 5000 – 10/2/2018: mezzi elettrici indistruttibili!!!

Posted in batterie, scooter elettrici by jumpjack on 10 febbraio 2018

Sono passati più di 13 mesi da quando ho parcheggiato per un’ultima volta lo scooter dopo aver sfasciato il cerchione posteriore in una buca:

Il cerchione è stato aggiustato a suon di martellate e sfiammate, ed è tornato apparentemente come nuovo, almeno meccanicamente…. ma elettronicamente? I magneti non reagiscono bene a calore e martellate…

Finora non l’avevo mai provato: dal momento che le strade della mia zona sono diventate impraticabili per via delle buche, ho solo rimontato la ruota ma non ho mai ricollegato i fili.

Oggi, con la prospettiva di vendere, forse, lo scooter, in vista dell’acquisto della minicar elettrica GreenGo Icaro, ho  deciso di mettermi lì con calma a scartabellare tra vecchi appunti, vecchie foto e ragnatele di fili sparsi…

Alla fine sono riuscito a ricollegare tutto.

Ho acceso il quadro, ho girato la manopola, il quadro si è acceso (è già un mezzo miracolo, dopo 14 mesi di non utilizzo delle batterie!), è scattato il relè collegato alla resistenza di precarico, ho girato la manopola dell’acceleratore e….

…niente.

…azz, vuoi vedere che  fiamma e martellate ha davvero sconquassato il motore…?

Ah no… è solo che ho ricollegato “solo” i 14 fili di controllo della centralina… ma non ho ricollegato i 3 grossi cavi del motore!  Doh!

Riprovo.

Spengo.

Ricollego.

Giro la manopola eh…

WOW!

Il motore gira che è un piacere! Nessun danno apparente derivante da martellate e sfiammate! Almeno, sul cavalletto. Poi bisognerebbe vedere in strada…. però ho lasciato scadere l’assicurazione, quindi si vedrà.

Passiamo alle batterie:

 

No dico, ma vi rendete conto? La batteria è stata ferma 13 mesi, per di più senza BMS perchè si era bruciato e lo dovevo cambiare… e lo sbilanciamento massimo tra celle è di 4 mV!!!! Ed è ancora praticamente carica!!! (la piena carica è a 3,3V/cella).

Per la cronaca, si tratta delle batterie estraibili a LiFePO4 da 60V/20Ah della EcoItalMotor .

Quello che invece ha resistito molto peggio, invece, è la meccanica, sotto sole, ghiaccio, vento, pioggia:

La vernice si è tutta sgarrupata, la plastica del contachilometri è diventata quasi completamente opaca…

Sul vecchio Zem Star 45 dopo 3 anni sotto le intemperie dovetti sostituire la plastica del contakm  (fabbricandola a mano su misura da un foglio di plexiglass), qui mi sa che dovrò fare lo stesso, se deciderò di tornare in circolazione. Ma ammetto che aver visto ripartire il motore mi ha fatto venire un po’ di nostalgia delle mie scorribande elettriche a due ruote! Quindi, almeno per ora, non si vende. Però devo trovare un posto dove mettere lo scooter per fare spazio alla icaro…