Jumping Jack Flash weblog

Modello 3d stampato della cometa 67P/Churyumov-Gerasimenko (missione Rosetta)

Posted in Uncategorized by jumpjack on 29 ottobre 2014

La missione Rosetta dell’Agenzia Spaziale Europea (ESA) sta per giungere al suo culmine dopo un viaggi di 6 miliardi di km, 4 gravity assist e l’incontro con due asteroidi, Steins e Lutetia.

Il 12 novembre 2014 lancerà un lander che atterrerà sulla cometa 67P/Churyumov-Gerasimenko e ne analizzerà la composizione.

Se non fosse già eccezionale la missione di per sè, ecco qualcosa di ancora più eccezionale: l’ESA ha ricavato un modello 3d della cometa, che si può liberamente scaricare e visualizzare sul proprio PC…

…oppure visualizzare anche dal vero, grazie a una stampante 3d!🙂

Già di per sè la cosa è molto intrigante e affascinante: poter tenere in mano la riproduzione di un oggetto lontano 600 milioni di km, raggiunto da una sonda dopo un tortuosissimo viaggio nello spazio durato 10 anni!

Però… come fare per rendere un pezzo di plastica un po’ più simile a una cometa?

L’ESA dice che il vero colore della cometa è “nero come il carbone”, e che sembra grigio-chiaro solo perchè sovraesposta per evidenziarne i dettagli superficiali.

Così ho fatto una controprova: ho fotografato dei pezzi di carbone, prima al buio e illuminati dal flash, e poi in piena luce; il risultato è notevole:

wpid-img_20141029_200558.jpg wpid-img_20141029_200538.jpg

E’ quindi confermato, se ce ne fosse bisogno, che quanto dice ESA è vero, cioè il carbone in piena luce appare bianco-grigiastro in foto!

Così, ho raccolto un po’ di ingredienti per creare la “texture” della mia stampa in plastica:

wpid-img_20141027_190418.jpg

Cenere

wpid-img_20141027_190404.jpg

Carbone

Visto che però su una cometa c’è anche il ghiaccio, serve comunque anche un po’ di bianco!

wpid-img_20141027_190430.jpg

Sale da cucina

E infine qualcosa per tenere insieme il tutto:

wpid-img_20141027_190446.jpg

Il risultato finale:

cometa

Per rendere meno “noiosa” l’ “installazione artistica”, ecco qualche oggetto “di contorno”: l’orbiter, Rosetta,…

orbiter

… e naturalmente il minuscolo lander, Philae:

lander2

Ed ecco infine qualche vista d’insieme, con annesso materiale esplicativo:

wpid-img_20141029_133714.jpg

wpid-img_20141029_133708.jpg

wpid-img_20141029_133908.jpg wpid-img_20141029_133814.jpg wpid-img_20141029_133757.jpg

Dettagli tecnici:

  • File OBJ originale convertito in STL tramite Meshlab, modello “ritagliato” con Autodesk Meshmixer per creare base d’appoggio piatta, stampa effettuata online in Italia tramite sito 3dHubs, al costo di 30,00 euro per un modello di 11 cm di larghezza.
  • Orbiter e lander realizzati in legno di balsa.
  • Sostegno orbiter in fil di ferro verniciato.

Puoi inserire un commento qui sotto; diventerà visibile dopo la moderazione dell'amministratore

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: