Jumping Jack Flash weblog

Il ritorno della realtà virtuale

Posted in 3d by jumpjack on 14 giugno 2014

Qualcosa come 20 anni fa esisteva una rivista intitolata “VR –  Virtual Reality”; erano gli anni ’90, e sembrava che ci sarebbe presto stato il boom della realtà virtuale immersiva, quella con casco e/o occhiali che isolano dall’esterno e fanno vedere una simulazione 3d.

Ma erano appunto gli anni ’90… il computer più potente era forse un 486 a 33 MHz! Ricordo che a ENADA, la “fiera del videogioco”, provai un sistema di realtà virtuale: usava BEN due 486 a 66MHz in parallelo per visualizzare un mondo 3d fatto di triangoli e poligoni senza texture! E dovevo stare dentro una specie di “recinto elettromagnetico”, dove una balaustra elettromagnetica rilevava la posizione del casco sulla mia testa per determinare i parametri di simulazione… All’epoca non c’erano mica i cellulari con acceleometri e giroscopi!

E c’è anche un altro dettaglio: all’epoca brevettai la mia prima invenzione, e trovai una noticina nella domanda di brevetto che diceva, in sostanza, che se il brevetto si mostrava di interesse militare, i militari se lo sarebbero preso senza darmi una lira e io non avrei potuto farci niente.

Ora sono passati 20 anni: abbiamo cellulari octacore a 2 Ghz con giroscopi, accelerometri e bussole che pesano un etto o poco più, e i “brevetti militari”, se c’erano, saranno magari scaduti… quindi eccoci qua: adesso la realtà virtuale immersiva può diventare… beh… reale!🙂

Ed ecco quindi i progetti Morpehus ed Oculus Rift:

http://vitadigitale.corriere.it/2014/06/13/e3-2014-project-morpheus-vs-oculus-rift/

 

Non so bene quanto costino… ma so bene che è da quando esistono i cellulari col bluetooth che penso alla fattibilità di un visore VR “economico”; provai a progettarne uno accoppiando due nokia Series60 tramite bluetooth… per poi scoprire che il BT è troppo lento per lo streaming video. Ma se programmare un Series60 in python era un gioco da ragazzi, sviluppare per Android è un gran casino, quindi non mi sono ancora cimentato nella scrittura di un SW client-server basato su WiFi per fare streaming video dallo schermo del PC, su cui gira un gioco 3d, ai due cellulari; però forse con Kivy o AitCompanion, che sono molto più semplici di un programma nativo in c++, qualcosa si potrebbe fare; e un cellulare android con accelerometro oggi costa 60 euro, quindi con 120 euro e un po’ di SW forse si potrebbe autocostruirsi un visore 3d.

Speriamo che a qualcun altro oltre a me venga in mente!  O che un OculusRift costi al massimo 150 euro.🙂

 

Intanto, però, incidentalmente ho finalmente trovato un SW che forse permette di usare il PC per vedere blueray 3d: la ditta è fallita, ma la parte “anaglifa rosso blu” dei driver è freeware:

http://www.iz3d.com/driver

 

Una Risposta

Subscribe to comments with RSS.


Puoi inserire un commento qui sotto; diventerà visibile dopo la moderazione dell'amministratore

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: