Jumping Jack Flash weblog

Diario Lepton – la ricarica

Posted in scooter elettrici by jumpjack on 31 maggio 2013

Un nuovo passo verso la messa su strada del Lepton (intanto sono due settimane che, causa freddo invernale, non posso più usare lo Zem per andare a lavoro…😦 ): ho installato una “colonnina di ricarica” nel mio posto auto. In realtà non ci penso proprio a mettere una colonnina ufficiale da 2000 (duemila!!!) euro, visto che basta una presa di corrente, quindi ho comprato un quadro elettrico da esterni IP65 con sportello ermetico e chiusura a chiave, un salvavita, una presa di corrente, 8 viti, quattro stop, e via: siccome una parete del mio posto auto è la stessa su cui sono fissati i contatori della luce, mi è bastato fare un buchetto lungo 5 centimetri e passare un cavo, niente di più semplice.

Quando ho messo in carica la batteria, sono successe due cose:

– è partita la ventola del caricabatterie, quindi ho immaginato stesse caricando; poi mi sono ricordato che avevo staccato la batteria… Quindi non stava caricando un piffero, ma mica se n’è accorto, mah…

– la batteria era a 48,9 prima di attaccare la ricarica…e a 48,8 quando ho acceso. (???) Credevo che le batterie al piombo da 48V si caricassero a 52 V o giù di lì, boh? Comunque, ho attaccato il mio logger di corrente per elettrodomestici, che trova comodamente spazio nel sottosella, vedremo cosa dice (anche se non avrà molto da caricare, credo, l’ho usato per pochi km).

A proposito di sottosella, lo sto modellizzando in Google Sketchup in modo da poter fare simulazioni su quante celle al litio può contenere; per ora ho calcolato che può contenere comodamente 4 classiche batterie al piombo 12V/7Ah da UPS più probabilmente anche un piccolo caricabatterie. Quattro batterie da 7Ah non servono a molto se sono al piombo… ma delle stesse dimensioni e forma si trovano anche al litio, di varie ditte, tra cui anche la A123, che le chiama sia ALM12V7 (anche se non sono da 7 ma da 4,6 Ah, avendo celle da 2,3Ah in parallelo), sia ALM12V30 e ALM12V60, riferendosi ai wattora contenuti (ci sono due varianti: 30Wh e 60 WH). Probabilmente cioè esistono varianti con celle 18650 da 1,1Ah e con celle 26650 da 2,2 Ah.

La cosa interessante è che queste batterie sono a rimpiazzo diretto del piombo (hanno elettronica interna che gestisce flusso di corrente e bilanciamento), e se ne possono collegare un massimo di 4 in serie e 10 in parallelo, ossia creare fino a 10 paralleli da 48V/4,6Ah. Se ne potrebbe usare uno per realizzare la famosa “batteria boost”, che essendo da 4,6Ah anzichè solo da 2,3 come la mia potrebbe erogare, a 10C, 46A, quindi più della metà della corrente necessaria alle batterie principali sotto massimo sforzo (ipotizzo, non ho dati certi sugli assorbimenti).

Poi naturalmente c’è lo spazio delle batterie principali: complessivamente, il pacco-batterie dell’Oxygen Lepton vecchio ha dimensioni  198 x 672 x 175 mm, a fronte di una base, per queste batterie, di 151 x 65  (e 94 di altezza), che significa che potrebbero entrarci 4 file di 3 batterie affiancate (151×4=604<672, 65×3=195<198), quindi 3 pacchi da 48V/4,6Ah, per un totale di 14 AH, che aggiunti ai 4,6 nel sottosella farebbero meno di 20Ah: piuttosto pochi… E mi pare strano, perchè le batterie al litio dovrebbero essere molto più leggere e meno ingombranti di quelle al piombo! Forse per dargli lo stesso fattore di forma di quelle standard per UPS hanno sprecato dello spazio all’interno, o forse è occupato dall’elettronica, boh… Fatto sta che stiamo parlando di 95 Wh/L ( 883 Wh/ 9,22 L), contro i 181 WH/L delle mie batterie li-ion (probabilmente LiCO2)

Tagged with: , , ,

5 Risposte

Subscribe to comments with RSS.

  1. GianniTurbo said, on 31 maggio 2013 at 22:08

    e se era così semplice mettere una colonnna di ricarica perche non l’hai fatto prima!!!!

    • jumpjack said, on 1 giugno 2013 at 10:53

      Perchè prima ho dovuto chiedere il permesso al condominio (due anni fa), poi capire che materiale comprare, poi pensavo di far fare il lavoro a un elettricista qualificato per non avere noie… dopodichè alla fine, per cause di forza maggiore (sono rimasto a piedi, anzi peggio, a benzina) mi sono rotto i maroni e ho fatto da solo.🙂

  2. GianniTurbo said, on 1 giugno 2013 at 12:41

    Allora ora puoi usare un qualsiasi scooter elettrico non necessariamente con le batterie estraibili.

    • jumpjack said, on 1 giugno 2013 at 14:39

      più o meno… ma tanto ormai li fanno TUTTI con le batterie estraibili!🙂

      • jumpjack said, on 1 giugno 2013 at 14:41

        Infatti ho montato la colonnina usando fili belli grossi, in modo da poter ricaricare in futuro anche un’auto, invece di uno scooter.


Puoi inserire un commento qui sotto; diventerà visibile dopo la moderazione dell'amministratore

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: