Jumping Jack Flash weblog

La casa a batterie :-)

Posted in ambiente, fotovoltaico by jumpjack on 24 aprile 2013

Ormai le batterie stanno diventando una fissazione. ūüôā

Sono venuto in possesso a prezzo prodigioso delle batterie usate di 2 Estrima Bir√≤, per un totale di 12000 (dodicimila) Wh!!! 10 batterie da 12V/100Ah l’una,¬† 30 kg¬† di peso, non vi dico il cu*o per scaricarle dalla macchina… ūüôā

Svendute a 250 euro perch√® ormai non pi√Ļ abbastanza prestanti per i Bir√≤, conto di poterle utilizzare per alimentare la casa (*); purtroppo non tramite pannelli solari, finch√® i vicini stolti mi impediranno di installarli sul tetto, ma in ogni caso dovrei risparmiare parecchio: attualmente pago circa 0,20 E/kWh di giorno e circa 0,04 E/kWh di notte, tra le 19:00 e le 7:00; il che significa che se di notte ricarico e di giorno scarico, dovrei ridurre la bolletta a 1/5 del prezzo!

Ipotizzando 3000 kWh/anno, significherebbe passare da 600 euro a 120 euro all’anno! Un risparmio di 480 euro che ammortizzerebbe molto presto anche il prezzo del grosso inverter/caricabatterie che probabilmente comprer√≤: 550 euro. Uniti ai 250 delle batterie fanno 800 euro…. che dovrei recuperare in meno di due anni!

Faccenda interessante, chiss√† se ci riesco…

 

(*) 2000W a 24V sono 83A, mentre a 48V sono 41; a 48V sarebbe meglio, ma gli inverter costano, e i carichi da 2000W (lavatrice, lavastoviglie) durano comunque pochi minuti. Il ferro da stiro, che resta acceso per pi√Ļ tempo, da 1000W, succhierebbe 41A a 24V e 20A a 48V.

 

Diario elettrico Zem Star 45 – 24/4/2013 – Parte il progetto superbatteria!

Posted in scooter elettrici by jumpjack on 24 aprile 2013

Basta tergiversare! ūüôā

Sono mesi che studio, cerco, calcolo, esamino, stimo e progetto, ora basta, rompiamo gli indugi e partiamo: o la va, o la spacca!

Ho appena ordinato 20 supercelle LiFePO4 a123 ANR26650 con linguette per un totale di 187 euro spedizione inclusa, un BMS da 48V 60/100A e uno da 60V 60/100A, a 170 euro spedizione inclusa; totale: 357 euro.

Il progetto consisterà nel realizzare DUE superbatterie: una da 48V e una da 60V, cioè una per il Lepton e una per lo Zem; entrambe a capacità bassissima (appena 2,3 Ah! Cioè 110 Wh sul Lepton e 138 Wh sullo Zem), ma a me interessa la potenza: queste celle consentono scariche continue di 30C/60A, il che significa 2,8 kW sul Lepton (motore da 1,8 kW)  e 3,6 kW sullo ZEM (motore da 1,5 kW)!

In realt√† conto di spremerle meno: sullo Zem basta che riescano a tirare fuori 20-30A in accelerazione e sulle salite, ma √® importante che abbiano un’alta capacit√† di ricarica, per potersi ricaricare rapidamente tra un’accelerazione e l’altra, e a 4C dovrebbero potersi ricaricare abbastanza rapidamente, anche considerando che 138 Wh sullo ZEM cossipondono a 5-6 km, mentre le salite che incontro io sono moooolto pi√Ļ brevi, e le accelerazioni ovviamente brevissime. Avrei dovuto fare conti precisi… ma avrei perso probabilmente altre settimane o mesi, quindi ho deciso di darci un taglio! Spero solo di finire il mio logger prima che arrivi il tutto, √® probabile che in meno di una settimana sia arrivato gi√† tutto!

Chiaramente sul Lepton la superbatteria servir√† a poco, non avendo ancora comprato la batteria-base, ma in attesa di decidere quale comprare, far√≤ un po’ di sperimentazione: potrei anche scoprire che posso rimettere le batterie al piombo, ma magari grandi la met√† visto che lo spunto lo darebbe la superbatteria e che mi servono solo 20 km/giorno, chiss√†.

Purtroppo una batteria completa fatta con queste celle costerebbe pi√Ļ di 1000 euro, che al momento non mi va di spendere (e se poi non funziona un tubo? Meglio spendere un quarto della cifra per sperimentare, poi si vedr√†).

 

 

How to paste Word tables into Excel preventing Excel from splitting cells

Posted in Programmazione by jumpjack on 24 aprile 2013

When you copy a table from Word to Excel, if a cell contains carriage returns it will be splitted into two or more cells when pasting into Excel.

Following macros prevent such behaviour, by temporary replacing carriage returns into clipboard by specific strings and then restoring them once table is copied into Excel.

==== Insert into Word Module =====

Public Sub CopyTableForExcel()
' Select whole table in Word and start this macro to copy table in clipboard.
' Then switch to Excel and run PasteTableFromWord macro

Dim Newdoc As Document
If Selection.Information(wdWithInTable) = False Then
   MsgBox "Selection is not in a table.  Exiting macro."
   Exit Sub
End If
Selection.Tables(1).Select ' Select whole table
Selection.Copy
Set Newdoc = Documents.Add(, , , True) ' Create a temporary document to store modded table.
Newdoc.Activate
Selection.Paste ' Paste the table in the new document.
 
   ' Replace all carriage returns (ascii 13) by "[exVbLF]" string:
    Selection.Find.ClearFormatting
    Selection.Find.Replacement.ClearFormatting
    With Selection.Find
        .Text = Chr(13)
        .Replacement.Text = "[exVbLF]"
        .Forward = True
        .Wrap = wdFindContinue
        .Format = False
        .MatchCase = False
        .MatchWholeWord = False
        .MatchWildcards = False
        .MatchSoundsLike = False
        .MatchAllWordForms = False
    End With
    Selection.Find.Execute Replace:=wdReplaceAll
    
   ' Replace all carriage returns (VbCR) by "[exVbLF]" string:
    Selection.Find.ClearFormatting
    Selection.Find.Replacement.ClearFormatting
    With Selection.Find
        .Text = vbCr
        .Replacement.Text = "[exVbLF]"
        .Forward = True
        .Wrap = wdFindContinue
        .Format = False
        .MatchCase = False
        .MatchWholeWord = False
        .MatchWildcards = False
        .MatchSoundsLike = False
        .MatchAllWordForms = False
    End With
    Selection.Find.Execute Replace:=wdReplaceAll
    
' Copy modded table into clipboard:
    ActiveDocument.Tables(1).Select
    Selection.Copy
 
    ActiveDocument.Close (wdDoNotSaveChanges) ' Close temporary document
    MsgBox ("Table copied into clipboard. Start Excel macro to paste the table into Excel.")
End Sub
  

 

==== Insert into Excel Module ====

 
Sub PasteTableFromWord()
' Use in Excel after using CopyTableForExcel() in Word
    ActiveSheet.Paste ' Paste modded table
    Cells.Select ' select whole sheet (necessary?)
 
' Restore carriage returns inside cells:
    Selection.Replace What:="[exVbLf]", Replacement:=vbLf, LookAt:=xlPart, _
        SearchOrder:=xlByRows, MatchCase:=False, SearchFormat:=False, _
        ReplaceFormat:=False
 
' Fix the table
    Selection.EntireColumn.AutoFit
    Rows("1:1").EntireRow.AutoFit
    With Selection
        .HorizontalAlignment = xlCenter
        .VerticalAlignment = xlTop
        .Orientation = 0
        .AddIndent = False
        .IndentLevel = 0
        .ShrinkToFit = False
        .ReadingOrder = xlContext
        .MergeCells = False
    End With
End Sub

Installation:

– Copy first macro into a Word module in NORMAL.DOT (common to all documents)

– Copy second macro into an Excel module in PERSONAL.XLS (common to all documents)

Usage:

– Select table in Word

– Start CopyTableForExcel macro

– Switch to Excel destination sheet

– Start PasteTableFromWord macro

Following version of the Macros also turns all “.” (dots)¬† in the Word table into “,” (commas) in Excel table: this is needed because my Italian version of Excel uses commas to separate decimals and I often have to copy english-formatted tables (with dots for decimals) into italian-formatted Excel sheets (with commas for decimals).

==== Insert into Word Module =====

Public Sub CopyTableForExcel()
' Select whole table in Word and start macro to copy table in clipboard.
' NOTE: macro also replaces "." (dots) by "," (commas), as it is used to paste
' tables into Italian version of Excel, which uses commas rather than dots
' to separate decimals; comment-out the related part of the code if your Excel
' version uses dots for decimals.
 
Dim Newdoc As Document
    If Selection.Information(wdWithInTable) = False Then
        MsgBox "Selection is not in a table.  Exiting macro."
        Exit Sub
    End If
    Selection.Tables(1).Select ' Select whole table
   Selection.Copy
Set Newdoc = Documents.Add(, , , True) ' Create a temporary document to store modded table.
Newdoc.Activate
Selection.Paste ' Paste the table in the new document.
 
   ' Replace all carriage returns (ascii 13) by "[exVbLF]" string:
    Selection.Find.ClearFormatting
    Selection.Find.Replacement.ClearFormatting
    With Selection.Find
        .Text = Chr(13)
        .Replacement.Text = "[exVbLF]"
        .Forward = True
        .Wrap = wdFindContinue
        .Format = False
        .MatchCase = False
        .MatchWholeWord = False
        .MatchWildcards = False
        .MatchSoundsLike = False
        .MatchAllWordForms = False
    End With
    Selection.Find.Execute Replace:=wdReplaceAll
    
   ' Replace all carriage returns (VbCR) by "[exVbLF]" string:
    Selection.Find.ClearFormatting
    Selection.Find.Replacement.ClearFormatting
    With Selection.Find
        .Text = vbCr
        .Replacement.Text = "[exVbLF]"
        .Forward = True
        .Wrap = wdFindContinue
        .Format = False
        .MatchCase = False
        .MatchWholeWord = False
        .MatchWildcards = False
        .MatchSoundsLike = False
        .MatchAllWordForms = False
    End With
    Selection.Find.Execute Replace:=wdReplaceAll
    
 ' Replace all dots by commas; needed to translate from UK decimal to Italian decimal numbers.:
    Selection.Find.ClearFormatting
    Selection.Find.Replacement.ClearFormatting
    With Selection.Find
        .Text = "."
        .Replacement.Text = ","
        .Forward = True
        .Wrap = wdFindContinue
        .Format = False
        .MatchCase = False
        .MatchWholeWord = False
        .MatchWildcards = False
        .MatchSoundsLike = False
        .MatchAllWordForms = False
    End With
    Selection.Find.Execute Replace:=wdReplaceAll
 
 
' Copy modded table into clipboard:
    ActiveDocument.Tables(1).Select
    Selection.Copy
 
    ActiveDocument.Close (wdDoNotSaveChanges) ' Close temporary document
    MsgBox ("Table copied into clipboard. Start Excel macro to paste the table into Excel.")
End Sub
 
 
 
==== Insert into Excel Module ====
 
Sub PasteTableFromWord()
' Use in Excel after using CopyTableForExcel() in Word
    ActiveSheet.Paste ' Paste modded table
    Cells.Select ' select whole sheet (necessary?)
 
' Restore carriage returns inside cells:
    Selection.Replace What:="[exVbLf]", Replacement:=vbLf, LookAt:=xlPart, _
        SearchOrder:=xlByRows, MatchCase:=False, SearchFormat:=False, _
        ReplaceFormat:=False
 
' Fix the table
    Selection.EntireColumn.AutoFit
    Rows("1:1").EntireRow.AutoFit
    With Selection
        .HorizontalAlignment = xlCenter
        .VerticalAlignment = xlTop
        .Orientation = 0
        .AddIndent = False
        .IndentLevel = 0
        .ShrinkToFit = False
        .ReadingOrder = xlContext
        .MergeCells = False
    End With
End Sub

Lepton orfani cercano casa

Posted in scooter elettrici by jumpjack on 13 aprile 2013

Sono tornato a fare una visita ai sotterranei di Villa Borghese, cogliendo l’occasione dopo il ritorno da Electric Spring Days.

Nel “posto segreto degli scooter elettrici“, dove da 20 anni giacciono pressoch√® inutilizzate 20 colonnine di ricarica trifase, sono rimasti quattro lepton antichi e uno nuovo (pi√Ļ un altro “elettrico anonimo” che non ho riconosciuto): adesso che la Oxygen √® fallita, non so che fine faranno; per il momento stanno l√¨ a prendere polvere. Quelli vecchi al piombo avrebbero dovuto essere convertiti al litio, secondo la ditta (me lo dissero l’anno scorso), adesso… boh?

Mi chiedo come si possa fare a scoprire chi è responsabile/proprietario di quei mezzi! Quando era attivo, il noleggio rispondeva al n. 06-3203811 , ma ora non saprei, non ho provato. Scavando nel blog ho anche ritrovato questo numero di cell: 346-96.91.995 . Ho anche questa mail: g.faenza@betterway.it

Personalmente trovo il nuovo Lepton orrendo e inguidabile… ma dovrebbe contenere superbatterie “Valence XP” LiFeMgPO4 (al magnesio) ad alte prestazioni, quindi se per caso quello che sta l√¨ viene svenduto anche a 2000 euro, sarebbe un affare! (ne costerebbe dai 6000 agli 8000). Il vecchio Lepton non ho mai avuto il piacere di provarlo: se non altro non √® brutto come il suo successore, visto che non ha i tremendi maniglioni antipanico, ma temo che il motore abbia lo stesso tremendo, fortissimo recupero in frenata sempre attivo che lo rende inguidabile (a giudicare dal Lepton senza batterie che ho io), mentre in accelerazione, chiss√†?

Tagged with: , , ,

Pannelli solari: 3 metri quadri, 1 kW, 30 euro

Posted in ambiente, elettricita, fotovoltaico by jumpjack on 9 aprile 2013

Cifre del genere sono per ora soltanto un sogno: i migliori pannelli solari odierni producono 200W/m2, e costano 0,5 euro per ogni W, quindi per avere 1 kW servono 5 m^2 e 500 euro.
Se si potesse usare l’arseniuro di gallio, basterebbero invece 2 m^2… e 20.000 euro, visto che costa 10.000 E/m2 !
Senonch√® ecco che le onnipresenti nanotecnologie ci vengono in aiuto,rendendo possibile un pannello solare in nanofili di arseniuro di gallio che produce quasi il doppio a parit√† di superficie rispetto al silicio (330W vs 200W) e contiene 1/10.000 dell’arseniuro di gallio rispetto a un pannello standard in GaAs:
http://actu.epfl.ch/news/nanowires-have-the-power-to-revolutionize-solar-en/

Ecco “Displog”, il DISPlay che LOGga!

Posted in arduino, hardware by jumpjack on 8 aprile 2013

Una volta domato il bastardo Ardulog, crearci nuove applicazioni è solo questione di fantasia!

Ecco quindi nascere DISPLOG, il primo display con logger incorporato, o logger con display incorporato, fate vobis:

DISPLOG - DISPLAY + LOGGER on SD card

DISPLOG – DISPLAY + LOGGER on SD card

La faccenda √® molto semplice: il display grafico/alfanumerico 3110/5110 (aka Philips PCD8544) pu√≤ essere pilotato tramite 5 soli pin (addirittura 4 in casi particolari), e su Ardulog ci sono 4 pin analogici disponibili (A1, A3, A4 e A5), pi√Ļ RX e TX (D0 e D1); quindi si tratta solo di giocherellare un po’ con le impostazioni di un banale sorgente di esempio sul playground, fare 5 saldature, ed ecco ottenuto un display che supporta le micro SD card!

Tutto quello che cè da fare è modificare le prime linee di codice in questo modo:

#define PIN_SCE   0
#define PIN_RESET 1
#define PIN_DC    A3
#define PIN_SDIN  A4
#define PIN_SCLK  A5

Manca un PIN libero per accendere la retroilluminazione, ma Hobbytronics ha previdentemente predisposto due piazzole libere vicino ai due LED, quindi si può facilmente utilizzare il pin 5 o 13 per comandare la retroilluminazione.

Il pin analogico A1 rimane disponibile per collegare un qualunque sensore analogico.

PowerDuino Standalone, ecco i sorgenti

Posted in hardware, Programmazione by jumpjack on 7 aprile 2013

AGGIORNAMENTO 29 marzo 2014 – Arduino Day 2014

Presentato in fiera progetto dimostrativo basato su sensori di luce.

power1

 

Il progetto dimostrativo utilizza due fotoresistenze e un sensore con accelerometro e bussola.

Le fotoresistenze mostrano come si possa programmare Arduino per rilevare la luce o il buio e per controllare apparecchi a 330V (lampadine);

PowerDuino √® una dimostrazione di utilizzo del rilevamento di luce : ad ogni lampeggio del led di un contatore di energia, arduino incrementa un contatore, riuscendo cos√¨ a calcolare la potenza istantanea e l’energia consumata.

Il sensore con bussola+accelerometro serve a illustrare la facilit√† con cui √® possibile interfacciare sensori ad Arduino: bastano due fili per i sensori dotati di protocollo I2C; altri due fili servono per la massa e l’alimentazione. Opportune librerie permettono di pilotare i sensori con facilit√†.

Il sensore in uso nel progetto dimostrativo è un LSM303D, utilizzato con questa libreria.

 

Sketch dimostrativo:

 

#include <Wire.h>
#include <LSM303.h>
LSM303 compass;
char report[80];
int ControlPin=13;
int RelayOne=7;
int RelayTwo=8;
int SensorOne=A1; // Light sensor one (SHORT RESISTOR - DARKNESS)
int SensorTwo=A2; // Light sensor two (LONG RESISTOR - LIGHT)
int GND_One=11; // For light sensor one (SHORT RESISTOR - DARKNESS)
int GND_Two=12; // for light sensor two (LONG RESISTOR - LIGHT)
int GND_Three=6; // For I2c Sensor
int DARKNESS_THRESHOLD = 200; // if above, it's dark, turn on the light
int LIGHT_THRESHOLD = 450; // if below, light is detected, turn on the lamp!
void setup()
{
 Serial.begin(9600);
 Serial.println("Init wire...");
 delay(1000);
 Wire.begin();
 delay(1000);
 Serial.println("Init compass...");
 compass.init();
 delay(1000);
 Serial.println("Enable compass...");
 compass.enableDefault();
 delay(1000);
 Serial.println("Init vars...");
 pinMode(ControlPin,OUTPUT); //Led
 pinMode(RelayOne,OUTPUT); //Xboard relay 2
 pinMode(RelayTwo,OUTPUT); //Xboard relay 2
 pinMode(GND_One,OUTPUT);
 digitalWrite(GND_One,LOW);
 pinMode(GND_Two,OUTPUT);
 digitalWrite(GND_Two,LOW);
 pinMode(GND_Three,OUTPUT);
 digitalWrite(GND_Three,LOW);
 pinMode(SensorOne,INPUT);
 pinMode(SensorTwo,INPUT);
 digitalWrite(ControlPin,HIGH);
 digitalWrite(SensorOne,HIGH);
 digitalWrite(SensorTwo,LOW);
 delay(1000);
 digitalWrite(ControlPin,LOW);
 Serial.println("Program started!");
}
void loop()
{
 compass.read();
snprintf(report, sizeof(report), "A: %6d %6d %6d M: %6d %6d %6d",
 compass.a.x, compass.a.y, compass.a.z,
 compass.m.x, compass.m.y, compass.m.z);
 Serial.print("ResistenzE; ");
 Serial.print(analogRead(SensorOne));
 Serial.print(",");
 Serial.print(analogRead(SensorTwo));
 Serial.print(",");
 Serial.println(report);
 
 
// GRAVITY //////////////// 
if (compass.a.z<0) {
 digitalWrite(RelayOne,HIGH);
}
if (compass.a.z>0) {
 digitalWrite(RelayOne,LOW);
}
// COMPASS ////////////////
if (compass.m.x<0) {
 digitalWrite(RelayTwo,HIGH);
}
if (compass.m.x>0) {
 digitalWrite(RelayTwo,LOW);
}

// DARKNESS /////////////////
if (analogRead(SensorOne)>DARKNESS_THRESHOLD) {
 digitalWrite(RelayOne,HIGH);
}
if (analogRead(SensorOne)<=DARKNESS_THRESHOLD) {
 digitalWrite(RelayOne,LOW);
}
// LIGHT ///////////////////
if (analogRead(SensorTwo)<LIGHT_THRESHOLD) {
 digitalWrite(RelayTwo,HIGH);
}
if (analogRead(SensorTwo)>=LIGHT_THRESHOLD) {
 digitalWrite(RelayTwo,LOW);
}
 delay(100);
}

power2

power3

 

Powerduino pu√≤ essere usato per disegnare la curva di carico di lavatrice e lavastoviglie, scoprire quando e per quanto tempo assorbono 2000W, e quindi scoprire di quanto va sfalsata l’acdensione dei due elettrodomestici in modo che possano lavorare insieme senza far saltare il contatore.
image

image

============================

Dopo la presentazione all’Arduino Day 2013, ecco i sorgenti del PowerDuino Standalone:

DOWNLOAD PowerDuino 0.3.2

E’ sufficiente caricarlo(*)¬† su un normale Ardulog (meglio evitare l’Openlog, a meno di essere in grado di effettuare microsaldature a mano…), e immediatamente l’Ardulog si trasformer√† da logger seriale a logger standalone, ossia in grado di registrare autonomamente dati dal pin analogico A1, senza bisogno di una Arduino esterna di supporto.

Al momento il listato √® ancora un po’ primitivo, non √® assolutamente ottimizzato, al contrario di quello originale Openlog 3.0¬† superottimizzato a basso livello in modo da ridurre al minimo i consumi del processore (quello distribuito con Ardulog √® invece molto pi√Ļ rudimentale).

In futuro avrei in mente di realizzare un listato generico che, anzich√® registrare specificamente la potenza misurata da un energy monitor esterno, semplicemente registri i dati grezzi letti dai 4 pin analogici e due digitali presenti su Ardulog: in questo modo, Hobbytronics, autore dell’Ardulog,¬† potrebbe vendere il prodotto in versione “standalone” oltre che “serial”, e tale versione sarebbe adatta per qualunque applicazione: basterebbe demandare al file excel in cui si copiano i dati il compito di elaborarli in modo opportuno. Il file conterrebbe infatti semplicemente una riga per ogni lettura, effettuata ogni TOT millisecondi, e in ogni riga ci sarebbero i valori dei pin.

Bisogna per√≤ decidere in che modo impostare l’intervallo dall’esterno senza dover riprogrammare l’Ardulog; potrei ad esempio usare i due pin digitali per impostare 4 livelli diversi di precisione (2 bit= 4 valori), oppure i due digitali pi√Ļ A1, che sta fisicamente separato dagli altri, in modo da poter impostare 8 valori (2^3=8), semplicemente a seconda di quali pin sono a massa e quali a +Vcc.

Spero di riuscire a farmi un’idea pi√Ļ chiara in tempo per la prossima “uscita pubblica” di PowerDuino, che probabilmente sar√† in occasione della “Geek Sunday” in programma a Roma per il prossimo 5 maggio.

 

(*) Per caricare uno “sketch” (=listato=programma) su Ardulog, bisogna collegarlo al PC tramite circuito adattatore FTDI (RS232/TTL), oppure tramite una Arduino Uno priva del microchip, collegando i pin RX-RX, TX-TX, Vcc-3.3V, GND-GND, RST-RESET, e impostando Arduino Uno sull’IDE.

Prima uscita pubblica per PowerDuino standalone ad Arduino day 2013

Posted in Uncategorized by jumpjack on 6 aprile 2013

image

Oggi c’e’ stata la presentazione ufficiale al pubblico del progetto PowerDuino Standalone. Nato dopo lunghe vicissitudini durate addirittura un anno, e’ diventato possibile grazie a un Arduino Uno originale (al posto del clone Luigino usato per le innumerevoli prove fallite) e ad un Ardulog, successore dell’OpenLog. I numerosi visitatori, dapprima solo un po’ incuriositi, poi decisamente colpiti, hanno mostrato la validita’ dell’idea di un cosino largo 2 ceentimetri in grado di monitorare I consumi di tutta casa senza bisogno di nessuna conoscenza di elettronica: basta un rotolo di nastro adesivo, e PowerDuino Standalone e’ operativo! Il nastro serve ad attaccare la fotoresistenza al led presente sui normali contatori elettronici; 30 secondi per effettuare la calibrazione (da farsi solo la prima volta, poi verra’ mantenuta anche staccando la batteria), e poi il logger inizia a registrare. Presto I sorgenti saranno disponibili sul blog per chiunque desideri costruire l’apparecchio in proprio. Per chi non ama il fai da te, il modello standalone costera’ 30 euro e il modello da quadro 65.

Test su strada Startlab Open Street

Posted in auto elettriche by jumpjack on 1 aprile 2013

L’altro giorno ho finalmente avuto il piacere, grazie alla cortesia di Fabiano, di guidare di persona una StartLab Open, versione “Street” (v. anche altro post).

Questo è il grafico che avevo già estrapolato da un filmato fatto da Fabiano:

Questa volta ho fatto qualche test pi√Ļ esaustivo: accelerazione in 2 senza boost, in 2 con boost, e da solo.

La prova √® un po’ “viziata” dal termine della pianura al raggiungimento dei 40 km/h (non ho trovato una strada piana pi√Ļ lunga…), ma √® comunque interessante:

StartLabOpenStreet

I dati sono confrontati con l’unica altra minicar al piombo che ho testato personalmente (a parte la bir√≤, di cui ho dimenticato di fare un filmato del cruscotto…).

Anche se pure la StartLab appare piuttosto lenta in accelerazione rispetto ai vari mezzi al litio che ho provato (scooter e minicar), risulta pi√Ļ scattante del lentissimo Ingaeta G1.

La Openlab ha questi tempi 0-40 km/h

In 2: 15 secondi

In 2 con boost: 12 secondi

In 1 senza boost: come in 1

Si nota per√≤ una leggera differenza nella curva dopo i 40 km/h, tra i casi “in 2” e “in 1”.

In ogni caso, il mezzo in pianura difficilmente riesce a superare i 45 km/h, ma devo dire che è meglio così, perchè purtroppo non appare molto stabile: sarà per la leggerezza (lo si sposta facilmente spingendolo con una mano!), o forse per lo sterzo a presa diretta tipo go-kart, che fa svoltare il mezzo appena si sfiora la sterzo, ma la sensazione è che sia meglio non correrci troppo, soprattutto in curva.

Sembrerebbe anche da accantonare l’idea di migliorane le prestazioni installando batterie al litio: sicuramente le prestazioni migliorerebbero con 70-80 chili in meno, ma ne perderebbe la stabilit√†, per cui si finirebbe col dover zavorrare il mezzo, perdendo quindi uno dei vantaggi del litio (l’altro √® la maggiore durata delle batterie).

Rispetto al Bir√≤ il mezzo √® decisamente pi√Ļ comodo, avendo sotto lo sterzo spazio per allungare le gambe, al contrario del Bir√≤ che ha una parete verticale, ed inoltre l’abitacolo √® pieno di portaoggetti vari.

Anche lo spazio di carico √® davvero notevole: nonostante gli sforzi del produttore per ridurlo (???) “tagliando” il retro dell’auto, il bagagliaio posteriore √® davvero enorme! Il che vuol dire che c’√® spazio in abbondanza per un gruppo elettrogeno da 2 o 3 kW che permetterebbe di trasformare il mezzo da elettrico in ibrido… (ho visto gruppi da 1 kW stare in uno spazio di 40x40x40 cm!).

Ho invece trovato scomodo il tasto “boost”, che stando sulla plancia anzich√® sotto al volante, costringe ad “allungarsi” per premerlo, e tenerlo premuto a lungo √® molto scomo (e probabilmente fatto apposta).

Scomdo anche il fatto di non avere “deflettori” nei finestrini o nel tettino, per evitare che si appannino i vetri nei giorni di pioggia, e l’impianto di aerazione non fa moltissima aria; infatti Fabiano dice che intende installare un sistema di sbrinamento a parte.

Interessante notare che il motore √® decisamente enorme, pi√Ļ grosso di quello dello scooter Ghibli da 11 kW che ho visto lo stesso giorno! Il che lascia supporre che non sia un motore brushless, ma un vecchio motore a spazzole (non √® posizionato in una ruota, ma staccato √® collegato alle ruote tramite differenziale e tutto il resto).

La decelerazione data dal motore in caso di recupero in frenata attivato dal pedale del freno è decisamente potente, forse troppo.

In conclusione, un mezzo strettamente adatto solo per la città, a causa della irrimediabile bassa velocità, ma molto meglio di Birò e Ingaeta.

Pare che a Roma ne vengano ancora vendute alcune, senza batterie e a poche migliaia di euro: http://www.hyperdivision.it/elettrico/start-lab/