Jumping Jack Flash weblog

La Oxygen in liquidazione, niente più scooter elettrici Lepton!

Posted in ambiente, scooter elettrici by jumpjack on 27 febbraio 2013

Mi era giunta voce da “beninformati”, così ho cercato conferme: ebbene è vero, la ditta che cercava di vendere cinquantini elettrici a 6000 euro è fallita. Chissà come mai?

http://www.lanotte24ore.it/it/calendario-assemblee/details/342-oxygen-spa

Il sito è chiuso: http://www.oxygenworld.it/

E pensare che avevo anche provato a dargli consigli su come rendere invitante un oggetto altrimenti invendibile…

Bastava:

– attivare il kers solo su esplicito comando del guidatore
– riprogrammare centralina per partenze più immediate (va bene, non sono due secondi di ritardo, ma la percezione è di avere un bisonte 400 chilli di scooter sotto al sedere, quando si parte…)
– omologare lo scooter almeno per le tangenziali (tanto già così non è a norma: per essere un cinquantino, per legge deve andare a 45 km/h, non a 50).
– nel modello con una sola batteria, rendere estraibile la batteria ed eliminare il ponte sulla pedana: questa è la modifica sen’zaltro più difficile, ma farà lla differenza: ci sono milioni di persone che abitano al piano X di un comdominio in città e lasciano l’auto in strada perchè non hanno il garage… e nessuna di loro potrà quindi mai comprare uno scooter elettrico, rimanendo così costretto a pagare 2 euro per fare 15 km con l’auto a benzina!

Se già che ci siete fornirete agli acquirenti la spina SCAME per la ricarica anche da colonnine, cosa che al momento non fa nessun venditore di scooter elettrici, avrete anche una ulteriore carta in più rispetto agli altri venditori. ;-) Trovate le specifiche della spina proprio qui nel mio blog.

Magari poi potevano evitare di fare un ricarico del 100% sui costi di produzione (ma questa è solo una mia ipotesi maligna…).

 

Secondo me poteva venir fuori un bel cinquantino elettrico da 3000 euro invece che da 7000… Ma chissà che ora, con la società in liquidazione, non li svendano invece a treCENTO euro!

Come si fa a sapere che fine fanno mobili e immobili di una società in liquidazione?!?

 

Diario elettrico carsharing Roma – 26/2/2013

Posted in ambiente, auto elettriche by jumpjack on 26 febbraio 2013

Ricevuta la tessera metrebus, cerco di informarmi su come prendere un mezzo elettrico: scopro così che l’assistenza telefonica esiste… ma non per i mezzi elettrici, quella si fa solo per email!

Comunque per le istruzioni c’e’ una pagina apposita sul sito… che però non posso linkare, perchè è un link javascript presente nella pagina principale, non so come copiarlo; comunque, saltando da un link all’altro, alla fine si arriva a questo:

http://carsharing.roma.it/files/img.asp?r=2083

Trattasi in realtà di un PDF contenente la mappa dei “parcheggi elettrici”, oltre a quelli delle colonnine ENEL.

Infatti, tra i parcheggi dove prendere l’auto elencati nella pagina delle prenotazioni, alla fine dell’elenco ci sono questi “nomi strani che iniziano per E_”:

Li trascrivo a beneficio di Google…

      E-CASTELLO (Via Fosse di Cast. 10) P.83

 

      *E_CRISPI (Via Fr. Crispi 30) P.39

 

      E_FIUME2 (C.so D’Italia 83) P.85

 

      *E_MARCO POLO (Via dei Verbiti) P.82

 

      E_MASTAI (Piazza Mastai 3) P.81

 

      *E_POPOLO (via Princ. Clotilde 5) P.78

 

      E_PREFETTI (Via dei Prefetti 14) P.79

 

      E_TREVI (P.za St. Apostoli) P.77

 

      E_VALLE (P.za S.Andrea della V. 5) P.80

 

    E_FARNESE (Via Ales. Farnese 2) P.84

Il numero alla fine è l’identificativo del parcheggio sulla mappa:

Con l’asterisco ho contrassegnato quelli molto vicini a una fermata della metro:

      E_CRISPI, la postazione 39, sta tra le fermate SPAGNA e BARBERINI (LINEA A)

 

      E_MARCO POLO, la postazione 82, sta vicino alla fermata PIRAMIDE (Linea B)

 

    E_POPOLO, la postazione 78, sta ovviamente in Piazza del Popolo, vicino alla fermata FLAMINIO (LINEA A)

Nessuna postazione (e nessuna colonnina? mi pareva di sì!) alla Stazione Tiburtina o Stazione Termini! Solo un punto di ricarica a Piazza della Repubblica.

E’ scomodissimo dover usare un PDF o dover andare in una pagina apposita per scoprire dove sono le postazioni, e soprattuto per scoprire quali sono vicine alla metro, quindi ecco un file KML per GoogleMaps/GoogleEarth, che si può consultare facilmente anche sul cellulare.
Ecco anche il link breve facile da memorizzare: http://is.gd/parcheggi

E’ anche piuttosto scomodo prenotare un mezzo elettrico, perchè le offerte disponibili vengono mostrate relativamente ai “parcheggi preferiti”, che vanno prima impostati nella propria pagina, e anche selezionare i parcheggi è piuttosto scomodo, perchè ogni volta bisogna:
-selezionare ROMA
-aspettare 10 secondi che si carichi la lista dei parcheggi
– selezionare il parcheggio
hai sbagliato? NON puoi cambiare parcheggio! Devi selezionare IL NULLA (invece che ROMA), aspettare 10 secondi che si “scarichi” (?) la lista, riselezionare ROMA, RIaspettare 10 secondi che si carichi la lista, e infine scegliere il parcheggio.
Ma ATTENZIONE, perchè se si sceglie un parcheggio duplicato, al momento del salvataggio si avrà un errore…. il parcheggio verrà salvato LO STESSO, ma poi andrà aggiornato… con tutta la trafila sopra.

Attenzione anche, durante la prenotazione di un mezzo elettrico, a inserire SUBITO i chilometri da percorrere, altrimenti si avrà un messaggio di errore ogni volta che si cambia qualunque altro parametro…
Vabbè, il sistema ovviamente è in rodaggio, di sicuro migliorerà col tempo.

Veniamo al meccanismo di ricarica; le istruzioni per usare la colonnina dicono:

      per aprire la vettura poggiare la tessera Car Sharing sul lettore

 

      posto sul parabrezza. Prendere all’interno del libretto di bordo

 

      la tessera “EnelDrive” per procedere alla ricarica elettrica

 

      per sbloccare il cavo di ricarica poggiare la tessera EnelDrive

 

      sul lettore della colonnina di ricarica: sul display comparirà

 

      il messaggio “Grazie e arrivederci”

 

      staccare la spina prima dalla colonnina e poi dalla vettura

 

      riporre il cavo nel portabagagli e verificare che la spia luminosa

 

    “in ricarica” sul cruscotto sia spenta

Io ho sentito dire, l’anno scorso, che le colonnine di Roma non erano compatibili con la C-zero perchè non abbastanza potenti.. Infatti in quella di Via del Corso c’era anche scritto. Vedremo.

Dati tecnici scooters Govecs

Posted in ambiente, scooter elettrici by jumpjack on 25 febbraio 2013

Facendo non so quale giro strano di ricerche sono finito per scovare su internet il Service Manual dei GOVECS… che però con google non riesco a trovare! (infatti manco lo stavo cercando!)

Il file si chiama GOVECS_EN_V1.2.PDF.

Ecco qualche dato interessante:

Range di tensione:

  • S1.2/S1.2+: 84-118V
  • S2-4/S2.4+: 60-84V
  • S3.4/S3.4+: 60-84V

Sensore di temperatura installato sul motore (1.2, 2.4, 3.4); resistenza interna= 550-640 Ohm

Sensore di temperatura installato sulla batteria(2.4, 3.4); resistenza interna = 9,9-10,2 kohm

 

Resistenze motore:

  • S1.2/S2.4: 0,120 Ohm
  • S2.4+: 0,081  Ohm
  • S3.4: 0,024 Ohm

 

Induttanze motore:

  • S1.2/2.4: 1,100 H
  • S2.4+: 0,688 H
  • S3.4: 0,300 H

 

Versioni software del controller SEVCON:

  • S1.2: UK0319_36_IMPM.dld
  • S2.4: UK0319A44.dld
  • S3.4: UK0319A44.dld

 

Versioni di CONFIGURAZIONE del SW:

  • S1.2 (S1202010): 3.36_a2_30p80_45_rev01.dcf
  • S1.2 Mofa (s120411): 3.36_a2_30p80_27_rev02.dcf
  • S1.2+ (s120511): 3.36_a2_42p90_63_rev02.dcf
  • S2.4: (s240110): 3.44_b2.36p90_45rev02.dcf
  • S2.4 Mofa (s240311): 3.44_B2.36p90_27_rev01.dcf
  • S2.4+ (s240411) 3.44_B2.50p90_63_rev01.dcf
  • S3.4 (s340110): z1.75p90_83_rev03.dcf

 

Corrente massima durante guida normale: 20-25A (range ammesso: 3-45 A)

 

Consumo caricabatterie:

  • S1.2: 4A (= 920W)
  • S2.4/3.4: 6A (= 1380W)

 

Cercando le sigle del SW esce fuori anche un PDF denominato EK016-FR con la guida alla programmazione della centralina SEVCON (in francese purtroppo).

 

Motori:

S1.2/2.4: SMH10032065

S2.4+: SMH1004506

S3.4: SME1422815

 

 

Diario elettrico carsharing Roma

Posted in auto elettriche by jumpjack on 23 febbraio 2013

Dicembre 2012: al parco macchine del carsharing elettrico vengono aggiunte alcune Citroen C-Zero full-electric.

Gennaio 2013: mi abbono online al servizio di carsharing; procedimento un po’ complicato perchè implica comunque l’invio di contratto cartaceo controfirmato, ed eventualmente anche di una fototessera (ma almeno quella si può in teoria inviare anche elettronicamente; io comunque la invio su carta).

Il servizio è un po’ scomodo perchè l’assistenza è solo per e-mail, non telefonica, anche se un banner sul sito dice “Per informazioni sul servizio chiama lo 06.57003 – Per prenotare puoi chiamare il Call Center nazionale 848.810.000”.

23 febbraio 2013: mi arriva finalmente a casa la “Metrebus card”; per attivarla devo inviare una mail all’indirizzo “standard” carsharing@agenziamobilita.roma.it , usato anche per avere assistenza. Non ricevo invece una seconda card per le colonnine ENEL, come invece pensavo, quindi devo chiedere info su come prendere le auto elettriche.

Non ricevo nemmeno i dati di login per il sito di prenotazione, https://www.icsprenoto.it/roma/mod/front?action=InitRentals&mode=1&operatorID=1, indagherò.

 

Dimensioni batterie scooter, passaggio da piombo a litio, “drop-in replacement”

Posted in ambiente, auto elettriche, scooter elettrici by jumpjack on 21 febbraio 2013

Per chi volesse cimentarsi nel tentativo di convertire un vecchio Oxygen Lepton da piombo a litio, e per chi volesse sostituire le batterie Li-ion degli Zem/EcoItalMotor con moderne batterie LiFePO4, ecco la misure precise dei pacchi batterie:

Oxygen Lepton anni ’90:

  • 4 batterie al piombo,  198x168x175  (Larghezza x Profondità x Altezza)
  • vano batterie: 198 x 672 x 175

Zem Star 45, Zem Smash 54, EcoItalMotor G-eco50, EcoItalMotor G-eco150:

  • 37,5 x 8 x 26,5 (senza manico e rotelle)
  • 48 x 8 x 26,5 con manico e rotelle (dimensioni vano batteria singola)
  • 48 x 16 x 26,5 (dimensioni totali vano batterie)

Esistono già in commercio batterie al litio (per la precisione LiFePO4) progettate appositamente per sostituire direttamente quelle al piombo: si possono trovare cercando “drop-in batteries” o “LiFePO4 lead replacement”: è molto importante che però siano del tipo che include elettronica interna di controllo: sono più costose, ma sono probabilmente le uniche affidabili, a differenza di quelle definite “adatte per il rimpiazzo diretto grazie alla particolare cura nella scelta dei materiali”. L’elettronica interna viene chiamata in vari modi: BMS (Battery Management System); PCM (Power Control Module) o altro, ed ha lo scopo di evitare che le batterie vengono caricate o scaricate eccessivamente, cosa che le rovinerebbe irrimediabilmente.

Al momento sto compilando una tabella di possibili fornitori/venditori, che pubblicherò appena sarà diventata abbastanza lunga…. Per il momento sono solo in grado di dire che il prezzo medio per la sostituzione di un pacco da 48V/40Ah si aggira intorno ai 1500 euro ed oscilla tra gli 800 e i 3000, rispetto ai 3-400 del piombo; il vantaggio del litio è autonomia maggiore (una batteria al piombo “definita” da 40Ah in realtà ne contiene 20 sfruttabili da un mezzo elettrico) e una maggiore durata (scaricate all’80%, le batterie al piombo durano 2-300 cicli, quelle al litio 1000-2000).

Se qualcuno vuole contribuire alla ricerca, per il momento i produttori che ho trovato sono PingBattery, All-Battery, BatterySpace, Lithium-IonBatteries, Valence, Ev-power.eu, Winston, PowerStream, AeroAkku, Hi-Powercycles, HouseOfBatteries, Etotheipiplusone.net,… La Lipotech sembra produrre solo batterie senza elettronica a bordo, quindi non adatte.

Posted in ambiente, scooter elettrici by jumpjack on 20 febbraio 2013

Forse sono riuscito a compilare la “lista della spesa” per un pacco di supercondensatori per il mio scooter. La spesa complessiva per un sistema in grado di fornire super-correnti di spunto per 3 secondi ad ogni partenza sarebbe di circa 300 euro, quindi diciamo 100 euro al secondo:

DC/DC converter: SynQor NQ60W60HGx40 – buck/boost, ingresso 9-60V, uscita stabilizzata tra 0 e 60 V.

Con questo dovrebbe essere possibile sfruttare per intero la tensione di un supercondensatore, anche quando scende sotto quella della batteria, in modo da sfruttarlo completamente (sennò al massimo si possono sfruttare 4 o 5 volt).

Su ebay ne vendono alcuni simili, e non sembra costino un’enormità:

http://www.ebay.it/itm/NEW-SynQor-PQ60120EML04-NKS-PowerQor-DC-DC-Converter-IN-35-75V-1-9A-OUT-12V-4A-/261162946488?pt=LH_DefaultDomain_0&hash=item3cce864fb8

Sennò in Italia li vende la Special-Ind:

http://www.specialind.it/prodotti/mercato/4/famiglia/83/CONVERTITORI

Nota per calcolare l’autonomia data da un SC:

§         P = Potenza scooter

§         T = tempo in secondi

§         E = energia in Wh

§         C = Capacità in Farad

§         V = tensione

§         E = 0,5 * C * V^2

§         Consumo = P/3600 [Wh/s]

§         Energia = T*P/3600  [Wh]

Es.

§         Zem Star 45:

§         P = 1500W

§         Consumo: 0,42 Wh/s

§         3 secondi = 1,26  Wh

§         Ecojumbo:

§         P=5000W

§         Consumo= 1,4 Wh/s

§         3 secondi = 4,2 Wh

§         E-max:

§         P=4000W

§         Consumo= 1,11 Wh/s

§         3 secondi = 3,33 Wh

Diciamo che per fare una prova servirebbero 2 o 3 Wh.

Per dimensionare I condensatori ho trovato questa pagina: http://www.calctool.org/CALC/eng/electronics/capacitor_energy

Sennò ho trovato questo pacco già bilanciato, che tiene 2 Wh e costa 125 euro: LINK

Aggiungendoci un DC/DC, che dovrebbe costare sui 100-150 euro, staremmo sotto i 300 euro…

Volendo esagerare installando più pacchi:

2 pacchi = 250 euro+150 euro = 400 euro / 4 secondi

3 pacchi = 375 euro + 150 euro = 525 euro / 6 secondi

Cambio d’estinazione d’udo da autocarro ad autovettura

Posted in auto elettriche, scooter elettrici by jumpjack on 18 febbraio 2013

Qualcuno su un forum chiedeva come cambiare l’immatricolazione della FIAT 600 da autocarro ad autovettura…

Ho trovato questo:

http://www.motorizzazionecivilenapoli.it/OLDMOTNA/79-sezione-tecnica/trasformazioni/259-trasformazione-da-autocarro-ad-autovettura

Costo:

C/C 9001 *C/C 4028 *C/C 4028 C/C 121012 **C/C 551002 C/C 2492700
25,00 29,24 12,50

* Per le pratiche “Domanda per esame certificato guida ciclomotori”, “Rilascio Certificato abilitazione Professionale”, “Corso base” e “Corso specializzazione” per i Patentini CFP ADR è necessario pagare due distinti bollettini sul medesimo conto corrente 4028.

** Sul conto corrente 551002 viene versato il bollettino d’urgenza. Esso consente di sveltire l’iter di una pratica. Il pagamento di tale bollettino non è obbligatorio e va sempre verificata, contattando gli operatori del proprio ufficio della Motorizzazione Civile, la disponibilità del servizio d’urgenza.

Normative e procedure per immatricolazione veicoli acquistati all’estero, anche fuori Europa

Posted in auto elettriche, scooter elettrici by jumpjack on 18 febbraio 2013

Per la serie “quando cerchi una cosa non la trovi, quando non la stai cercando eccotela tra i piedi”, ecco tutta la documentazione necessaria, le normative e le procedure per immatricolare un veicolo acquistato all’estero, anche in Cina:

http://www.motorizzazionecivilenapoli.it/index.php?option=com_content&view=article&id=97:d..

http://www.polimar.it/edgard/calldoc.asp?id=254293

C’è da leggere per un’ora o due…. ma almeno ci dovrebbe essere tutto quello che serve!

Comunque, ecco più in basso un estratto, tanto per far contento Google.

Queste invece le tariffe secondo il portaledellautomobilista.it :

Immatricolazione veicoli esteri (nazionalizzazione) da paesi non ue
Autoveicolo 45,00 29,24 41,04 22,50
Autoveicolo con targa quadrata 45,00 29,24 40,67 22,50
Motoveicolo 45,00 29,24 21,87 22,50
Rimorchio 45,00 29,24 18,98 22,50
Ciclomotori 45,00 29,24 13,34 22,50

TARIFFA INTERESSANTE:

Visita e prova (collaudo) ciclomotori per rilascio cert. di circolaz. e targa a seguito smar., sottraz., distruz. del cert. di idoneità tecnica 25,00 29,24 13,34 12,50

Ora ci sarebbe solo da trovare il modulo in triplice copia da compilare…

IMMATRICOLAZIONE E ISCRIZIONE AL PRA DEI VEICOLI PROVENIENTI DA PAESI EXTRA UE

L’immatricolazione dei veicoli nuovi e usati provenienti da Paesi extra UE deve avvenire:

  • nel rispetto delle norme generali valide per l’immatricolazione dei veicoli,
  • delle procedure di immatricolazione previste per tali veicoli,
  • presentando idonea documentazione tecnica,
  • presentando (ove richiesta) idonea documentazione fiscale.

Inoltre, in base al Paese di provenienza o al richiedente sono previsti specifici documenti che possono essere diversi tra loro.

Immatricolazione di veicoli provenienti da Paesi extra UE

Il documento di origine o di circolazione estero (autenticati e legalizzati) può consistere in:

  • certificato di origine della casa costruttrice del veicolo, oppure,
  • dichiarazione di conformità o certificato di conformità della casa costruttrice del veicolo, oppure,
  • documento di circolazione civile definitivo, oppure,
  • fotocopia integrale autenticata del documento e certificazione relativa alla cancellazione dai registri di immatricolazione o al ritiro temporaneo dalla circolazione del veicolo e attestante che il documento è stato ritirato o distrutto dall’autorità competente.

La documentazione tecnica integrativa deve contenere anche la dichiarazione di rispondenza del veicolo alle prescrizioni della vigente normativa UE, con particolare riferimento ad inquinamento, livello sonoro, serbatoio, sterzo, frenatura, ancoraggi sedili, ancoraggi cinture, resistenza all’urto frontale e laterale, ecc..

La documentazione può consistere in:

  • certificato contenente le caratteristiche tecniche (dati tecnici quali il tipo di veicolo, la carrozzeria, il modello motore e le sue principali caratteristiche, i valori per il controllo del silenziatore, il numero di posti, le dimensioni e le masse, il numero di marce, il rapporto di trasmissione, il tipo di pneumatici, il tipo di impianto di frenatura, i numeri delle principali direttive alle quali risponde il veicolo, ed altri), oppure,
  • copia fotostatica del verbale di omologazione con dichiarazione firmata da uno dei soggetti di cui sopra attestante che il veicolo individuato per numero di telaio ha le caratteristiche indicate e non depennate nel verbale stesso, oppure,
  • documentazione indiretta (dichiarazione di conformità estera ovvero carta di circolazione o sua fotocopia con gli estremi di omologazione estera e copia autenticata del certificato di omologazione con i medesimi estremi e le necessarie caratteristiche tecniche).

Qualora la bolletta doganale sia unica per più veicoli, certificato doganale in bollo ove risulta che sono stati corrisposti i diritti di confine e sono indicati fabbrica e tipo di veicolo, numero di telaio, estremi della bolletta doganale, categoria del veicolo e stato d’uso. Qualora il certificato doganale non contenga i dati necessari occorre allegare:

  • bolletta originale e fotocopia del certificato doganale, oppure,
  • copia autenticata della bolletta e certificato doganale.

L’UMC, esaminata la documentazione allegata alla domanda, appone, di norma, un visto sulla pratica per la presentazione del veicolo a visita e prova, che comprende anche i controlli previsti per la revisione.

Il veicolo è sempre soggetto a visita e prova presso lUMC.

Meteoriti a Chelyabinsk (Russia), Cuba e a Los Angeles

Posted in Uncategorized by jumpjack on 17 febbraio 2013

Pare di sì.
Riassumo qui tutte le fonti trovate, anche se quelle di Cuba son estremamente confusionarie:

According to the morning news report on a Cuban TV channel from Rodas, Cienfuegos, a region in the center of the country, a very bright light about the size of a bus was seen in the sky and it then exploded. One of the eyewitnesses, a fisherman, told the news channel that “about 8pm local time on Wednesday, I saw a light that crossed the sky and then turned into a very large flame, bigger than the sun, and after about 3 or 4 minutes we heard an explosion”.

“L’esplosione ha fatto tremare le case del posto”, hanno riferito alcuni testimoni alle tv locali. In un servizio diffuso da Rodas, nella provincia di Cienfuegos alcuni abitanti hanno descritto una luce molto intensa che è arrivata ad avere dimensioni importanti, paragonabili a quelle di un autobus, prima di esplodere in cielo.

Come si faccia a dire che una luce in cielo ha le dimensioni di un autobus non saprei… Probabilmente qualcuno ha detto che ha visto la luce DA UN AUTOBUS, e l’effetto-folla ha fatto il resto… :boh:

A resident in the area, Marcos Rodriguez, told El Comercio (Spanish language), “Around 8 pm (local time) on Wednesday we saw a light in the sky which moved into a flame. Big, bigger than the sun and after three or four minutes, we heard the explosion.

http://www.digitaljournal.com/article/343592#ixzz2LAYgvBqN

Siti notizie cubani:
http://www.havanatimes.org/?p=87801

http://www.larepublica.ec/blog/internacional/2013/02/15/ansa-reporta-explosion-de-meteorito-en-cuba/

http://www.topix.com/cu/cienfuegos?redirid=1360638982

Dati:
Località: Rodas
Provincia: Cienfuegos
Orario: Forse martedì 12 alle 20:00 locali, che sarebero le 01:00 di mercoledì 13 in orario GMT (02:00 italiane). Secondo altre fonti erano le 20:00 locali di mercoledì 13 / 01:00 GMT di Giovedì 14.
Infince c’è chi parla di “Friday, 15 February, 2013 at 18:15 (06:15 PM) UTC.” (cioè 19:15 italiane di Venerdì 15, giorno stesso del meteorite russo).

Tutto molto chiaro…

Cmq l’ultimo dato dovrebbe essere il più verosimile:
http://hisz.rsoe.hu/alertmap/site/?pageid=event_summary&edis_id=CO-20130215-38219-CUB

O forse e’ stato più d’uno, boh?!?

Mah.

Fonti:

http://attualissimo.it/meteoriti-esplode-un-corpo-celeste-atterrato-a-cuba/
http://familysurvivalprotocol.com/2013/02/16/event-into-space-cuba-province-of-cienfuegos-rodas-area/
http://www.mondoinformazione.com/notizie-estero/meteorite-cade-a-cuba/85970/
http://www.guardian.co.uk/science/2013/feb/16/russian-meteorite-sightings-cuba-california

Il solo e unico video del meteorite cubano:

Sfortunatamente…. NON compare il meteorite, ma solo le interviste alla popolazione. Ma almeno sappiamo che non è un meteorite-fantasma! E che è stato abbastanza grosso da far sentire il botto fino a terra (c’e’ chi dice che gli ha tremato il tetto di casa).

FINTO video del meteorite cubano:
http://www.mirror.co.uk/news/weird-news/second-meteor-video-cuba-two-1712957

In realtà è tratto da un video del 2006!!!
http://www.liveleak.com/view?i=f8a4de8a13

Però fu un gran bel bolide, durata davvero notevole!

Questo invece è l’unico filmato del meteorite caduto in California, a Los Angeles,  sempre il 15:

http://www.ibtimes.com/after-russian-meteor-california-fireball-catches-publics-attention-1090120

Gli incentivi per i mezzi elettrici partono il 14 marzo, e non richiedono rottamazione

Posted in ambiente, auto elettriche by jumpjack on 17 febbraio 2013

Lo dice il sito ufficiale del Ministero:

http://www.bec.mise.gov.it/site/bec/home/contributi/avanzamento.html

Che dice anche che per il 2013 sono disponibili 40 milioni di euro, MA per i mezzi full-electric (CO2 < 50 g/km) potranno essere erogati al massimo 4,5 milioni per gli acquirenti privati; dipende però da chi arriva prima, perchè per i full-electric per clienti aziendali il tetto massimo è proprio 40 milioni, cioè se per assurdo le aziende decidessero di comprare mezzi elettrici "a valanga", per i privati non resterebbe NIENTE!

Sarà un assalto tipo "corsa ai saldi"!!!

Non solo:
Questi 4,5 milioni per i veicoli full-electric sono "minacciati" anche dai veicoli ibridi a metano (CO2 tra 50 e 95): se solo per i privati ci sono solo 3 milioni di euro, quindi resterebbero in ogni caso 1,5 milioni, è pur vero che per le aziende il tetto è di 30 milioni, quindi potrebbero prenderseli tutti loro comunque!

La coperta mi sembra decisamente troppo corta, qualcuno resterà coi piedi fuori dal letto…

Ho realizzato un’infografica che spiega meglio la situazione…

Incentivi mezzi elettrici 2013

Incentivi mezzi elettrici 2013

Da notare che adesso è assolutamente certo, sicuro e incontestabile che gli incentivi sono disponibili anche per gli scooter elettrici:

Allegato 1
( articolo 1, comma 1, lettera a) )

Si riportano di seguito le categorie di veicoli agevolabili, come
risultanti dall’articolo 47, comma 1, lettere e), f), g) e n), del
codice della strada, di cui al decreto legislativo 30 aprile 1992, n.
285 e successive modificazioni (ciclomotori, motoveicoli, autoveicoli
e veicoli con caratteristiche atipiche):

FONTE