Jumping Jack Flash weblog

Test su strada Govecs GO! S3.4

Posted in ambiente, scooter elettrici, Uncategorized by jumpjack on 22 settembre 2012

[nota: titolo del post modificato; era “Rivenditore GOVECS ed Etropolis a Roma – Zona Bufalotta”]

Oggi sono stato a visitare il rivenditore  di scooter importati dal consorzio Energeko, quello che a Dragona (RM) sta allestendo un punto vendita di scooter e minicar elettriche, trattato in altro post.

FR Service snc

Via della Bufalotta 877-879-879/a
00139 Roma
tel.06/87132624 fax 06/87232434

Sito facebook: LINK
Questo della Bufalotta mi sta molto più comodo perchè posso anche arrivarci anche col mio povero scooter ormai ridotto al lumicino…
Al momento l’unico scooter disponibile per la prova era un Govecs GO! S3.4 (sito ufficiale), ma c’erano esposti anche il GO! S1.2,  il GO! S1.4 S2.4, (l’S1.4 con batterie estraibili al litio non è ancora disponibile), e vari Etropolis, anche il Miami a batterie estraibili; mi riprometto quindi di tornarci… e provarli tuti!🙂

Partiamo dalla cosa più “interessante”: il prezzo! L’ S3.4, il più veloce e potente, costa 6.900 euro  (temporaneamente in offerta a 6.500 eur0). Una cifra a mio avviso esorbitante, visto che è quasi il prezzo di un’auto nuova… Un prezzo da mercato ancora di nicchia, purtroppo.

Bizzarro che neanche sul sito della casa madre, oltre che nei negozi, specifichino la potenza del motore, ma per fortuna la targhetta del motore era ben visibile sul mezzo che ho provato: risulta che la tensione nominale è di 43 Vrms e la corrente nominale  56.9 Arms; moltiplicandoli viene 2446… ma non sono certo che siano Watt, visto che V e A vengono dati in rms (RootMeanSquare, Valore Quadratico Medio):

<img src=”http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/thumb/8/8a/Sine_voltage.svg/220px-Sine_voltage.svg.png”&gt;
Non so come normalmente venga calcolata la potenza degli scooter,  cioè se moltiplicando Vrms e Arms o V e A;  nel secondo caso, siccome Vrms= 1/sqrt(2) * V, risulterebbe:

  • A= sqrt(2) * Arms
  • V= sqrt(2) * Vrms

Quindi:

  • A= 80
  • V=60

In questo caso, si tratterebbe di un motore da 4800 W.

Sul motore invece è indicata come potenza nominale 3,9 kW.

In ogni caso, quello che conta, si sa, sono le prestazioni. E quelle dell’S3.4 sono davvero eccezionali.

Benche’ la partenza sia molto soft grazie all’accurata programmazione della centralina (che, a proposito, risulta essere una SEVCON  G8035 del costo di 995 dollari, sito ufficiale) , la ripresa è fenomenale, anche in salita, e raggiungere la velocità massima di 80 all’ora (77 indicata sul tachimetro, 90.4 indicata dal GPS del mio SonyEricsson Xperia Mini Pro) è questione di “un attimo”; purtroppo non posso fornire dati più precisi, perchè nonostante abbia fatto due tratti appositamente “da 0 a 80 km/h” col GPS logger acceso in tasca… in entrambi i tratti il logger si è “incantato” (spiaccicato dall’incredibile accelerazione?😉 ), perdendo parecchi campioni,  mettendosi a campionare ogni 8-10 secondi invece che una volta al secondo!

Primo log (GOVECS):

orario km/h
22/09/2012 9.06.21 24
22/09/2012 9.06.22 18
22/09/2012 9.06.24 0
22/09/2012 9.06.25 0
22/09/2012 9.06.27 0
22/09/2012 9.06.28 0
22/09/2012 9.06.44 0
22/09/2012 9.07.07 28
22/09/2012 9.07.36 77
22/09/2012 9.07.37 78
22/09/2012 9.07.38 78
22/09/2012 9.07.39 78

0-80 km/h in 53 secondi? Non mi pare verosimile, “a mente” ho contato meno di 10 secondi da 0 a 50 km/h!

Se davvero ci ho messo 53 secondi ad arrivare a 80 all’ora, devo averci messo 3 o 4 minuti per arrivare a 50 con l’Ingo!

Secondo log (GOVECS) (qui e’ proprio impazzito del tutto!!):

22/09/2012 9.18.07 0
22/09/2012 9.18.19 2
22/09/2012 9.18.23 0
22/09/2012 9.19.06 0
22/09/2012 9.19.24 23
22/09/2012 9.19.39 64
22/09/2012 9.19.40 64
22/09/2012 9.19.41 68
22/09/2012 9.19.42 68

Ecco invece il log dell’accelerazione massima dello Zem, fatta il giorno stesso:

9.31.40 0
9.31.43 2
9.31.47 30
9.31.51 41
9.31.52 41
9.31.53 43
9.31.54 45
9.31.55 45
9.31.56 47
9.31.57 47
9.31.58 49
9.31.59 48
9.32.00 51
9.32.01 50
9.32.02 51
9.32.03 51
9.32.04 52
9.32.05 53
9.32.06 55
9.32.07 58

Comunque, i numeri sono numeri, ma siccome un grafico vale più di un elenco di numeri, ecco cosa viene fuori confrontando le varie tabelle:

E’ bizzarro, la mia percezione era proprio l’opposta: molto più scatto nel govecs che nello zem. L’ho provato anche su una ripidissima rampa di un box, e se l’e’ cavata bene; certo andava pianino… ma la rampa era lunga 10 metri, non ho potuto verificare a quanto andasse. Comunque nel corso della prova o fatto parecchie salite con pendenze “tipiche” di Roma, più o meno ripide, e non ho mai notato affaticamenti o riduzioni dell’accelerazione. Una sensazione davvero piacevole, per chi viene da un cinese da 1500 W!🙂

Passiamo alle altre caratteristiche dello scooter.

Ho fatto una foto alla targhetta delle specifiche del motore e a quella delle ruote:

Peccato che mi sono accorto solo ora che dietro c’e’ l’etichetta della batteria! Niente foto migliori di questa, purtroppo!😦

Da queste interessanti etichette possiamo dedurre tutto questo:

Motore apparentemente della Parker Automation Italy (il logo coincide), ma in realtà della EMAC Automation; a pagina 15 di questo manuale si può vedere la lagenda dell’etichetta del motore:

  1. Codice d’ordine
  2. Voltaggio nominale
  3. Coppia nominale
  4. Potenza nominale
  5. Numero di serie
  6. Motor holding brake characteristics (optional): Voltage/current  (boh?)
  7. Velocità nominale in forma di velocità angolare
  8. Corrente nominale
  9. Momento di inerzia
  10. Classe di protezione
  11. Classe di isolamento

Questo per quanto riguarda i dati tecnici.

Passiamo alle impressioni, in ordine sparso:

  1. Gli specchietti sono microscopici, tipo 5×5 centimetri, praticamente inutili.
  2. Le frecce sono completamente silenziose, neanche un vago accenno di BIP o TIC. Impossibile ricordarsi di spegnerle…
  3. Partenza molto graduale e confortevole
  4. Presa accendisigari sotto al manubrio
  5. Nessun portaoggetti, ma un gancio appendiborse
  6. Led per le frecce posteriori
  7. Vano sottosella molto piccolo, forse non c’entra nemmeno un casco jet; credo che lo scooter abbia 3 kWh di batterie al litio, eppure ha il sottosella pieno, il ponte tra i piedi, il “portaoggetti ” che  in realtà è imbullonato… Forse prima tutti questi posti contenevano le ingombranti batterie al piombo, ma adesso?!?
  8. Freni molto potenti, entrambi a disco, nessuna vibrazione rilevata.
  9. Nessun rumoraccio di plastica nel passaggio sulle schifose strade romane bucherellate… che pero’ comunque si sentono abbastanza sul manubrio, mentre il sedile è molto morbido.
  10. Due modalità di guida, normale ed “economy”.
  11. Display digitale.
  12. Strano sistema di accensione: un pulsante sulla destra va prima spostato da posizione 0  posizoine 1 e poi rimsso in posizione 0, per poter partire. Mah.
  13. Molto maneggevole, almeno rispetto all’Emax 110S con identico telaio ma batterie al piombo.
  14. Ottimamente bilanciato sul cavalletto centrale, si tira già meglio del mio Zem da 85 kg!
  15. Le batterie vengono garantite 5 anni o 50’000 km… ma non c’e’ stato verso di sapere dalla commessa COSA è garantito: la percorrenza? quanta? il funzionamento? Non si sa, purtroppo sugli scooter elettrici la garanzia è ancora intesa… come per qualunque altro oggetto, che “o funziona o non funziona”, mentre le batterie hanno… 100 livelli di “funzionamento”, da 0 al 100%, e bisogna assolutamente capire COSA è garantito che una batteria debba poter fare dopo 50’000 km!

A suo tempo lo chiesi anche al venditore di Emax di via Belloni, ma anche lui non seppe dirmi niente.

Un vero mistero.

Concludo con qualche altra foto raccolta durante la prova:

Ecco un interessante confronto tra i frontali di Emax, Govecs e Italvel Day, in quest’ordine:

AGGIORNAMENTO

Ho trovato un modo alternativo per valutare l’accelerazione del Govecs invece del GPS del mio cell, che mi pare poco affidabile: i video su youtube!

Ho trovato video di vari scooter, quindi e’ possibile fare altri grafici, ma restando in argomento Govecs/Zem, ecco un comparativo:

I vaneggiamenti del mio GPS sono evidenti, così come sono evidenti le prestazioni molto migliori (e vorrei vedere!) del Govecs rispetto al “mio riferimento personale”, ovviamente lo Star 45.

Qui li vediamo meglio in un grafico dedicato:

Il video da cui ho estrapolato i dati:

http://www.youtube.com/watch?v=SoSd-16Bcdw

9 Risposte

Subscribe to comments with RSS.

  1. GianniTurbo said, on 22 settembre 2012 at 15:40

    Pressoché uguale al mio italvel, esteticamente, freno a disco dietro a parte e faro apparentemente decente… L italvel ha due finti poliellisoidali quelli con la lente davanti, ma ci sono due lampadine fa 15watt p26s … Ho trovato su ebay la versione alogena da 20 w. Proverò con quelle. Gli specchietti si cambiano senza problema, costano 10 15 euro l uno commerciali.

  2. jumpjack said, on 22 settembre 2012 at 18:48

    ma nello spazio sotto il manubrio, dove di norma ci sarebbe il portaoggetti, nel Day cosa c’e’? Nel Govecs è imbullonato e inaccessibile.

    • GianniTurbo said, on 22 settembre 2012 at 20:12

      È imbullonato perché è l accesso al vano batterie tre in basso in mezzo alle gambe, una sopra quella più avanti, sopra ci sarebbe ancora un pizzico di spazio, io ci metterei il caricabatterie… Dovrebbe essere più al sicuro dall umidità….

      • jumpjack said, on 22 settembre 2012 at 20:31

        Quelle al piombo ok, ma quelle al litio? Dovrebbero essere molto più piccole, e i govecs sono al litio (forse addirittura li-po).

        • GianniTurbo said, on 22 settembre 2012 at 21:32

          Boh forse era la cosa più semplice… Non cambiare le plastiche. Magari è vuoto…

  3. Malaguti Ciak EP - Pagina 4 said, on 22 ottobre 2012 at 12:45

    […] più potente, che quindi richiederebbe una puleggia più piccola che sforzerebbe meno la cinghia. Riporto dal mio blog: Motore apparentemente della Parker Automation Italy (il logo coincide), ma in realtà della […]

  4. […] Test su strada Govecs GO! S3.4 […]


Puoi inserire un commento qui sotto; diventerà visibile dopo la moderazione dell'amministratore

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: