Jumping Jack Flash weblog

Diario elettrico 57 – Lo Star 45 v. 2.0

Posted in scooter elettrici by jumpjack on 29 giugno 2012

Diario di bordo

dello

scooter elettrico al litio

Zem Star 45

1500W/60Kmh/80Km


CAPITOLO 57


Clicca qui per l’INDICE DEL DIARIO

Negil utimi mesi, tra riparazioni e miglioramenti, il mio scooter si è talmente trasformato che ormai è diventato uno  Star 45 v. 2.0!🙂

Ecco una panoramica completa:

L’intervento più pesante è stato quello sul telaio; dopo la rottura e riparazione, non fidanomi più della sua robustezza ha deciso di rinforzarlo, seppur in modo non invasivo (cioè senza saldature o buchi).

Ecco quindi una bella barra a L di alluminio agganciata tramite giunti “abbraccianti” di “mia” invenzione:

image

image

image

image

In questo modo lo scooter, oltre che brutto, è pure pericoloso perchè in caso di caduta rischio di lasciare un piede in mezzo al palo, quindi ecco l’azione correttiva:

image

Copertura in vetroresina spalmata e ritagliata a mano, su base pre-sagomata in cartone (kit vetroresina+pennello+barattolo+diluente+indurente = 18 euro)

Un vero cesso di risultato🙂 , quindi ecco un’ulteriore azione correttiva, a base di taglio e verniciatura:

Adesso la pedana è un po’… come dire?, pelosa, m almeno non è pericolosa… 🙂

Ulteriore intervento importante è stato l’installazione dei due diodi di separazione che consentono l‘utilizzo in parallelo delle batterie:

image

Montati sotto la scocca, sono completamente invisibli, a meno della vite di supporto.

image

Ma in compenso raddoppiano gli Ah disponibili ed hanno eliminato così il problema della spia della riserva che suona dopo 1 km. Appena montati, suonava dopo 45 km. Adesso suona dopo 30. Le mie povere batterie stanno morendo… Per fortuna GianniTurbo mi ha prestato il suo ImaxB6, una specie di “resuscita-batterie” da lui utilizzato con grande successo. Spero di avere la sua stessa fortuna; intanto ho predisposto una delle due batterie per il collegamento all’Imax… e a qualunque altra diavoleria mi venga in mente:

Prima versione (con fili troppo sottili…):

Seconda versione:

Ho cioè collegato 16 fili a due morsetti esterni, in modo da poter monitorare/bilanciare ogni singola cella.

Notare la consueta collocazione strategica della mia batteria durante la ricarica: in bagno, tra mattonelle in ceramica e il metallo della lavatrice, quindi in ambiente totalmente in-infiammabile! Questo perchè sono molto fidiucioso che queste batterie cinesi non prenderanno mai fuoco…🙂

Un’ulteriore modifica alle batterie resasi necessaria è stato il rinforzo della maniglia in plastica:

In pratica ho eliminato del tutto il meccanismo telescopico (rotto) del manico, avviando insieme le tre sezioni, e messo una grossa vite a fissare la maniglia. In una revisione successiva nonvisibile in foto ho messo la vite per l’altro verso, parallela alla maniglia, così nell’impugnare la maniglia si prende anche la vite, che quindi sorregge la pesante batteria (10 kg) senza affaticare la plastichetta cinese della maniglia.

Ho poi dovuto sostituire uno dei due magnetotermici delle batterie, rottosi per motivi ignoti (sovraccariao? Uno dei due contatti era addirittura bruciacchiato! E l’interruttore “staccava” ormai in continuazione. Non riesco a capire la causa del sovraccarico, nè come cercarla. Ho questo problema da quando mi hanno messo il motore nuovo).

image

image

Prima si reggeva solo con lo scotch, poi l’ho messo nuovo:

Un ulteriore modifica ha riguardato il bauletto in plastica cinese: dopo la quarta volta che si è rotta la serratura, stavolta in modo irreparabile, l’ho buttato e rimpiazzato con un bauletto “vero”:

Sfortunatamente è troppo grande e pesante per il mio cinesino, quindi per evitare che dopo 10 buche me lo perda per strada ho deciso di aggiungere un rinforzo (tanto ormai, rinforzo più rinforzo meno…🙂 ) :

Infine, una modifica/miglioramento, che trasforma un danno in un vantaggio: ho scoperto, grazie al danno del meccanico che mi stacco’ il filo viola del limitatore, che non si tratta solo di un limitatore di velocità, ma di un “rimappatore” della centralina: quindi, quando il limitatore a 45 km/h è attivo lo scooter ha una potenza bestiale (credo che arrivi a 2000 W di picco a fronte dei 1500 nominali).

So che sembra una potenza ridicola, ma quando senti che, su una salita pesante, da 20 all’ora passi in un attimo a 40 all’ora, ti accorgi che è davvero una potenza bestiale (perchè continueranno a fare scooter da 4 e 6 kW con batterie al litio, non lo capisco…).

Quindi, ho installato sul manubrio un pulsante-turbo:

Quando sta in basso è su “marcia normale”, e lo scooter arriva fino a 70 all’ora di tachimetro (sconsigliabile considerando il freno a tamburo dietro e il freno tremolante a disco davanti…), ma in salite di più del 15% va al massimo a 20 all’ora.

Quando sta in alto è su “turbo”, da innestare solo quando, in salita, la velocità scende sotto i 25 all’ora, al che si riacquista rapidamente una velocità di 40 all’ora. Ma è molto utile anche per un disimpegno rapido in caso di emergenza nel traffico, o per affrontare una salita in due.

La cosa interessante è che tutte queste modifiche sarebbero tranquillamente apportabili, anche in modo più professionale, dall’importatore/venditore, il che renderebbe lo Zem Star 45 il miglior scooter elettrico sul mercato: attualmente detiene ancora il primato imbattuto di scooter elettrico che contemporaneamenee offre:

  • Batterie al lito (= lunga vita)
  • Batterie estraibili (incredibile a dirsi, ma non tutti gli scooter al litio hanno batterie estraibili)
  • Velocità di oltre 60 km/h (il 90% degli scooter elettrici va al massimo a 45 all’ora, chissà perchè).
  • In vendita a Roma (l’80% degli scooter elettrici sono in vendita solo da Firenze in su, chissà perchè).
  • Autonomia di 86 km reali a 45 all’ora (da nuovo).
  • Noleggiabile per poche ore o giorni interi prima di acquistarlo.

Certo, di difetti ne ha tanti, ma tutti migliorabili.

Staremo a vedere se lo Zem Star 45 2.0 diventerà “commerciale” o resterà un prototipo!😉

Tagged with:

11 Risposte

Subscribe to comments with RSS.

  1. gianniturbo said, on 27 luglio 2012 at 17:48

    Più che resuscita batteria, è un equalizzatore di pacchi batterie da modellismo… Purtroppo ne fa solo 6 x volta…

  2. Flaviano said, on 27 luglio 2012 at 19:05

    Che mito!.. E’ uno schifo a vedersi ma sei proprio un genialaccio!!
    Intanto il mio ripropone ormai da due settimane il problema del rumore che si era presentato la prima volta dopo pochi giorni aver preso lo scooter,ormai è fisso all’accelerazione e alla ripresa..
    Ho contattato il rappresentante che mi ha fatto incontrare col tipo che lì distribuisce.. mi hanno detto che è un problema all’hod del motore elettrico(?),mi hanno ordinato il pezzo dall’Olanda..ma sono 10 giorni che lo sto aspettando.. altro problemino.. non funzionano più le frecce..
    Il tasto non si aggancia più a destra e a sinistra e le frecce non si attivano neanche se si tiene premuto il pulsante per non farlo rientrare.. Insomma un disastro..😦 L’unica cosa che mi da soddisfazione è la batteria che ha una autonomia notevole.. Vabbè che palle!

    • jumpjack said, on 27 luglio 2012 at 19:18

      Come ti permetti!😀 LOL
      La qualità delle riparazioni è perfettamente in linea con la qualità cinese dell’orginale!😉

      Il tuo probabilmente ha problemi all’HUB del motore elettrico… che non vuol dire niente, è come quando dicono “il cellulare ha un guasto alla scheda madre”: è l’unico componente del cellulare! Così come l’hub è l’unico componente del motore!
      Peccato pero’, pensavo che un prodotto olandese fosse di qualità migliore…
      Ma sei riuscito a spippolare la centralina poi?

      Comunque meglio se continui a commentare tutto nel post dedicato (chissà se riesco a spostare i commenti?)
      https://jumpjack.wordpress.com/2012/05/18/nuovo-scooter-elettrico-al-litio-a-roma-a-meno-di-4000-euro/

      • Flaviano said, on 27 luglio 2012 at 19:28

        Se vuoi ti faccio un copia incolla del commento e lo metto lì..
        Per quanto riguarda la centralina.. no.. non so dove mettere mano.. ma nello smontare e rimontare le plastiche ho fatto altre foto “all’interiora” dello scooter,se vuoi domani te le mando..

  3. Gianni(Turbo) said, on 27 luglio 2012 at 20:46

    le foto condividile, magari scoprima qualcosa assieme…

  4. jumpjack said, on 28 luglio 2012 at 19:17

    Adesso non ho tempo di metterle online, comunque l’unica che dà info utili è quella all’etichetta della centralina, che dice:
    ZJLB Brainpower Motor Controller
    60V/3000W
    China HangZhou ZJLB Vehicle

  5. Flaviano said, on 30 luglio 2012 at 14:15

    Questo l’avete visto?
    http://www.scooterelettrico.me/enjoy-me.php?id=030005000000000000

  6. […] 57 – Lo Star 45 2.0 […]

  7. […] Diario elettrico 57 – Lo Star 45 v. 2.0 […]


Puoi inserire un commento qui sotto; diventerà visibile dopo la moderazione dell'amministratore

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: