Jumping Jack Flash weblog

“Vi prego, continuate a pagare la benzina!”

Posted in ambiente, auto elettriche, scooter elettrici by jumpjack on 1 giugno 2012

Così si rivolge oggi ufficialmente la FIAT agli automobilisti italiani: “Per favore, non comprate le auto elettriche, piuttosto la benzina ve la paghiamo noi!

Per quanto inverosimile, non è uno scherzo, ma la triste realtà, riferita da una fonte autorevole come Il Sole 24 ore (ma ecco anche il volantino ufficiale e la pagina ufficiale sul sito FIAT).

Naturalmente la richiesta non è così esplicita e supplicante ma, da bravi venditori di automobili, è “rigirata” in modo da sembrare un vantaggio cui il cliente non può rinunciare: “Se compri l’auto oggi, ti paghiamo noi gli aumenti di carburante fino al 2015!”

Tristissimo, sospetto e inquietante.

Il sospetto che la FIAT abbia legami segreti (e illegali?) con l’industria petrolifera, già alimentato dal rifiuto categorico di FIAT di commercializzare i mezzi elettrici di cui già dispone, si va via via concretizzando.

Conctinuando a leggere la suddetta notizia, si riesce anche a intuire quale sia il “partner commerciale segreto” della FIAT: la IP, l’unico distributore di benzina presso cui la promozione risulta valida!

Mentre leggendo il regolamento completo si ha un’idea più precisa della portata del sabotaggio: FIAT ha investito 15 milioni di euro per ostacolare la diffusione delle auto elettriche!!!

Per chi non segue abitualmente questo blog, ricordiamo che:

– un’auto a benzina consuma all’incirca 1 euro di benzina ogni 10 km, spesso di più

– un’auto elettrica consuma al massimo 0,250 kWh di corrente al km, che al prezzo attuale di 0,15 euro/kWh significa 0,0375 Euro/km (meno di 4 centesimi)

– è vero che le auto elettriche costano tantissimo (e anche qui c’e’ da chiedersi come mai…), cioè dai 28’000 ai 50’000 euro, ma è anche vero che esistono minicar elettriche da 12-16000 euro e scooter elettrici da 2000-6000 euro (LINK), e uno scooter consuma 0,050 kWh/km, ossia 0,0075 Euro/km (meno di 1 centesimo) per un’autonomia di 60-80 km, a fronte di una percorrenza giornaliera tipica dell’automobilista medio di 60 km.

– le automobili elettriche sono già in vendita, ma deliberatamente non vengono pubblicizzate in TV o sui giornali. Attualmente in Italia sono disponibili:

– Renault Twizy – 7-10’000 euro

– Peugeot iOn – 28’000 euro

– Citroen c-zero – 36’000 euro

– Nissan Leaf – 42’000 euro

– Opel Ampera – 49’000 euro

– Toyota Prius (ibrida elettrico+benzina)

– Toyota Yaris (ibrida elettrico+benzina)

– numerose altre ibride (alcune false)

Ecco invece alcune minicar e scooter disponibili: https://jumpjack.wordpress.com/2012/05/31/dieci-nuovi-scooter-elettrici-in-vendita-a-roma/

Il mio diario sulle auto elettriche

Il mio diario sugli scooter elettrici

patto segreto FIAT IP anti auto elettriche

5 Risposte

Subscribe to comments with RSS.

  1. Flaviano said, on 1 giugno 2012 at 17:44

    Già..

  2. Auto elettrica? - Pagina 7 said, on 8 giugno 2012 at 18:26

    […] […]

  3. gianni(turbo) said, on 12 giugno 2012 at 16:10

    è pure una truffa
    http://www.consumatori.it/index.php?option=com_content&task=view&id=4066&Itemid=163

    Dubbi sullo spot Fiat PDF Stampa E-mail

    Sarebbe bello poter pagare la benzina 1 euro al litro per tre anni, ma la realtà non è così dolce. Da giorni Fiat manda su tv e giornali la pubblicità che promette di bloccare il prezzo della benzina fino al 2015 per chi acquista una nuova autovettura.

    La campagna pubblicitaria dell’azienda dà una notizia (“oggi Fiat blocca il prezzo del carburante a 1 euro a litro per tre anni”), ma in caratteri microscopici poi si legge non solo che l’offerta è valida solo per alcune stazioni di servizio (distributori di carburante IP) ma, soprattutto, una grave limitazione (“in base alle soglie massime di litri previste per ogni modello”). Ciò significa che non è affatto vero che “Fiat blocca il prezzo del carburante per tre anni”, ma che per ogni vettura è previsto un limite massimo di litri acquistabili a prezzo scontato. Non tre anni ad un prezzo da sogno, dunque, ma solo una manciata di litri presso i distributori convenzionati.

    L’Unione Nazionale Consumatori ha depositato una denuncia per pubblicità ingannevole presso l’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato chiedendo di interrompere gli spot. Speriamo che non sia troppo tardi!

    Autore: Unione Nazionale Consumatori
    Data: 12 giugno 2012

  4. jumpjack said, on 12 giugno 2012 at 19:56

    Io invece all’Autorità ho scritto per denunciare il cartello a danno della mobilità elettrica.🙂

  5. […] “Vi prego, continuate a pagare la benzina!” […]


Puoi inserire un commento qui sotto; diventerà visibile dopo la moderazione dell'amministratore

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: