Jumping Jack Flash weblog

Arrivano gli incentivi per le auto elettriche (forse), a partire dal 1 gennaio 2013

Posted in ambiente, auto elettriche by jumpjack on 25 maggio 2012

5000 euro per le auto che emettono meno di 50 g di CO2 per km (full electric?)

1200 per quelle con meno di 95 (ibride?)

http://motori.corriere.it/motori/attualita/12_maggio_24/incentivi-elettriche-5000-euro_9b5c462c-a5a3-11e1-8ebb-5d15128b15be.shtml

Nel 2014 si ridurranno a 4000 e 1000, nel 2015 a 3000 e 800.

Pero’, stanti questi limiti, ci rientrerebbero anche le vetture a metano e gpl, quindi mi sa che gli incentivi finiranno presto.

E comunque 5’000 euro sui 50’000 della Opel Ampera ad autonomia estesa non è che facciano molto la differenza…

Magari va un po’ meglio per la Peugeot i0n, che dai 36’000 euro iniziali è passata, mi pare, a 28’000, ora che hanno ridotto le dimensioni della batteria (ma non sono sicuro se è la Peugeot i0n o la gemella Citroen c-zero), che verrebbe quindi a costare 25’000 euro. Siamo comunque a più del doppio di un’utilitaria normale.

L’unica soluzione per farle diffondere sarebbe venderle sottocosto per un po’: non è così che fece Ford col modello T?!?

 

Price

The standard 4-seat open tourer of 1909 cost $850[33] (equivalent to $21,987 today), when competing cars often cost $2,000–$3,000 (equivalent to $51,733–$77,600 today);[citation needed] in 1913, the price dropped to $550 (equivalent to $12,933 today), and $440 in 1915 (equivalent to $10,108 today). Sales were 69,762 in 1911; 170,211 in 1912; 202,667 in 1913; 308,162 in 1914; and 501,462 in 1915.[28] In 1914, an assembly line worker could buy a Model T with four months’ pay.[28]

By the 1920s, the price had fallen to $260[34]because of increasing efficiencies of assembly line technique and volume.

http://en.wikipedia.org/wiki/Ford_Model_T#Price

I primi esemplari della Ford-T costavano, nel 1909, 850 dollari di allora (21’987 di oggi); 4 anni dopo, nel 1913, costavano 550 dollari (12’933), e due anni più tardi, nel 1915, costavano 440 dollari (10’108).

Ne furono vendute in queste quantità:

1911: 69’762

1912: 170’211

1913: 202’677

1914: 308’162

1915: 501’462

 
Chissà se succederò lo stesso con le elettriche…

6 Risposte

Subscribe to comments with RSS.

  1. Flaviano said, on 26 maggio 2012 at 17:13

    Hai ragione J. ma ricordati che Ford adottò quello che allora venne chiamato appunto “metodo fordista”,cioè la produzione in serie al posto della costruzione manuale pezzo per pezzo abbattendo i costi di produzione e quindi di vendita. Attualmente quel metodo è già in uso da 100 anni,l’unico modo è inventarsi un metodo più efficiente o abbassare il costo di produzione. Su questo molto si può fare sul miglioramento del costo delle batteria e delle loro perfomance..

  2. Anonimo said, on 27 maggio 2012 at 20:53

    La catena di montaggio non c’entra niete, fu il sottocosto iniziale a dar modo alla gente di scoprire i “carri senza cavalli” e capire che erano enormemente meglio dei “carri coi cavalli”, così tutti vollero comprarne uno, si potè iniziare la produzione di massa e i prezzi finalmente crollarono.
    Oggi non potrebbe mai succedere, l’aumento della domnanda farebbe aumentare (ulteriormente!) i prezzi per i noti motivi di avidità imprenditoriale, e la situazione peggiorerebbe addirittura.
    L’unica soluzione è che qualcuno inizi a vincere auto elettriche a qualche concorso e a parlarne con gli amici, o aspettare che esistano le auto elettriche usate, vendute a un terzo del prezzo con batterie esauste: succederà magari tra 15 anni… quando però le batterie forse costeranno meno…

    • Stefano said, on 28 maggio 2012 at 1:17

      Beh, è un po’ quello che è successo a me per lo scooter: non avrei potuto permettermi di spendere migliaia di €, anche perché nonostante costi carburante e crisi del cavolo, devo continuare a mantenere anche 2 auto per le esigenze di lavoro della ditta. Ma a poche centinana di €, con pochi km e batterie da sostituire, il vecchio Lepton l’ho preso volentieri e ne son contento.

  3. bruno calabria said, on 30 novembre 2012 at 11:41

    Ciao!!
    sono um tuo nuovo lettore!!volevo farti i complimenti .pwr il blog!!é davvero molto completo..e grazie alla informaIono che dai ho potuto scegliere il mio primo scooter elettrico..eskuter delta!!volevo appunto chiederti a consigli a riguardo:
    Come si puo fare per l omologazione e l immatricolazione?quanto mi costa?
    cosa ne pensi dell eskuter delta??
    Un salutone
    Bruno

    • jumpjack said, on 30 novembre 2012 at 13:18

      ciao, benvenuto nel mondo elettrico! Purtroppo non so niente degli eskuter, mi occupo solo di quelli in vendita in italia,proprio perche’ non so come funziona la faccenda di omologazione e immatricolazione di veicoli importati.

  4. […] Arrivano gli incentivi per le auto elettriche (forse), a partire dal 1 gennaio 2013 […]


Puoi inserire un commento qui sotto; diventerà visibile dopo la moderazione dell'amministratore

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: