Jumping Jack Flash weblog

Diario elettrico 33 – Ancora sulle “batterie al forno”

Posted in ambiente, scooter elettrici by jumpjack on 13 marzo 2012

Diario di bordo

dello

scooter elettrico al litio

Zem Star 45

1500W/60Kmh/80Km


CAPITOLO 33


Clicca qui per l’INDICE DEL DIARIO

Come già accennato in un precedente post, dopo il ritorno dalla riparazione dello scooter ho ricominciato la sperimentazione, usando il “metodo del calore“; oggi ho fatto una prova un po’ più precisa:

Questa notte ho fatto accendere la stufa elettrica in bagno (dove ricarico le batterie per evitare che in caso di problemi mi vada a fuoco casa o muoia intossicato…) mediante timer, dalle 03:00 alle 07:00, per avere cioè 4 ore di riscaldameto. Stamattina alle 07:00 il termometro diceva 32°C (ha, che bel calduccio, di prima mattina!). Ho optato per le 4 ore per non dover “irradiare” direttamente le batterie con la stufetta mentre dormivo, non fidandomi della possibile reazione, ma preferendo piuttosto che, col lungo tempo a disposizione, le celle si portassero a poco a poco a temperatura ambiente.

Caricate poi le batterie nello scooter, ho fatto il percorso di sempre, e ho notato un certo miglioramento: c’è una salitella da fare, 3 km dopo la partenza, e ultimamente la facevo a 20, massimo 30 all’ora, sempre col cicalino della riserva acceso, tanto che ieri alla fine ho deciso di farla con due batterie attive (con ottimi risultati). Oggi il cicalino suonava comunque, ma andavo a 40 all’ora, la velocità “standar” per le salite con questo scooter, quando l’ho comprato!

Ho poi portato una batteria in ufficio e l’ho sistemata sul termosifone, dove è rimasta tutto il giorno, il pometiggio anche posizionata in modo che l’aria calda entrasse direttamente dal buco che mi si è creato sotto  quando ho rotto il manico telescopico… Alle 16:30 era molto calda, credo a più di 30° (d’altra parte prendeva aria calda diretta), e anche il ritorno è stato più facile delle altre volte: non solo il cicalino non suonava già appena sono partito, ma sono riuscito a fare a 40 all’ora anche l’ultimo tratto di strada, leggermente in salita, che ultimamente potevo percorrere solo a 20 all’ora, anche col motore nuovo!

Certo, siamo lontani dalle prestazioni iniziali, quando con una singola batteria facevo andata+ritorno+andata a lavoro, ma sono comunque risulati interessanti.

Comunque, intanto si èpresentata un’altra “cinesata”: da quando mi hanno ridato lo scooter, succede che se attacco la batteria di sinistra, accendo i fari anabbaglianti, metto la freccia e contemporaneamente freno… si spegne tutto! Non il motore… proprio tutto, come se avessi staccato la batteria! Pero’ l’interruttore è ancora attaccato, solo che se lo stacco e riattacco, tutto torna a posto.

Mah.

Ultima osservazione: i fili che arrivano ai due interruttori delle batterie mi sembrano da 2 o 3 mm^2; però, studiando la costruzione dell’impianto di ricarica fotovoltaico, ho trovato una formula per il dimensionamento dei cavi, che dice “1 mm^2 ogni 4 ampere”; le mie batterie sono da 60 V e alimentano un motore da 1500 W, quindi forniscono fino a 25 A, quindi servirebbero poco più di 4 mm2 come minimo: non sarà che mi perdo un po’ di potenza per strada?!? O forse gli interruttori sono solo collegati alla centralina, e poi è lei che effettivamente gestisce le batterie? (dubito).

Mi sa che vale la pena indagare… anche se per farlo dovrò  smontare (di nuovo! dopo averlo già dovuto aprire per rimediare ai danni del meccanio!) mezzo scooter! Però approfitterò questa volta per andare oltre, arrivare alla centralina e studiarmela ben bene, tanto ormai la garanzia è bella che andata!

7 Risposte

Subscribe to comments with RSS.

  1. gianni said, on 20 marzo 2012 at 16:39

    stiamo parlando di quasi 100 A di picco, a naso, quindi un 6mm ci sta tutto
    4 è il minimo per 16A a casa dove a 220V 16A = 3520W

  2. jumpjack said, on 20 marzo 2012 at 17:49

    Perchè 100 A di picco con batterie da 67 V applicate a un motore da 1500W ?!? 1500/67 fa 23!

    • gianni(turbo) said, on 21 marzo 2012 at 9:46

      Si hai ragione 100 è troppo, ragiono con le bici elettriche a 36V, comunque credo che 1550 sia la potenza nominale, di picco (salita dovrebbe essere spero quasi il doppio)
      anche le bici da 250W di picco sorpassano il 250w, la mia fa 450w di picco.
      Urge Wattmetro…

  3. […] 33 – Ancora sulle batterie al forno […]

  4. […] 33 – Ancora sulle batterie al forno […]

  5. […] Diario elettrico 33 – Ancora sulle “batterie al forno” […]


Puoi inserire un commento qui sotto; diventerà visibile dopo la moderazione dell'amministratore

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: