Jumping Jack Flash weblog

“Scoperti” due nuovi scooter elettrici

Posted in scooter elettrici by jumpjack on 8 marzo 2012

Esistono a qanto pare da almeno un anno, ma io non li conoscevo. O meglio, conoscevo la marca per averla vista a EICMA 2010, avevo anche provato lo scooter da 1000W… ma non mi ero accorto che fosse idenntico al mio Zem Star 45!

Però il WDM Sprint ha motore da 1000W e batterie al piombo, lo Zem ha motore da 1500 W e batterie al litio.

Interessante invece il WDM Pangea, con TRE batterie al litio estraibili!

Interessante anche perchè ha batterie da 48V, eventualmente quindi forse  facilmente adattabili a vecchi scooter al piombo! (Tipo l’emax 110s e l’ecojumbo).

http://www.wheelerdealersrl.com/1/pangea_3_2328532.html

10 Risposte

Subscribe to comments with RSS.

  1. Simone said, on 9 marzo 2012 at 16:13

    😀😀 se proprio bisogna aggiornare un E-max 110 forse conviene prendere delle litio serie , diciamo dalle Thundersky in su , altrimenti meglio tenere le piombo che comunque i loro 3-4 anni di vita li fanno senza problemi

    • jumpjack said, on 9 marzo 2012 at 17:49

      Come sai se quelle di questo scooter sono serie o no?

      • Simone said, on 9 marzo 2012 at 18:00

        motore da 2000w , tensione 48v , quelle batterie sono sottoposte a scariche continuative da oltre 4C ( per la precisione 4,16) , litio in grado di reggere queste scariche costano molto di piu’ .. quindi o stanno regalando sottoprezzo le batterie o quelle batterie non sono da 4C e sono destinate a morte molto prematura . Considera che ad esempio un pacco Thundersky da 48V x 40Ah viene quasi 700 euro , e le thundersky tra le batterie al litio sono fascia economica e reggono circa 2C .

        • jumpjack said, on 9 marzo 2012 at 18:08

          Ancora non ho capito come si calcola il “xC”…
          2000w/48v fa 41,6 ampere…. quindi? Perchè 1/10 di questo vuol dire “4C”?

      • Simone said, on 9 marzo 2012 at 18:50

        Gulp ..😀😀 spiegare il parametro C delle batterie e’ un po’ lunghetto , soprattutto nel caso delle piombo dove c’e’ anche da considerare il coefficiente di Peukert. (prossima puntata)

        Comunque facendola semplice il paramentro C e’ il paramento che permette di indicare correnti di carica o scarica in maniera indipendente dalla capacita’ della batteria , e’ uno dei piu’ importanti paramentri per determinare la qualita’ di una batteria ed e’ fondamentale per il dimensionamento e la longevita’ di un veicolo elettrico.

        Con una corrente di 1C si intende una corrente con Ampere pari agli a Ampere*ora di capacita’ nominale.

        Per una batteria con capacita’ di 10 Ah la corrente 1C sara’ 10 Ampere
        Per una batteria con capacita’ di 20 Ah la corrente 1C sara’ 20 Ampere
        Per una batteria con capacita’ di 90 Ah la corrente 1C sara’ 90 Ampere

        Viceversa

        una batteria da 10 Ah se viene scaricata con una corrente da 10 Ampere significa che viene scaricata a 1C
        una batteria da 10 Ah se viene scaricata con una corrente da 20 Ampere significa che viene scaricata a 2C
        una batteria da 10 Ah se viene scaricata con una corrente da 100 Ampere significa che viene scaricata a 10C
        una batteria da 10 Ah se viene scaricata con una corrente da 5 Ampere significa che viene scaricata a 0.5C (mezzo C)

        il paramentro C e’ un parametro costante e distintivo della chimica e della tipologia costruttiva delle batterie , ad esempio TUTTE le celle Thundersky , indipendentemente dalla loro dimensione hanno come parametri caratterisitici una corrente di scarica massima di 3C ed una di carica di 0.5C

        Piu’ i C sono alti piu’ le batterie sono costose e raffinate , inoltre batterie con C alti hanno un minore sag sotto sforzo e quini sono piu’ efficienti.

        Spesso anziche’ usare batterie costose a parita’ di corrente richiesta si preferisce usare batterie meno costose ma piu’ grandi.

        Ad esempio una corrente da 200 Ampere puo’ venir erogata sia da un pacchetto di Lipo di fascia alta da 10Ah che dalle LifePO4 economiche da 50 Ah ,
        nel primo caso il pacchetto lavora a ben 20C , nel secondo a 4C. (ovviamente il pacchetto da 10Ah si scarichera’ prima delle batt da 50Ah)

        La capacita’ delle celle di lavorare con C alti e’ detta densita’ di potenza e si misura in watt/kg (densita’ gravimetrica) o in watt/litro (densita’ volumentrica)

        Ad esempio avere il pacco batterie diviso in 2 usandone solo una parte alla volta obbliga le celle ad un lavoro doppio ed a una usura molto piu’ rapida perche’ i C di lavoro sono raddoppiati

        Se questo we ho tempo magari preparo qualche articolo introduttivo e lo metto sul sito aziendale http://electro-vehicles.eu/ .
        p.s. buona fortuna con il raduno di domani

        Simone ( Athlon)

      • Simone said, on 9 marzo 2012 at 19:05

        p.s. giusto per introdurre il coefficiente di Peukert che si usa principalmente nelle piombo ma in realta’ e’ valido un po’ per tutte le chimiche ,
        questo coefficiente e’ quello che permette di calcolare la capacita’ REALE di una batteria al variare dei C di scarica , le piombo ad esempio
        soffrono molto i C ed una batteria scaricata ad un ventesimo C spesso ha una capacita’ piu’ che doppia rispetto a quella che puo’ offrire a C piu’
        bassi.

        Normalmente le batterie al piombo che trovi nei negozi sono vendute con il ratin C/20 (una corrente di scarica peri ad un ventesimo di C) ,
        viceversa nella trazione elettrica si usano correnti molto piu’ elevate e quindi le case serie usano come parametro il C/5 , cioe’ una corrente di scarica
        pari ad un quindi di C.

        Ad esempio le batterie dell’ E-max sono catalogate come 60Ah ma in C/5 , se volessi cercare in un negozio una batteria normale con caratteristiche equivalmenti
        doversti cercare delle 110Ah ( che e’ il rating a C/20 delle batterie dell’ E-max)

        Anche le Litio risentono delle scariche rapide pero’ in maniera meno accentuata e solo per correnti piu’ elevate ( da 2C in su)

  2. jumpjack said, on 9 marzo 2012 at 21:12

    L’effetto Peukert lo conoscevo, invece la faccenda del “C” mi convince poco, proverò a rileggere meglio quello che hai scritto.

    Per esempio, mi sembra una contraddizione dire:
    “C e’ il paramento che permette di indicare correnti di carica o scarica in maniera indipendente dalla capacita’ della batteria”
    e poi dire:
    “Con una corrente di 1C si intende una corrente con Ampere pari agli a Ampere*ora di capacita’ nominale.”

    E non ho ancora capito come hai calcolato:
    “motore da 2000w , tensione 48v , quelle batterie sono sottoposte a scariche continuative da oltre 4C ( per la precisione 4,16) ,”

    Questa invece non l’ho capita per niente:
    “La capacita’ delle celle di lavorare con C alti e’ detta densita’ di potenza e si misura in watt/kg (densita’ gravimetrica) o in watt/litro (densita’ volumentrica)”

    Secondo me la densità è un parametro statico mentre C è un parametro dinamico.

    Comunqe al momento io di batterie non ci capisco ancora niente.🙂

  3. jumpjack said, on 9 marzo 2012 at 21:26

    Ah, forse ho capito: le batterie sono da 10 Ah, ma per fornire 2000W, essendo da 48V, devono erogare 2000/48=41,6A, coiè 4,16 volte i 10Ah, quindi 4,16 C.
    Quindi invece le mie batterie da 60V/25Ah per fornire 1500 W lavorano a 1C?

    • Simone said, on 9 marzo 2012 at 21:53

      Esatto in entrambi i calcoli , come vedi le tue batterie sono molto meno stressate e resiteranno molto piu’ a lungo nel tempo rispetto alle altre.

      cosi’ ad occhio dovrebero piu’ o meno rompersi in un tempo pari ad un quarto del tempo che ci metteranno a rompersi le tue batterie.

      Con il salire delle potenze incomincia ad esserci un fattore di correzione dovuto al fatto che le performace richieste cominciano ad essere “soddisfacenti” … nel senso che uno scooter con un motore da 1500w sara’ praticamente sempre al massimo , uno da 4000 sara’ al massimo ma dopo poco la richiesta scendera’ perche’ si e’ raggiunta una velocita’ tale da essere alla pari con il traffico , se le performance di accellerazione richieste invece sono molto alte bisogna avere a bordo delle batterie di classe superiore , ad esempio le celle del Vectrix sono garantite per scariche fino a 15C senza problemi ( ovviamente a questa velocita’ si scaricano completamente in meno di 4 minuti)

  4. […] “Scoperti” due nuovi scooter elettrici […]


Puoi inserire un commento qui sotto; diventerà visibile dopo la moderazione dell'amministratore

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: