Jumping Jack Flash weblog

Diario elettrico 5 – Percorsi lunghi

Posted in ambiente, scooter elettrici by jumpjack on 13 giugno 2011

Diario di bordo

dello

scooter elettrico al litio

Zem Star 45

1500W/60Kmh/80Km


CAPITOLO 5


Clicca qui per l’INDICE DEL DIARIO

Nuova prova per lo scooter elettrico Zem Star 45 su percorso lungo , lo stesso del “diario 4”.

Al contrario della scorsa volta, anzichè tornare indietro all’esaurimento della prima batteria, ho switchato sulla seconda, in base all’ipotesi che i chilometri di autonomia “persi” in salita vengono recuperati quando, in discesa, si avanza senza toccare l’acceleratore.

La teoria si è rivelata ottima… ma non altrettanto la pratica: non conoscendo le strade della zona, ho girovagato senza meta in occasione di diversi bivi, col risultato di sprecare almeno 15, se non 20  km! Così… mi sono mancati gli ultimi 5 km per tornare a casa, e ho dovuto ricorrere a un passaggio di fortuna…

Il giorno dopo ci ho riprovato pianificando meglio la rotta: stavolta sono riuscito, anche se per poco, a completare il giro e tornare con successo alla base… nonostante abbia comunque perso 10 km in strade sbagliate! (Le indicazioni a Roma sono un vero enigma.) Sempre meglio dei 15-20 della volta scorsa… (l’altra volta non ho potuto misurarli, stavolta sì).

Comunque il risultato del chilometraggio è il seguente:

contakm iniziale: 1282

contakm finale: 1377

totale contakm: 95 km

Non sono però 95 km reali, per via del già detto fattore di correzione tra contakm e GPS: si tratta in realtà di 95/1.18 = 80,5 km

Interessante pero’ la suddivisione tra le due batterie:

prima batteria: 1282-1322 (40 km teorici in salita; in realtà 33,8)

seconda batteria: 1322-1377 (55 km teorici in discesa; in realtà 46,6)

Totale: 95 teorici (80,4 reali)

10 Risposte

Subscribe to comments with RSS.

  1. Anonimo said, on 29 giugno 2011 at 15:55

    Grazie per gli interessanti report sul tuo nuovo scooter.
    Mi stai per convincere all’acquisto, ho proprio voglia di iniziare a fare chilometri in barba agli sceicchi…

    Ti faccio qualche domanda se posso.
    Se ho capito bene hai due batterie con autonomia di circa 45 km ciascuna in piano. Come si passa da una batteria all’altra? Bisogna fisicamente scollegare e ricollegare uno spinotto sotto sella? E’ una operazione immediata?
    Si possono collegare entrambre sfruttando così l’autonomia totale di 90 km?
    E’ davvero così semplice come dicono sul sito staccare la batteria e portarsela dietro per ricaricarla?

    Grazie ancora
    Paolo

    • jumpjack said, on 29 giugno 2011 at 16:05

      Ciao,
      proprio oggi ho goduto sentendo la notizia di 4 centesimi di accisa aggiunti al prezzo della benzina… :-p

      A parte questo:
      – per passare da una batteria all’altra bisogna fermarsi, alzare il sottosella, spegnere l’interruttore di una batteria e accendere l’altro; piuttosto palloso, non so il perchè di questa scelta; probabilmente perchè hanno usato la meccanica preesistente di uno scooter a benzina, ed era il modo meno complicato: avvitare due interruttori nel sottosella, accanto alle batterie.
      Gli spinotti li colleghi quando metti le batterie a bordo, poi usi gli interruttori per passare da una all’altra (un interruttore ciascuna).
      Togliere le batterie è davvero semplicissimo: alzi il sottosella, stacchi i 2 spinotti e te le porti a casa.🙂 Se devi fare poca strada neanche serve di allungare il manico e usare le rotelle, visto che pesano solo 10 kg ciascuna.

      Le batterie NON DEVONO essere collegate insieme, senno’ si rovinano (così è scritto sul manuale).

      • Anonimo said, on 29 giugno 2011 at 16:19

        Grazie per la pronta risposta,
        la peculiarità di poter estrarre con facilità le batterie mi sembra davvero un’ottima cosa!
        Il mio percorso casa lavoro è di 10+10 km, lo zem potrebbe essere la soluzione ideale.
        Se dovessi fare l’acquisto te lo faccio sapere!
        ciao
        Paolo

        • jumpjack said, on 29 giugno 2011 at 16:33

          Felice di esserti stato d’aiuto.
          Per 10+10 km ti basta una batteria sola, cioe’ 700 euro di meno.😉
          Pero’ anch’io devo fare la stessa distanza… e alla fine mi sono comprato due batterie!🙂

  2. […] << Vai a TEST 3  –  Vai a TEST 5 >> […]

  3. […] << Diario 5 […]

  4. leomignemi said, on 6 ottobre 2011 at 12:43

    Ciao jumpjack,
    ho letto con moooolto interesse i tuoi test e mi dispiace molto non vederne altri (si fermano infatti a giugno).

    Perché ???
    Hai per caso venduto lo scooter?
    Sarebbe un peccato!!

    In ogni caso, io vorrei comprarmi uno scooter elettrico ma mi sono scontrato nel problema ricarica (non ho un box). Ho da ieri scoperto i due scooter ZEM che hanno la batteria estraibile (o meglio due) e mi sembrano la soluzione perfetta.

    Ma i dubbi sono:

    1) lo scooter mi sembra sia di fabbricazione cinese, giusto? Lungi da me il campanilismo becero-vetero-leghista, il punto è molto pratico: io voglio uno scooter elettrico per una questione ecologica, sostenibile. Da dove vengono le materie di cui è composto lo scooter? Qualche giorno fa leggevo di rubinetti radioattivi provenienti dalla Cina …

    2) Che tempi conosci (o hai avuto esperienza) sui ricambi?

    3) Montando una sola batteria, hai notato sbilanciamento di peso oppure le batterie, sullo scooter, sono montate una sopra l’altra?

    4) Lo scooter Smash, per il peso, per le prestazioni e per il costo, non mi sembra giustificabile. Lo Star ha più autonomia ed è più leggero. Altro ? Tu torneresti indietro?

    5) Conosci altri scooter a batteria estraibile?

    Un saluto e spero di leggerti presto.

    Leo

    • jumpjack said, on 6 ottobre 2011 at 19:14

      Non ho venduto lo scooter, è solo che non ho linkato tra loro le varie pagine del “diario elettrico”; giusto oggi sono arrivato a 5000 chilometri! Pero’ non ho più pubblicato test di autonomia perche’ ormai ho capito bene come funziona la faccenda. Comunque più tardi inserisco un post sui miei primi 5000 chilometri.😉

      1) Lo scooter è cinese… come TUTTI gli scooter venduti in Italia, a parte forse l’e-max. Le “grandi case” fanno solo finta di produrli, in realtà li espongono solo nelle fiere per bellezza.
      Non so con che materiale siano prodotti… ma perchè, tu sai con quali materiali è prodotta la tua auto?😉

      2) Per i ricambi ci sono voluti 15 giorni, ma era pure agosto.

      3) Sono montate affiancate in modo molto centrale, ma viaggio sempre con due, quindi non ti so dire di sbilanciamenti eventuali.

      4) Io sono contentissimo con lo Star… perche’ viaggio da solo. Per viaggiare in due penso sia decisamente meglio lo Smash, che pero’ pesa il doppio, quindi è molto meno maneggevole nel traffico (ho provato anche quello, a noleggio).

      5) Gli unici che conosco sono gli Aspes ( http://www.aspesitalia.com ), ma sono ibridi, e in elettrico vanno al massimo a 45 km/h (quello grande; il più piccolo va al massimo a 20 km/h).
      In progetto c’è l’emax al litio, ma non so se è giù uscito. Prova a sentire il tizio di http://e-maxroma.it/

  5. […] 5 – Percorsi lunghi […]

  6. […] Diario elettrico 05 – Percorsi lunghi […]


Puoi inserire un commento qui sotto; diventerà visibile dopo la moderazione dell'amministratore

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: