Jumping Jack Flash weblog

Fusione nucleare, anelli di fumo e delfini

Posted in intuizioni by jumpjack on 8 dicembre 2010

Come possono mai tre cose così diverse trovarsi insieme in uno stesso posto?!?

Osservate questi filmati:

http://www.youtube.com/watch?v=VbV98Z0QP-k

http://www.youtube.com/watch?v=bT-fctr32pE&feature=related

E ora guardate questa immagine:

tokamak reactor

L’immagine mostra uno spaccato di un tokamak, una macchina in cui si dovrebbe realizzare la fusione nucleare, se non fosse per il fatto che il plasma, a milioni di gradi, tende a sfuggire dal confinamento magnetico indotto dai magneti, a colpire le pareti, contaminarle e contaminarsi, compromettendo la fusione.

Da wikipedia:

Magnetic fusion energy

All of these devices have faced considerable problems being scaled up and in their approach toward the Lawson criterion. One researcher has described the magnetic confinement problem in simple terms, likening it to squeezing a balloon – the air will always attempt to “pop out” somewhere else. Turbulence in the plasma has proven to be a major problem, causing the plasma to escape the confinement area, and potentially touch the walls of the container. If this happens, a process known as “sputtering”, high-mass particles from the container (often steel and other metals) are mixed into the fusion fuel, lowering its temperature.


Recentemente è stata trovata una possibile soluzione:

Taming thermonuclear plasma with a snowflake

November 8, 2010

Physicists working on the National Spherical Torus Experiment (NSTX) at the Princeton Plasma Physics Laboratory are now one step closer to solving one of the grand challenges of magnetic fusion research — how to reduce the effect that the hot plasma has on fusion machine walls (or how to tame the plasma-material interface).

http://www.physorg.com/news/2010-11-thermonuclear-plasma-snowflake.html

E se ce ne fosse un’altra?

Se fosse possibile imprimere al plasma, tramite i campi elettromagnetici, una “autorotazione ad anello” come quella degli anelli di fumo?

E’ infatti una caratteristica degli anelli di fumo (o di aria sott’acqua), quella di essere estremamente stabili, cioe’ di mantenere la loro forma intatta nonostante la profonda diversità del materiale che li compone rispetto a quello che li circonda, e tutto questo senza nessun apporto di energia dall’esterno; anzi, nel caso degli anelli vulcanici, c’e’ sicuramente cessione di energia verso l’esterno, poiche’ si formano e persistono  a quote di 3000 metri, quindi a temperature sotto lo zero, pur essendo formati da vapore bollente.

Una classica nuvoletta di vapore, invece, tende naturalmente a disperdersi in ogni direzione… proprio come tende a fare il plasma nonostante i tentativi di contenerlo.

2 Risposte

Subscribe to comments with RSS.

  1. Intuizioni « Jumping Jack Flash weblog said, on 8 dicembre 2010 at 22:40

    […] – La fusione nucleare con toroide rotante autosostenuto […]

  2. […] Fusione nucleare, anelli di fumo e delfini […]


Puoi inserire un commento qui sotto; diventerà visibile dopo la moderazione dell'amministratore

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: